Francesco&Marco hanno una trentina d'anni, eppure portano sulle spalle anni di esperienza con quelli bravi. Sarà per questo che entrare a Villa Tessier, il primo ristorante "tutto loro" mette già a proprio agio: un uso sapiente dell'accoglienza, un'eleganza discreta e la sensazione che lì dentro si possano trovare pace e piacevolezza. Un locale creato "come piace a loro", con tante piccole attenzioni, a partire dalla presentazione dei piatti, avanguardista e ricercata, a cui corrisponde una sostanza di assoluta qualità. 

La barchessa è romantica e moderna 

La barchessa di Villa Tessier è un luogo bello e rilassante di per sé, ma il tocco che gli hanno dato Francesco&Marco è ammirevole, per la pazienza con cui hanno cercato di mantenere fede alla struttura originaria nella sala da pranzo, la ex stalla, in cui è stato recuperato l'antico pavimento il cui disegno viene riproposto sul bancone e nel logo del locale. Il bancone, prodotto dell'ingegno dei due è insieme elegante e super cool, e il porticato, usabile anche d'inverno, con le tende che si abbassano a creare una veranda chiusa e riscaldata è il tocco in più. Nella sala da pranzo lo studio legato all'accoglienza non tralascia nulla, nemmeno l'acustica, migliorata dal'installazione di discreti pannelli fonoassorbenti. 

Il menu è snello e ben pensato 

La cucina dà il meglio di sè con una carta semplice, fatta di proposte fresche e verdure di stagione. Il talento in cucina di Marco, che ha passato sette anni al fianco di Elio Sironi, si vede nella tecnica e nelle scelte: semplici, efficaci, sorprendenti. Suo piatto forte è il Tonno su tonno, un carpaccio di tonno con salsa tonnata e foglioline edibili di cappero. Quando diciamo che la stagionalità di Villa Tessier è vera, intendiamo che la spesa di frutta e verdura viene fatta personalmente seguendo rigide scelte di stagione perché ogni prodotto deve essere all'apice de suo sapore naturale. Inoltre, ordinare i piatti è facile: niente menu chilometrici. La carta si legge tutta al primo colpo, senza girare pagina.

L'idea che la condivisione sia importante

Tra le proposte più interessanti della carta c'è la degustazione di antipasti, in cui tutti gli antipasti in carta vengono portati al tavolo, a più riprese, in mini porzioni da un boccone a testa, un modo interessante di avvicinarsi alla cucina di questo locale e per consentire a tutti di assaggiare moltissime cose. Ma anche la dimostrazione che la cena è un'esperienza a 360°: non basta che la cucina sia al massimo ma anche la sala, l'atmosfera e l'impostazione generale del ristorante concorrono a creare l'atmosfera giusta. 

I dessert vintage (con un tocco in più)

Tra i dessert ci colpisce la Tarte tatin con zenzero e gelato alla vaniglia, un grande classico della cucina francese riproposto al locale, con un tocco personale. Anche gli altri dolci a menu rispecchiano la filosofia della cucina: ingredienti e sapori riconoscibili, (ri)proposti con una visione personale, sperimentale e mai scontata. Lo studio dei contrasti di sapore e di consistenza si applica a ogni singola portata. 

L'aperitivo con i cichetti espressi 

All'aperitivo il locale ha dedicato una bella porzione di sè, nel senso che la sala interna è stata studiata con un bancone da cui parte solo il servizio beverage e, sotto il porticato, una porzione dei tavoli è riservata all'aperitivo. Oltre agli ottimi vini, tra cui il Prosecco DOCG (usato anche per lo spritz, il locale ha fatto la scelta di non avere nulla alla spina) e i vini di Mosaico (azienda legata a progetti sociali di inserimento lavorativo), con 5 euro è possibile ordinare un piattino di cicchetti espressi, tra cui le mozzarelline in carrozza della casa, fritte al momento. 

Il bitter bar e gli Americano sartoriali

Ancora una volta è la passione da gourmand di Marco&Francesco a spingerli verso frontiere dell'ospitalità sempre nuove. Qui l'aperitivo di punta è l'Americano perché la bottigliera di Bitter e Vermouth è ampia e piena di chicce. Così, oltre agli abbinamenti indicati da listino, l'Americano può essere cucito su misura sul cliente: le combinazioni sono praticamente infinite. 

Gli eventi eleganti e rilassati 

La barchessa è la location perfetta anche per eventi privati, tra cui eleganti e moderni matrimoni improntati su pranzi e cene "svecchiati": meno ore seduti a tavola, più possibilità di movimento e condivisione grazie a un menu fatto di assaggi, da prendere, gustare, scambiare. 

  • APERITIVI MEMORABILI
  • MANGIARE ALL'APERTO
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Ti spiego perché la marijuana light si usa per il relax

Sempre più persone ne fanno largo uso per rilassare corpo e mente. Ma cos'è veramente la pianta che in America sta facendo parlare di una vera e propria “green rush”, la corsa all'oro verde? Un esperto del settore fa il punto della situazione in Italia e ce ne spiega i benefici.

LEGGI.
×