Simone Allegretti ci racconta della passione di due amici che insieme hanno aperto Va Pensiero

Pubblicato il: 2 aprile

Simone Allegretti ci racconta della passione di due amici che insieme hanno aperto Va Pensiero

La cucina biologica, quella che ci permette di mangiare cibi sani senza pesticidi e quant'altro, quella che ci propone dei sapori un po' più autentici, quella che dovrebbe essere valorizzata molto di più. Be', sicuramente Simone e Danilo, i due gestori di Va Pensiero, la amano e la valorizzano. Va Pensiero è quel locale che ormai è un simbolo del mangiare sano a Mestre, con le sue centrifughe e i suoi piatti cucinati in modo che le proprietà degli alimenti restino intatte. Insomma, la cucina bio qualcosa di affascinante ce l'ha. E proprio per questo, ho deciso di parlare direttamente con Simone Allegretti, uno dei gestori di Va Pensiero. 

Ciao, Simone. Com'è nata l'idea di Va Pensiero e come mai dalla Romagna a Mestre? 
E' iniziato tutto perchè io e Danilo siamo due grandi amici che volevano aprire un locale insieme. L'idea di dare il via all'attività nella zona di Venezia ci stuzzicava parecchio, così siamo andati a vedere un paio di locali, tra cui c'era anche quello che poi è diventato il nostro Va Pensiero. E così, 8 mesi fa, il sogno ha preso forma.

Come si unisce la passione che hai tu, quella degli aperitivi e dei cocktail, con quella di Danilo per il cibo biologico? 
Da sempre volevamo collaborare nella gestione di un locale. Come hai detto, abbiamo due passioni diverse: io quella per le bevande, lui quella del cibo, ma siamo riusciti a unirle per portare avanti quella che è la nostra idea di cucina, ossia un luogo, o un momento, in cui si gustano cibi veri e sani. L'unione fa la forza, no? 

Va Pensiero apre alle 9 di mattina con le colazioni e sta aperto fino a sera. E' difficile mantenere questo ritmo tutti i giorni, soprattutto per un locale così attento alla qualità e alla preparazione dei prodotti? 
Sicuramente il lavoro è duro e continuato, ma io e Danilo non abbiamo paura di fare fatica se questo vuol dire continuare a fare ciò che ci piace. Non importa quanto sia faticoso perchè finché riusciremo a trasmettere quella che per noi è la cucina, ne varrà sempre la pena. E' la passione che traina il carro. 

Mi racconti il momento più bello degli ultimi 8 mesi? 
E' difficile da dire. Siamo entusiasti del lavoro. Va Pensiero è nato da zero e ci sta dando un sacco di soddisfazioni. Non esiste un momento più bello in particolare. Sì... potrei risponderti gli ultimi 8 mesi. 

Ultima domanda. Se fossi una cliente indecisa, cosa mi consiglieresti di ordinare? 
Sicuramente una centrifuga di frutta e verdura fresca, e un piatto vegetariano oppure una piadina romagnola con formaggio e verdure cotte al vapore. 

Tutte le foto sono state prese dalla pagina Facebook di Va Pensiero 
Se vuoi essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter

  • CIBO CHE FA BENE
  • BERE BENE
  • SPENDO POCO E MANGIO BENE

scritto da:

Agnese Farinato

Uscire dalla comfort zone è la cosa che faccio con più difficoltà, ma è anche quella che, quando mi riesce, ma dà più soddisfazioni. Mi metto alla prova come posso, con le piccole cose, anche. Conoscere nuove persone, cambiare il modo in cui faccio le cose, farne di nuove, mettere in discussione gli assiomi.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Va Pensiero - Nutrition cafè

    Calle Giovanni Legrenzi 11, Venezia (VE)

POTREBBE INTERESSARTI:

​10 bistrot degli chef stellati: quando l'alta cucina è anche accessibile

Dalla celebrity Cannavacciuolo, ai tre stelle Michelin Enrico Crippa e Niko Romito, tante le tavole dove si mangia bene, spendendo il giusto.

LEGGI.
×