Mario Cimino e il suo staff sono pronti ad accogliervi sulla piattaforma in cui la vita ha il battito e il profumo delle onde del mare

Dopo aver passato mesi a guardare il mondo da una finestra, al massimo affacciati al balcone, è tempo di tornare a respirare. Ci sono posti molto belli dove farlo, in tutta Italia. Ma in Puglia la natura è stata particolarmente generosa e, grazie all'ingegno umano, la costa è ricca di luoghi in cui accompagnare il belle e buono di un piatto cucinato bene, con testa e cuore, al lusso naturale della vista mare. A Trani c'è un luogo che, più di molti altri, ha un fascino unico e speciale: stiamo parlando di Aquae Seaside Restaurant & Bar.

Cos'è il lusso naturale

Come dice Dante Alighieri, è «l'amor che move il sole e l'altre stelle». Così è successo a Mario Cimino, calabrese di nascita e tranese di adozione. Per seguire sua moglie Michela, nativa di Andria, insieme hanno cercato il posto giusto per mettere tutta la loro esperienza nel mondo dell'alta hotellerie. Lo hanno trovato nell'antico Lido Bella Venezia, un luogo storico della Trani vacanziera, incastonato sulla riva della Villa Comunale. Qui hanno recuperato un vecchio ristorante dimenticato e gli hanno dato nuova forma ed eleganza. Al centro di tutto, il mare. Come spiega Mario Cimino, «oggi il lusso è quello di avere una vista sull'orizzonte. Noi non dobbiamo fare molto: si crea da solo».

Un affaccio sul mare

Per vivere l'esperienza Aquae Seaside Restaurant & Bar, bisogna varcare i cancelli della Villa Comunale di Trani, in Piazza Plebiscito. Dopo aver raggiunto la balconata e aver sceso qualche gradino, si entra in una piccola costruzione, dove si può sbirciare su ciò che accade in cucina. Poi, varcata la soglia, si accede a una vasta piattaforma. Tanti piccoli divanetti sono lì per realizzare un grande desiderio: quello di fare colazione, di bere un calice di spumante o un cocktail vista mare, accompagnando il momento con finger food a tema marino. Ma per chi vuole celebrare il ritorno alla vita con un pranzo o una cena unici, ci sono i comodi tavoli. Nel rispetto delle vigenti norme di sicurezza, si può assaporare la cucina di pesce di Aquae Seaside avvolti nella brezza marina.

Cucina mediterranea, arriviamo!

Mario Cimino e il suo staff in cucina hanno “restaurato” anche il menu. Alle sue origini calabresi ha dedicato un posto d'onore, attraverso la Cipolla Rossa di Tropea, mentre alla Puglia ha fatto spazio attraverso il pesce azzurro. Sgombro e cefalo fanno il loro ingresso trionfale in carta perché da Aquae Seaside Restaurant si celebra il lusso naturale sempre, anche a tavola, grazie all'esaltazione della cucina mediterranea. Il principio quida è quello della stagionalità. Poi ci sono le mani, che lavorano pane e pasta fresca. In omaggio alla tradizione di famiglia, Cimino fa da sé gli spaghetti alla chitarra con il celebre telaio che lo riconnette ai ricordi di famiglia. Nato nella ristorazione, ora può finalmente realizzare il suo food concept.

Una volta accomodati al tavolo, si può scegliere tra tre menu degustazione. Il classico è composto da cinque portate. L'esteso ne ha sei. Ma per chi vuole osare, c'è il tandem Chef-Sommelier: sei portate con predessert e dessert, accompagnate da sei calici, studiati in abbinamento ai piatti pensati dalla cucina per quel giorno. Completa l'opera una grande attenzione alla sala e un team di cucina più strutturato: il tutto per dedicare la giusta attenzione a chi è in cerca di un momento miliare. Il piatto da non perdere? Carpaccio di triglia leggermente marinato al gin tonic con perline di melone e spirale di rapa rossa, da accompagnare a un calice di Tramari.

Cosa si beve da Aquae Seaside

La cucina arriva in tavola fiera e consapevole, pronta a sedurre. Ma la magia si completa nel calice. Cimino e il suo team hanno messo a punto una carta che ricalca il concetto di lusso: con circa settanta etichette che toccano tutte le regioni d’Italia, ogni persona può trovare la sua bottiglia. Insieme a molta puglia, si scorgono nomi esteri. Non mancano gli champagne, circa dodici etichette blasonate. Amanti del naturale, segnatevi questo indirizzo: da Aquae Seaside sono in arrivo anche le cantine Triple A e quelle che lavorano con metodo ancestrale. Infine, chiedete la carta delle acque: sono in lista cinque tipologie perché ogni piatto ha bisogno delle sue appropriate caratteristiche organolettiche per brillare davvero, anche con un 

Sweet moments

Un punto da non trascurare nella sosta da Aquae Seaside è il momento del dolce. Il secondo chef ha doti magiche in pasticceria: dai mignon da caffè al dessert al piatto, c'è da vivere un vero incanto. Basta pensare ai sorbetti: saranno due, al lampone e passion fruit oppure al cioccolato fondente e rum. Il tutto si sposa con un'altra propaggine preziosa della cantina, dove occhieggiano una selezione di distillati, tra cui una insolita e affascinante grappa bianca distillata in anfora.

Qual è il tavolo migliore?

Fidatevi: qui non c'è un tavolo migliore. Da Aquae Seaside ogni tavolo è la scelta giusta. Ma ce n'è uno davvero speciale. Si tratta dio un piccolo privé sulla piattaforma, dedicato a un massimo di quattro persone, a cui sono riservate le attenzioni di un cameriere in esclusiva, che accompagna gli ospiti in un percorso degustativo. A questo tavolo – così come a tutti quelli vicino al limite della piattaforma – si può pranzare con gli occhi dentro il mare. In più, dato che l’intera struttura esterna non ha barriera murarie, anche pranzando al centro della piattaforma si ha la sensazione di essere in mezzo al mare.

Cosa non chiedere mai da Aquae Seaside

Da Aquae Seaside non si viene per mangiare velocemente. Qui si vive slow: il cibo incontra la voglia di stare a tavola, l’esperienza che solo l’ambiente giusto, creato dal lusso naturale del mare circostante, e il cibo preparato con attenzione sanno creare. Da Aquae Seaside le classiche tre portate creano una bolla temporale in cui perdersi, grazie a una degustazione di oli e all’entrée di benvenuto, oltre all’atmosfera impagabile.

  • RECENSIONE
  • RISTORANTE DI PESCE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×