Fabio e Diego D'orfeo sono figli d'arte, la loro famiglia gestisce da qualche decina d'anni il ristorante Poste Vecie, uno dei più rinomati a Venezia, a cui si accede da un romanticissimo ponte privato proprio accanto al mercato del pesce di Rialto. I due fratelli hanno fatto la loro gavetta, imparato il mestiere e, come accade solo ai più capaci, si sono decisi ad aprire un ristorante tutto loro che inizia a riscuotere tanti successi e consensi.

La scelta è stata coraggiosa, sotto molti punti di vista: allontanarsi dalla casa base veneziana approdando in Riviera del Brenta, per proporre una cucina diversa dalla media dei ristoranti della zona, non è cosa semplice. E nemmeno restaurare un edificio del XVIII secolo distrutto dal tornado del 2015. Ma rimboccandosi le maniche si ottengono grandi risultati: Alla Villa Fini è una testimonianza esemplare di questa massima di vita.

Una cucina dove regna il fatto in casa

Quando la materia prima è importante a tutto tondo - dalla carne al vegetale - vien da sé che pane, pasta e dolci siano rigorosamente preparati in casa. Persino il gelato che accompagna molti dessert è restaurant-made e viene fatto senza l'aiuto di preparati e semilavorati. Perché la cucina di Alla Villa Fini è contemporanea ed estremamente attuale ma per esserlo con garbo e solidità prende in prestito tutto il meglio della tradizione. Dunque: stagionalità, fatto in casa e attenzione ai particolari.

Carne, pesce e orto con tanta cura per il territorio e la stagionalità

Il menù mette in risalto le primizie (e le delizie) che la terra regala tra cui le verdure, i funghi, i tartufi e le uova. Il menù è stagionale e lo si capisce anche dai piatti con il tartufo che alternano il nero e il bianco a seconda della disponibilità naturale e dalle serate degustazione dedicate. Ogni quattro mesi si possono gustare nuove proposte che non dimenticano mai vegetariani e i vegani. Pranzo o cena? Alla Villa Fini ti coccola con la stessa proposta in entrambi i momenti della giornata. Un menù di valore che vale sempre.


Tra le ultime novità di Alla Villa Fini c'è il pesce che fa la sua entrata trionfale nel menù (e anche nei percorsi degustazione). Ma attenzione: non si parla delle classiche proposte di pesce della Riviera del Brenta. Anche in questo caso Alla Villa Fini dimostra tutto il suo carattere: rispetto della materia prima unito a tanta creatività in cucina. Potresti assaggiare piccoli capolavori come Il Nostro pesce azzurro (sgombro in olio cottura con spuma di burrata, purea di melanzane arrostite, pesto leggero e pomodorini confit); il Carpaccio di gamberi rossi, tartare di calamaro "che non ti aspetti" e vinaigrette ai lamponi; tagliolini all'alga spirulina, granchio porro e riduzione di crostacei; Baccalà su Baccalà (baccalà confit e petali di cipolla su tortino di baccalà al prezzemolo).

I piatti da non perdere per i quali tornare ancora e ancora

Non ha mai abbandonato la cucina perché è un vero best-seller: L'uovo 40, un uovo cotto a bassa temperatura e fritto al momento dell'ordine, con il cuore morbido servito su un letto di zucca, crumble salato e tartufo nero (che varia in stagione). E tra i secondi ci sono la Suprema di faraona alla veneta con patate viola e tartufo nero, L'Astice blu si fa in tre (crudo, fritto e arrostito con purea di carote, zenzero e daikon) e la Variazione di piccione, prugne e mela. I dolci sono il vero dulcis in fundo e toccano il vertice del piacere con il Dolce incontro tra cioccolato e lampone

La cantina. in continuo divenire e dialogo con la cucina

Una cinquantina di etichette scelte tra i migliori prodotti del Triveneto con qualche incursione in Toscana, in Piemonte, nelle Langhe e nel sud Italia. Ma non solo: la cantina di Alla Villa Fini dialoga continuamente con la cucina, curando gli abbinamenti cibo-vino proposti durante le ordinazioni alla carta, ma soprattutto nei percorsi degustazione.

A proposito di degustazione: mare e tartufo per viziarsi alla grande

I percorsi degustazione sono due, il primo dedicato al mare e il secondo al tartufo (bianco o nero a seconda della stagione). Due viaggi gustativi curati nel dettaglio e supportati da un wine pairing su richiesta. Si spendono 75 e 80 € a testa (per 6 e 5 piatti, acqua e caffè) con 25 o 30 € di vino a parte. Conosci un modo migliore di trattarti bene? Probabilmente no.

Delivery di classe in vasocottura

Quante volte hai ordinato un piatto da acquolina in bocca al solo pensiero ma poi, una volta consegnato e riscaldato, ti ha quasi causato un pianto (e non di gioia!)? Alla Villa Fini sta studiando una soluzione pratica, elegante e creativa per il food delivery: la vasocottura. Primi, secondi e zuppe cotti e consegnati all'interno di vasi in vetro. Con più di un vantaggio: gli ingredienti preservano le proprietà nutrizionali, trattengono tutti i sapori e i profumi e il piatto, una volta scaldato, non subisce variazioni. Come al ristorante, più comodo ed efficace di qualsiasi delivery standard.

Un altra cosa che forse ancora non sai: Alla Villa Fini è anche catering

Di un ristorante che non sta mai fermo ma ha sempre nuovi obiettivi da perseguire ci si può fidare. Anche se il periodo storico che stiamo vivendo ha messo in stand by le attività legate agli eventi, è bene tenere presente che Alla Villa Fini fornisce un servizio catering e banqueting in linea con la sua filosofia di cucina e adatto a party, matrimoni ed happening aziendali. Il menu e l'allestimento si possono concordare dalla A alla Z con Fabio e Diego e il sopralluogo è gratuito. Eventi che possono essere organizzati anche alla Villa che per l'occasione, si trasforma in una magnifica location grazie alla bellezza originaria esaltata da restauro, il giardino romantico e il plateatico con più di 30 coperti.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
×