Parliamoci chiaro. Quante volte, prima di prenotare il tavolo al ristorante (sì, anche se ci è stato consigliato dagli amici più cari) andiamo a sbirciarne la pagina Facebook? Nella piccola bio social DiMe si definisce una "food & design factory". E mai descrizione fu più appropriata, perché questo ristorante di pesce a Marghera è una vera e propria fucina creativa, attenta alla verità delle cose: della materia prima, della terra e della storia che vede protagonista Marghera in una chiave insolitamente ricca d'avanguardia estetica e di sapori. Ammirare ed assaggiare per credere, invitati dalla carica artistica della chef e owner Serena Bergamo che accoglie gli ospiti nel suo mondo in divenire: "Non siamo solo un ristorantino, un caffè o un bistrot, siamo un piccolo salotto dove cucina gourmet e percorsi enogastronomici attendono chiunque avrà voglia di intraprendere questo viaggio insieme a noi".

Dove siamo e perché siamo

DiMe Bistrot mette radici nella zona commerciale di Marghera nel 2015, vicino al grande centro commerciale Nave De Vero. Tra i tanti negozi e locali che si susseguono uno dopo l'altro, in uno standard architettonico ferreo e privo di personalità, DiMe si qualifica come un recupero industriale modello: quella che assomigliava ad una baracca dismessa si è trasformata in un building di design. Ferro, vetro e legno si fondono in armonia creando un habitat creativo e avvincente, cornice e supporto attivo dell'idea gastronomica fuori dagli schemi di Serena Bergamo.


Ma c'è qualcosa di più che continua ad attirare neofiti ed habitué e va ben oltre il piacere di accomodarsi in una location unica per la terraferma veneziana: qui si tratta di amore, non solo per una cucina artigianale fedele al prodotto, ma anche per il territorio di Marghera e il suo fascino decadente nato da un passato importante e rivolto senza indugi ad un futuro di innovazione e rivalutazione. Una visione che non capita di incontrare tutti i giorni e che, tra le altre cose, si può assaporare con estremo godimento. 

La cucina di pesce rispettosa e sfidante

L'equilibrio e la sperimentazione regnano sovrani nella cucina di DiMe e convivono in un matrimonio perfetto. Da un lato c'è la materia prima, la regina indiscussa. Viene scelta in base alla stagionalità e alla freschezza, curata, rispettata ed esaltata. Dall'altro c'è la sperimentazione che conduce verso nuove frontiere del gusto senza eccessi. Si personalizza con stile e si ricerca con competenza, prendendosi la libertà di esaltare con tocchi personali anche i grandi classici con la sacra consapevolezza che il ritocco non è un bisogno ma una velleità. Il concetto è quello del bistrot francese: si cambia ogni giorno, si mangiano piatti pazzeschi, si riesce a controllare il prezzo.

P.s: il pane è fatto in casa con lievito madre. 

Tutti a tavola!

La maggior parte delle proposte sono di pesce e molte di queste lo presentano nella sua essenza: crudo. Il menù è poco accademico e molto personale, sempre stagionale e votato agli ingredienti del territorio. Sia per il pranzo che per la cena tutto si basa sulla disponibilità delle materie prime e sulla sensibilità della chef Serena Bergamo. Tra i piatti che hanno calcato i tavoli del DiMe nella stagione estiva: lo Spaghettone aglio, olio, peperoncino, menta e bottarga; il Sashimi di ricciola, melanzana fumé, brunoise vegetale e basilico; l'Assoluto di Pomodoro (composto da 12 diverse tipologie di pomodori e l'utilizzo del sifone) e il Raviolo di gallinella, pomodoro, lampone e melissa.


Sono preparazioni frutto di un processo immersivo che si origina già con una forma ben precisa, quella che andrà a prendere nel piatto come coronamento del suo sapore, regalando un'esperienza gastronomica a tutto tondo. Esperienza imprescindibile dal vino, dove si rimane legati al territorio veneto oppure si guarda alla Francia con un alto turnover di vini ospiti dall’Italia e dal mondo, sempre diversi. Accanto ai vini una selezione particolare di birre internazionali e una collezione di distillati, soprattutto gin artigianali.

Si esaudiscono desideri senza perdere l'identità 

Se si tratta di un pranzo di lavoro vorremmo mangiare qualcosa di salutare, leggero e veloce. Mentre per una cena romantica non guardiamo l'orologio e ordiniamo alla carta, dall'antipasto al dolce, con l’immancabile bottiglia di vino in pairing. Dime, in questo senso, è un vero bistrot che si adatta ai diversi momenti della giornata e alle diverse occasioni mantenendo intatto lo stile di cucina. Con dei bonus: la possibilità di concordare un piccolo menù degustazione di fattura sartoriale o di godere dell'esperienza unica della degustazione al buio: dalle 5 alle 7 portate completamente guidate dalla mano della chef.


DiMe
Indirizzo: Via Colombara, 42 - Marghera (VE)
Telefono: 041923786

Servizio fotografico ideato dall'agenzia di comunicazione La Tellina SRL e realizzato in esclusiva per DiMe Bistrot da Alberto Bogo

  • RECENSIONE
  • BISTROT
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×