Non puoi dire di aver fatto serata a Firenze finché non l'hai fatta in questi 5 storici cocktail bar

Pubblicato il: 8 marzo 2016

Non puoi dire di aver fatto serata a Firenze finché non l'hai fatta in questi 5 storici cocktail bar

Firenze non è una piazza facile per i cocktail bar. Innanzitutto perchè regna sovrana la cultura del vino, come se non esistesse altro. In secondo luogo perchè, in generale, i cocktail bar sono più vulnerabili rispetto ad altre categorie di locali. Il perchè è semplice: sostanzialmente non propongono cibo o bevande che piacciono più o meno a tutti, per cui devono essere in grado di offrire drink di qualità, di raccontare o trasmettere qualcosa attraverso quello che apparentemente sembra una semplice bevuta, di creare tendenze. Dopo aver parlato dei pub storici di Firenze, voglio allora parlarti anche di alcuni cocktail bar di Firenze aperti ormai da diversi anni e sempre molto amati e frequentati dai fiorentini:

L'American bar old style

Anche se definire Harry's Bar un cocktail bar storico sia un po' riduttivo, posso dire che dal 1952 è un ristorante e American bar che si è sempre contraddistinto per la qualità della proposta e del servizio. Fiore all'occhiello di questo storico locale il bar, merito dell'indimenticato barman Leo Vadorini prima, a cui va riconosciuto il merito di aver diffuso il nome del locale ben oltre i confini nazionali, e del bar manager Thomas Martini ora, che ha portato ad Harry's Bar il suo stile classico ed elegante.

Il cocktail club vissuto

Se parliamo di cocktail bar storici di Firenze, Surf Ventura è un must, uno di quei posti dove non puoi non essere stato. Le scritte alle pareti testimoniano che è lì dagli anni '80 e, insieme al resto degli oggetti che arredano l'interno e alle fotografie del proprietario Mauro, rendono il posto profondamente vissuto. Niente insegne (è un club) o luci e arredamento cool, il successo è merito di Maurino, personaggione che farebbe venire la passione della fotografia a chiunque, e dei suoi buonissimi beveroni alcolici. La tessera è a vita perchè non puoi fare a meno di andarci e di consigliarlo pure ai tuoi figli.

L'art bar dei cocktails alla frutta

Avrà 20 anni anche l'Antico Caffè del Moro Art bar, altro cocktail bar storico, che noti appena quando passi da via del Moro. Quando l'ho conosciuto io lo gestivano due fratelli che realizzavano coreografici cocktails di frutta fresca di cui il banco era ricolmo, sia alcolici che analcolici. L'ambiente è più tranquillo del Surf Ventura, ma l'atmosfera è rilassante e sembra fatta apposta per una serata tra chiacchiere fitte e drink golosi.

Il ritrovo dei fiorentini

Nato nel 1981, Il Rifrullo è da anni uno dei punti di ritrovo preferiti da fiorentini e non di tutte le età, soprattutto per l'aperitivo e ora anche per il brunch domenicale, complice anche il quartiere in cui è collocato, San Niccolò, in cui il tempo sembra essersi fermato. Oggi propone serate sempre diverse come la serata Live music&hamburger del mercoledì, la Ladies Night del giovedì, l'aperitivo a tema del venerdì, ma ospita spesso anche feste di compleanno nella sala con il caminetto o in quella che ricorda un rifugio di montagna.

Il bar dove si beve, si parla, ci si bacia

Più recente tra i cocktail bar storici di Firenze citati è il Rex, nato nel 1990, ma sempre in grado di evolversi e rinnovarsi. Grazie al sapiente staff del bar, che sa il fatto suo nell'ambito della miscelazione, alle serate ogni giorno della settimana diverse, alla coinvolgente selezione musicale, all'originale ambiente, Rex è ancora un luogo d'incontro di molti fiorentini. Insomma, non ci pensa neppure ad affondare, come il transatlantico a cui s'ispira.

(Foto di copertina di Walter Quiet di Rex da Facebook)
Questo articolo ti ha fatto venir voglia di un cocktail? Iscriviti alla newsletter di 2night per avere solo l'imbarazzo della scelta

  • DOPOCENA
  • MAGAZINE
  • EAT&DRINK

scritto da:

Maddalena De Donato

Lucana di nascita e fiorentina di adozione, ho scoperto in Toscana i veri piaceri della vita: mangiare bene, bere ancora meglio, viaggiare, condividere, ma soprattutto scrivere. L'unica arma che tollero è il cavatappi e scoprire nuovi locali è una dipendenza da cui non riesco ad uscire. Non a caso il mio blog si chiama Mad Tasting.

POTREBBE INTERESSARTI:

Te lo racconto io lo yoga. Wanderlust 108, ovvero come ho trovato la mia dimensione, divertendomi

L’unico Mindful Triathlon al Mondo. Cinque chilometri da percorrere correndo o camminando, una sessione di yoga e una di meditazione guidata.

LEGGI.
×