Un locale storico sito a Cittadella - in località Pozzetto - con una cucina tradizionale e saporita, una cantina vini accorta e più possibile locale ed una gestione “all’antica” con uno Chef che dopo essersi fatto da sé, oggi fa per tre. 
Osteria al Portego è il posto giusto per quando ci si vuole sentire coccolati come nel salotto della nonna, tra sapori conosciuti ed una estetica però che è possibile solo laddove vi è anche della professionalità; non a caso Martino Zadro - lo Chef e il titolare - ama definire questo posto una “Trattoria Moderna” che racconta la nostra storia, senza scordarsi di rimanere al passo coi tempi. 

Cosa può fare un mobiliere che si trasforma in ristoratore? Magie 

Martino s’è costruito da solo il locale, si è scelto i colori - le tinte dei muri sono autorizzati dal Comune di Venezia e sono dei colori naturali - le sfumature di legna e i quadri appesi sui muri, che ripercorrono anni e anni di storia, sua e del locale. Un posto, Osteria al Portego, perfetto per tutti: dalla coppia che cerca l’intimità di un momento solo per sé fino alla famiglia numerosa che qui vuole festeggiare una ricorrenza con tutte le persone care. 
Quasi 150 coperti a pieno regime, suddivisi tra il “Portego” - da qui, neanche a dirlo, il nome - e le diverse sale interne, nonché l’ampio plateatico esterno aperto solo nella stagione estiva. Non lasciarti intimorire dal grande numero però, qui ogni cliente ha il servizio attento e preciso che merita. 

Devi sposarti? Osteria al Portego è la soluzione perfetta

Martino ci tiene a precisarlo quindi noi non manchiamo: Osteria al Portego realizza il servizio anche per i matrimoni, ma non ne "prende" più di uno alla settimana perché “non è un servizio di catering” è un ristorante che con competenza e professionalità cura il pasto più importante della vita degli sposi. 

I piatti della tradizione, la tecnologia che non manca 

Martino è uno Chef autodidatta che ha imparato a proprie spese cosa significhi cucinare per gli altri. Ha faticato e ogni tanto perso, ha tentato e fatto propri gli insegnamenti di due grandi professionisti quali Riccardo Antoniolo e Claudio Sadler, e ora “non ha più paura di nulla”. Ecco perché ama offrire una cucina legata sì alla tradizione che però mai manchi di estetica - qui grande attenzione alla presentazione - e che faccia affidamento a tecnologie e cotture all’avanguardia, prima fra tutte la cottura a bassa temperatura. 

La pasta fatta in casa e sua maestà la coscia d’oca 

Cosce e sovracosce d’oca sono sicuramente il grande cavallo di battaglia del locale ma non mancano le paste in casa, pappardelle, tagliatelle e bigoli primi fra tutti, da condire con sughi sempre realizzati in maniera artigianale. Sugo d’anitra, ragù al coltello ma anche ragù di costata o ragù di corte (il preferito dello Chef). Non mancano poi alcuni grandi classici della tradizione, come il baccalà alla vicentina, o tagli di carne importante. 

E nel weekend (lungo) pizza!

Una pizza classica quella offerta qui all’Osteria al Portego solo alla sera e solo dal giovedì alla domenica. La grande spinta in più? La stessa che Martino offre nella cucina dell’Osteria: la grande attenzione nella scelta delle materie prime. In questo caso è la farina a fare la differenza, usa infatti il macinato bio di Bigolin Marco. 






Il locale è adatto a eventi privati e compagnie numerose. 
È aperto sia a pranzo che a cena. 
I proprietari hanno anche due gastronomie: “Sapori di Via Verdi” a Bassano del Grappa e “Officina del Gusto” a Romano d’Ezzelino dove hanno anche una pizzeria d’asporto. 




Osteria al Portego, 
Via Pozzetto 122, Cittadella (PD) 
Tel. 0499403383

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×