Siamo a Bari, in Piazza Mercantile. InAlto è a due passi dalla Colonna Infame, posizione strategica per vedere senza essere visti. In un tempo in cui tutti sanno tutto di tutti grazie ai social, vedere senza essere visti è il vero lusso. Se poi si ha un bel calice tra le mani, si vince a mani basse su ogni esperienza gastronomica in piazza. InAlto è una vineria specializzata in etichette pugliese, che accompagna ogni sua bottiglia con piatti unici pensati per essere un omaggio alla Puglia. Ma non aspettatevi un menu turistico: qui si fanno le cose per bene.

Il tavolo migliore di piazza Mercantile

InAlto ha uno spazio interno, con laboratorio a vista, in cui vengono ospitate fino a 20 persone. Nello spazio aperto e riscaldato possono accomodarsi fino a 30 persone. Un po' per necessità, un po' per colpa delle stagioni sempre più calde, siamo diventati tutti fan dei dehors: ed è qui, il tavolo migliore. Qualunque postazione si scelga, si potrà guardare chi passeggia in piazza, senza essere visti.


Ad accoglierci ci sono Alessandra Cafarchia e il suo team, sempre sorridenti (nonostante le mascherine) e pronti ad esaudire ogni nostro desiderio. InAlto è una vineria dove spizzicare con prodotti tipici di alta qualità e piatti unici costruiti attorno a ricette innovative. Il fil rouge? La Puglia, protagonista sempre e comunque.

In cantina

Trattandosi di una vineria, InAlto ha il suo punto di forza nell'ampia scelta di bottiglie e calici. Si può viaggiare dal Gargano al Salento semplicemente chiedendo di riempire il bicchiere. C'è spazio per i vini naturali, trend sempre in crescita. I sommelier di InAlto raccomandano di provare il Susumaniello biologico Boccantino o di abbandonarsi alle certezze della versione di Masseria LiVeli.


Per gli amanti del rosato, simbolo della Puglia nel mondo, non può mancare l'esperienza con il Tramari di San Marzano. Per chi invece vuole bere un bel bianco, una delle massime espressioni dei sapori e dei colori della nostra regione resta la Verdeca di Masseria Li Veli. Disponibile anche un grande assortimento di birre: dalla Menabrea a molte etichette del birrificio Baladin. 

Cosa mangiare da InAlto

Da InAlto ci si può fermare per sorseggiare del vino in compagnia, ma senza provare almeno un piatto del menu si rischia di sprecare un'occasione. Per chi non sa cosa prendere, c'è l'Aperitipico, un riassunto gastronomico della Puglia fatto attraverso salumi e formaggi, sottoli, tarallini e focaccia a cubetti. Troverete anche le straordinarie coppiette di Muscisca, i formaggi speziati al pepe nero o al tartufo, oltre alla deliziosa ricotta di bufala.

La focaccia è spettacolare anche ripiena di mortadella e stracciatella. Ma per un'esperienza davvero instagrammabile, prova il Club Sandwich pugliese: pane di Altamura, ricotta, capocollo di Martina Franca, crema di rape. Da perderci la testa.


Prima di ordinare qualsiasi cosa, ascoltate i fuori menu fatti in casa. Ogni giorno si cambia, spaziando tra riso patate e carciofi al forno e Cous cous mediterraneo, senza tralasciare i must have di stagione come zuppe e vellutate fatte tutte nella cucina a vista. Il consiglio dello chef? Non perdetevi i panini gourmet.

Alternative di gusto

Per chi è vegetariano, vegano, intollerante al glutine o intollerante al lattosio, la carta ha una risposta per ogni necessità. Una di queste è il tagliere vegetariano. Arrivano in tavola 4 coppe di piatti veg, tutti rigorosamente fuori menu e di stagione, in omaggio a un ricettario regionale che da sempre mette il mondo vegetale al centro della cucina.

Cosa non chiedere mai da InAlto

Da in InAlto si cerca sempre di accontentare tutti. Grazie anche ai tanti fuori menu, che cambiano ogni giorno, non c'è desiderio che qui non possa essere esaudito.

Perché venire da InAlto

Si viene da InAlto per l'atmosfera unica. Si viene per bere una bella bottiglia di vino in santa pace, accompagnata da cibo naturale e fresco. Porte aperte per i clienti di ogni età, anche perché la specialità del posto è, ancor prima di piatti e vino, il sentirsi a casa.

  • RECENSIONE
  • ENOTECA
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×