Entrare da Corner Bar, storico bar di quartiere sito all’Arcella da ben 22 anni, non è solo una esperienza sensoriale (il profumo di tramezzini ti avvolge già dal parcheggio adiacente) ma è anche, e forse soprattutto, una botta di gioia pazzesca perché qui se la scelta degli ingredienti di qualità è cosa sacra, beh l’accoglienza lo è ancora di più. Abbiamo fatto due chiacchiere con i tre soci titolari, i fratelli Stefano e Corrado Lucadello e la moglie dello stesso Stefano, Silvia Fattore e che altro dire se non: che trio incredibile!
 
Ci raccontate come è nata la passione per il tramezzino, punta di diamante del vostro locale?


Corrado: Diciamo che è una passione che abbiamo sempre avuto perché fin da quando eravamo piccoli, nostro padre – amante anche lui dei tramezzini – ci portava in giro per la città di Padova (e non solo) ad assaggiare quante più cose possibili in qualsiasi bar. Sai, lui non amava molto andare al ristorante, ancora oggi preferisce sempre fermarsi nei bar, perché ritiene di appesantirsi meno consumando cicchetti e stuzzichini, invece di farsi primo e secondo. Siamo cresciuti così insomma, con questa fame e questa passione per le piccole cose, ma ben fatte e beh, eccoci qui dopo ben 22 anni a fare ciò che più amiamo: i tramezzini.
 
Stefano: Nostro padre ci ha trasmesso la passione per il mondo dei bar, ma anche per le cose fatte con cura e con ingredienti di qualità e attraverso l’esperienza ventennale possiamo dire che i nostri tramezzini sono delle vere chicche perché spaziano dal classico al più insolito, senza però perdere mai di autenticità, gusto e forma. Conta poi che nostro padre ancora viene qui a consigliare e suggerire, è una presenza costante di questo locale.
 
Ma cosa hanno di speciale questi tramezzini? Perché qualcosa devono pur avere se tante persone si mettono in macchina solo per addentarne uno!


Stefano: Anzitutto credo siano buoni, questa è per noi la base di ogni cosa. E poi sono fatti con amore, ma soprattutto con passione. 22 anni dopo posso tranquillamente dire che sono felice e carico come il primo giorno e nonostante ormai siano più di 300 i tramezzini che qui sono stati ideati, non ho ancora perso la voglia, la curiosità e anche la pazzia di crearne altri. È un lavoro in continuo movimento, c’è una continua ricerca di sapori, ingredienti e c’è anche la necessità di restare al passo con i tempi che cambiano. Oggi infatti sono moltissimi i clienti che chiedono la presenza di prodotti vegetariani o vegani, certo non potevamo esimerci!
 
Facci venire l’acquolina: qualche gusto pazzesco?


Corrado: Assolutamente il tonno e uova, un grande classico certo, ma amato da tutti tanto che abbiamo clienti che da Vicenza e non solo vengono qui espressamente per prendere questo gusto. Cosa c’è dentro? Tonno, uova e la salsa segreta che ogni giorno prepara Stefano, ma non posso dirti altro! E poi anche il “piccantino” piace molto ultimamente, con spianata, origano, salsa messicana e pomodoro.
 
Stefano: Difficile dire quali sono quelli che negli anni sono stati più amati e richiesti, perché qui ad orario aperitivo è veramente difficile avanzarne, qualsiasi sia il ripieno. Una cosa però posso dire, il tramezzino carbonara va letteralmente a ruba ogni volta che lo proponiamo. Molto apprezzato anche il tramezzino bueo, quello alla parmigiana (sì, se te lo stai chiedendo le melanzane sono rigorosamente fritte).
 
Silvia: Possiamo dire che ogni giorno abbiamo un ricambio di circa 25 gusti proposti, che tengono sempre conto dell’estro del cuoco, di che materie prime riusciamo a reperire e anche della stagionalità dei prodotti stessi, aspetto a cui siamo particolarmente attenti. Lavoriamo solo prodotti freschi e anche lo stesso pane lo è, qui sono al bando i prodotti surgelati. Come dicevamo prima stiamo anche molto attenti alle diverse esigenze dei nostri clienti, non a caso abbiamo offerte anche per vegani e vegetariani, è il caso di quello con stracchino, noci, pomodori secchi e rucola: buonissimo! Molte anche le proposte di solo pesce, in particolare al venerdì, con presenza di mazzancolle, salmone o baccalà anch’essi molto molto richiesti.
 
Ventidue anni sulla cresta dell’onda: avete dato da mangiare a intere generazioni, come è oggi l’Arcella?


Stefano: Bellissima, non potremmo avere di più da questo quartiere. Crediamo che l’Arcella stia vivendo un periodo veramente luminoso che premia il duro lavoro di tutti noi che qui abbiamo scelto di investire e restare anche nei periodi più complicati. È un luogo bello, vivo, con tantissime cose che si stanno venendo a creare e poi posso dirlo? I nostri clienti sono incredibili: presenti, gentili, costanti e sempre affamati!
 
Corner Bar,
Via Cattaro, 20 - Padova
Tel. 3516694354

  • GLI ADDETTI AI LAVORI
  • APERITIVO

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
×