Là dove la cucina toscana sposa le ricette orientali, un incontro nel segno di Toshi

Pubblicato il: 15 novembre 2019

Là dove la cucina toscana sposa le ricette orientali, un incontro nel segno di Toshi

Gli opposti gastronomici si incontrano in Borgo Pinti a Firenze. Succede nella Trattoria Accadì e da Iyo Iyo. I due locali a dispetto delle differenze culturali hanno in comune più di quanto si possa pensare: il proprietario è lo stesso. Si tratta di Toshifumi Mitsubiki, da tutti conosciuto semplicemente come Toshi. Con i due locali Toshi riesce a conciliare la passione per la cucina italiana con la tradizione gastronomica giapponese. Il giusto compromesso per chi non sa rinunciare mai alla cucina toscana e per chi ama l’etnico e in particolare le prelibatezze giapponesi.
TRIPPA, PEPOSO, FIORENTINA E…

Accadì è l’omaggio di Toshi al suo grande amore per la cucina italiana. La trattoria in origine si chiamava Da Nello ma a parte il cambio di nome tutto è rimasto seconda tradizione. Arredi in legno e stampe alle pareti per ingentilire l’ambiente dal sapore un po’ rustico.
Il menu è abbastanza tradizionale: crostini toscani, affettati e formaggi non mancano mai all’antipasto. La pasta è artigianale: tra le specialità ci sono i maltagliati e gli gnocchi, accompagnati da sughi di carne e di pesce.
Tra i secondi la trippa alla fiorentina, il peposo, la tagliata di manzo, il coniglio, il pollo fritto con verdure e la bistecca alla Fiorentina. Per chi preferisce il pesce il baccalà alla livornese non manca mai. Dolci fatti in casa, a cominciare dai cantucci con il vin santo.

Nel segno della tradizione anche la carta dei vini: uno spaccato della Toscana tra bianchi e rossi, con etichette che appartengono allla Gran Riserva del Chianti Classico e Supertuscan. 
IL GIAPPONE E’ VICINO

Iyo Iyo è da sempre un indirizzo caro agli amanti della cucina giapponese. Toshi, a dispetto dei locali “all you can eat” dal menu chilometrico, si è riuscito a imporre con un locale dallo stile spartano. Soprattutto propone la cucina giapponese più casalinga, preparata al momento dietro a una parete a vetri. Pochi e selezionati i pezzi di sushi e sashimi grande lo spazio per il quinto quarto a cominciare dal celebre lampredotto don.

Tra i grandi classici di Toshi l’okonomiyaki (la pizza di Osaka), il kaisen don, i futomaki, gli edamame e l’insalata wakame. Da accompagnare con birre giapponesi o un quartino di sake.
CERCALO AL MERCATO CENTRALE
La cucina giapponese di Toshi si può apprezzare anche al primo piano del Mercato Centrale dove Toshi ha uno stand. Qui si possono trovare i piatti che hanno decretato il successo di Iyo Iyo.

  • RISTORANTI E CIBI ETNICI
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Guida Michelin 2020: un nuovo tre stelle, due nuovi due stelle e 30 nuovi ristoranti stellati (e con chef giovanissimi)

La rinomata Guida Michelin ha rivelato a Piacenza la sua edizione 2020 con tutte le nuove stelle, scopriamole.

LEGGI.
×