In Oltrarno, nel quartiere delle botteghe artigiane e delle trattorie mette radici una cucina nipponica ancor più tradizionale, legata alle ricette classiche e al piacere della convivialità. A due passi da Porta Romana il ristorante Il Cuore rimodula la sua proposta combinando lo stile Izakaya al gusto tutto fiorentino per le specialità etniche. Diventa una saketeca dove si possono gustare vino birra e logicamente sake, comodamente seduti, mentre si assaggiano piatti tradizionali giapponesi. Nella terra dei ciliegi in fiore tutto questo viene espresso con una sola parola Izakaya: I (sedersi), Saka (sake, vino, birra) e ya (locale).
 
COME SI ESPRIME LA SAKETECA IN STILE IZAKAYA

La saketeca in stile izakaya è una vera e propria evoluzione per il Cuore che così propone un locale dall’atmosfera ancor più rilassata e alla mano, con un menu tradizionale dove spiccano piatti di raffinata semplicità preparati sempre con prodotti di stagione. Specialità da abbinare alla perfezione con vini e sake per apprezzarne profumi e sapori. E dato che lo stile izakaya è informale per eccellenza, le varie portate sono servite in un grande piatto: perfetto da condividere con gli altri commensali.

IL PIACERE DELLA CONVIVIALITA'... DA BERE

Lo stile izakaya trasmette l’idea di un momento di relax completo, da dedicare solo al piacere e al gusto. In compagnia di amici o della persona cara si viene guidati in un percorso gourmet per conoscere e apprezzare i piatti tipici del Sol Levante con i giusti abbinamenti di vino e sake. Ampia la scelta di vini bianchi e rossi, mentre per chi apprezza il sake la scelta è tra una decina di etichette.
 
NEL MENU LE SORPRESE NON FINISCONO MAI

In carta tante le novità per soddisfare le esigenze di chi apprezza lo stile izakaya. Oltre alla scelta di sashimi (salmone, orata, tonnetto, tonno o assortito), di sushi (sgombro marinato, salmone, orata, tonnetto con aceto giapponese, dentice, ricciola e tonno) e di temaki zushi: il cono di sushi con orata e salmone, nella sezione riso e zuppa si sono aggiunti la ciotola di riso con maiale (mini buta don) e in alternativa con manzo giapponese (mini wagyu don). Altrimenti per gli amanti del pesce la ciotola di riso con pesce crudo (gomoku chirashi zushi) e la zuppa del giorno.
Per chi ama un buon piatto caldo la scelta spazia dalla lingua di manzo con condimento di porro all’arrosto di maiale marinato con saikyo miso e le polpette di pollo con salsa teriyaki. Non mancano tempura e yaki udon: gli spaghetti giapponesi saltati. Tra i piatti freddi il sunomono all’aceto, lo sgombro marinato e la frittata giapponese. Tra le insalate il Cuore con misto di verdure e pesce crudo. Rinnovata la carta dei dolci: torta al tè genmai e azuki con composta di mandarino al sake, panna cotta al latte di soia e tè hoji, torta di lampone con spuma di cioccolato, sorbetto di yuzu (bergamotto giapponese) e gelato al tè matcha.
 
NUOVO CHEF, STAFF TUTTO GIAPPONESE

Il nuovo corso de Il Cuore si accompagna all’ingresso in cucina dello chef Ryusuke Ota. Una presenza la sua che va ad aggiungersi ad uno staff tutto giapponese. La brigata di cucina e il personale di sala sono infatti i primi a far conoscere ed apprezzare lo stile izakaya suggerendo i migliori accostamenti.

  • RISTORANTI E CIBI ETNICI
  • ETNICO
IN QUESTO ARTICOLO
×