"Eravamo quattro amici al bar" canta Gino Paoli, in un grande classico della musica italiana. Nel caso di San Pierino, invece, ci sono quattro soci e una trattoria in centro a Firenze, nella quale i protagonisti di questa storia hanno messo a frutto l'esperienza condivisa e il solido rapporto costruito in un ristorante storico della città.


A quattro anni dall'apertura, a due passi dalla cattedrale di Santa Maria del Fiore, la Trattoria San Pierino è diventata meta sia dei turisti che curiosano nella zona dell'omonimo arco e in generale nel cuore rinascimentale della città, sia di chi lavora nella zona. Perché fra gli obiettivi del locale, sin dagli albori, c'è quello di riportare il fiorentino in centro, superando il pregiudizio che vuole la qualità a esclusivo appannaggio delle colline circostanti Firenze.

Da quattro anni un'amicizia diventata società


I nomi della Trattoria San Pierino sono quelli di Antonio Modica, Gianluca Tazioli, Roberto Cianciarulo e Vincenzo Pirozzi. Il loro rapporto si è rinsaldato in anni di esperienza professionale fino a quando, nel 2018, si è presentata l'occasione per mettersi in proprio. E raccontare la propria idea di accoglienza e di cucina. Gianluca e Vincenzo sono gli artisti della cucina, mentre Roberto e Antonio sono i responsabili della sala. Quattro soci lavoratori, che condividono l'idea di proporre sia i classici della cucina toscana, sia proposte della tradizione nazionale italiana.

A pranzo cucina espressa con specialità toscane


Per il rito del pranzo la Trattoria San Pierino propone un menu del giorno di cucina espressa, dedicato soprattutto a quanti lavorano negli uffici della zona, che possono qui beneficiare di un piatto caldo senza spendere cifre astronomiche. Il ventaglio delle opzioni suggerisce interessanti specialità regionali come lo Stracotto, l'Inzimino, la Pasta al gran ragù toscano con carne di manzo. Occhio alle proposte di pesce, che siano primi alla pescatora, con cozze, vongole e totani oppure secondi piatti come i Tentacoli di totani alla griglia, la Coda di rospo al forno, lo Spada alla griglia. 

La cena: grandi classici di qualità


Dalla cucina espressa del pranzo ai piatti più elaborati che catturano l'occhio e fanno venire l'acquolina sul menu dell'ora di cena. Qualità è la parola d'ordine, a partire dagli antipasti: prosciutto, finocchiona e formaggi arrivano da produttori d'eccellenza della Val d'Orcia. Lo sformatino di zucchine con salsina di pecorino non è solo un'alternativa per vegetariani. Prosciutto, coccoli e stracchino sono identitari, così come il crostino tipico toscano, dal gusto equilibrato che convince anche i più scettici.

I primi piatti: carne o pesce, a voi la scelta


A partire dai primi di pasta fresca, come il Raviolone con ricotta e spinaci ma con stracciatella di bufala e condito con pomodorini, la Pappardella al ragù di cinghiale, ma anche lo Spaghetto con guanciale, pecorino e cipolla stufata, variante della Gricia. In base alla stagione e al mercato, da non perdere anche le specialità di porcini e tartufo. Profumo (e sapore) di mare nello Scialatiello con vongole veraci, nella Calamarata alla pescatora e nel Raviolo con tonno fresco e limone.

Bistecca ma non solo: fra i secondi anche polpi e seppie


Fra i secondi piatti, la copertina è tutta per la Bistecca alla Fiorentina, ma fanno la loro gran figura anche il filetto e la tagliata di manzo, così come le costolette di agnello a scottadito: chi ama il genere, apprezzerà. Fra i secondi di pesce, non mancano mai il polpo e la seppia alla griglia, così come la tagliata di tonno

I dessert e le attenzioni per celiaci e vegetariani


Dalla torta di mele al cioccolato e pera, i dolci sono tutti fatti in casa da Enzo, le cui origini napoletane irrompono nella Caprese al cioccolato e in quella al limone. Decisamente apprezzato dagli ospiti di Trattoria San Pierino è anche il tiramisù. Gran parte dei dolci, torta di mele inclusa, sono senza glutine. Nel menu, in generale, c'è sempre grande attenzione alle esigenze di celiaci e vegetariani.

I vini: eccellenze a prezzi ragionevoli


Lustri di esperienza nella ristorazione hanno portato i quattro soci di Trattoria San Pierino a saper cogliere le esigenze della clientela e a scegliere, di conseguenza, anche i vini da abbinare alla proposta gastronomica. Qui si punta su piccole aziende fiorentine e toscane, con una scelta che ricade soprattutto su Chianti Classico e Bolgheri. Ci sono etichette blasonate, Banfi su tutte, ma tendenzialmente si cerca l'eccellenza a prezzo ragionevole.

Saletta e menu dedicati per eventi privati


L'attenzione al cliente si riverbera anche nella gestione degli eventi privati, che è possibile organizzare nella sala al piano superiore. Che sia una cena aziendale o un compleanno, si cerca di fare un menu dedicato a loro (carne, pesce, tradizionale), ragionando sul loro budget e sulle preferenze degli ospiti.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×