Perché la serie televisiva Friends ha riscosso così tanto successo? La formula è complessa, anche se in fondo al cuore conosciamo la risposta: tutti noi avremmo voluto un locale come il Central Perk, una "casa base" dove riunirsi con gli amici ogni santo giorno o giù di lì. Magari non per caffè americano e muffin ma per birra e cicchetti, non ad inizio giornata ma alla fine per scaricarsi, sdrammatizzare e raccontarsi. Orario perfetto, per chi può, le 17:"Ci vediamo lì, da S.Tap"

Cos'è S.Tap e perché diventerà il tuo nuovo "the place to beer"

S.Tap è un beer bar nato da poco a Zelarino, alle porte di Mestre. Non pensare a grandi tavoli in legno scuro, luci soffuse, un bancone presidiato dagli habituè e quell'atmosfera un po' maschia da dopolavoro al pub in pieno stile britannico. Invece no, quella di S.Tap è un'atmosfera più distesa, serena e aperta, ha il volto del bar sotto casa ma le qualità sono quelle di una boutique della birra super selezionata. Non è un locale riservato agli intenditori, ma nel caso in cui facessi parte dei "fissati per la birra" qui troveresti luppolo per i tuoi denti. 

S.Tap si trova all'inizio di Via Selvanese, appena defilata dal centro del paese, dunque molto comoda da raggiungere a piedi, e appartata quel tanto che basta per evadere dai soliti giri. L'interno del locale è piccolo e curato, invita a sostare al bancone per chiedere all'oste Gianmaria qualcosa sulle ultime birre in arrivo perché la selezione è in continua evoluzione: 7 spine e una pompa a rotazione garantiscono una buona scelta e qualche sorpresa anche ai clienti più affezionati.

Poco più in là spunta la vetrina dei cicchetti, immancabili per l'aperitivo alla veneziana: chi lo dice che hanno firmato l’esclusiva con il vino? Polpette di carne, di pesce e vegetariane; mozzarelle in carrozza e crostini. Viene invece preparato al momento il taglierino della casa con salamino, prosciutto affumicato, burratina affumicata, giardiniera e salsa di rafano. E se dopo un paio di pinte la fame aumenta: toast classico e farcito (anche in versione vegetariana) e una piccola selezione di panini con ingredienti di qualità come il pastrami di manzo e il gorgonzola al cucchiaio.

Cosa si beve da S.Tap? 

Iniziamo dalle birre: sei spine e una pompa a rotazione che elargiscono nettare brassicolo artigianale e di produzione italiana perfettamente spinato. Tra i nomi prediletti ci sono: Birrificio Rurale, Birra Mastino, East Side, Antikorpo, White Pony ... e non dimentichiamoci dei frigoriferi. Il primo custodisce una selezione varia e curiosa di bottiglie e lattine provenienti da tutto il mondo mentre il secondo è completamente dedicato alla passione di Gianmaria: la birra belga

Per chi volesse provare qualcosa di diverso c'è il reparto drink che punta sulla rivisitazione dei classici e l'utilizzo di distillati locali come quelli firmati Piolo&Max. Tra i più interessanti c'è il Gin Tonic con gin Piolo&Max e lo Sbagliatissimo a base di Vermut del Porto Vecchio, bitter Beirut e birra pale ale.

Dettagli e sciallezza

Arredo interamente recuperato (e l'ambiente ringrazia!), grande lavagna "di scuola", lampadine che pendono nude dal soffitto un po' alla berlinese, e quella bicicletta appesa alla parete: non solamente un dettaglio stiloso ma un simbolo della passione di Gianmaria per il ciclismo e della convenzione con La Velostazione, associazione che promuove la mobilità ciclistica della Città Metropolitana di Venezia. Anche il dehors è semplice e accogliente, illuminato dall'insegna S.Tap e dal suo dinosauro, vera e propria mascotte del locale.

Non serve andare lontano per fare serata

S.Tap tiene aperte le sue porte fino al dopocena per una tranquilla serata tra amici fino all'una di notte ma la musica cambia quando in calendario lampeggiano gli eventi: dj set, incontri con il birraio o serate a tema birra (e cibo!) e veri e propri happening con musica e food truck ospiti. E poi non dire che a Zelarino non c'è niente da fare!

Foto di Sparta Photographer
 

  • RECENSIONE
  • PUB
IN QUESTO ARTICOLO
  • S.Tap

    Via Selvanese 1g, Venezia (VE)

POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×