Barbanera è uno dei locali storici di Acquaviva che permangono nel tempo, dal 7 aprile 1996 rappresenta una garanzia inossidabile nel campo della ristorazione per la piccola comunità pugliese famosa sul territorio nazionale per la cipolla rossa, presidio Slow Food. Nel 1998 fu inserito tra i dieci locali più belli d’Italia e nel 2021 ha ricevuto il Marchio delle Eccellenze Italiane. Il nome dell’attività è dato dalla passione di Filippo, il proprietario, per la pirateria del 1700, movimento brigantesco mai prostrato ad alcuna istituzione. Barbanera è il personaggio storico più caratteristico, sia per l’aspetto fisico, sia per le leggende attorno alla sua figura, il locale è un ex carcere medievale del 1300, l’arredo è ricercatissimo e riproduce esteticamente l’atmosfera di una nave pirata con le cabine, i tavoli e le sedie sono in legno massello, le luci sono soffuse, e molti forzieri, come molte carrucole e sartie, sono originali. La sede invernale è stata riaperta da ottobre, il personale è una corazzata storica, formata da due chef legati al locale da almeno un decennio, e da uno staff, ovvero lo zoccolo duro, che gestisce la sala da più di quindici anni. Barbanera è aperto dalle 19:30 a orario di chiusura, tutti i giorni eccetto il lunedì, la capienza è davvero vasta, il locale può ospitare centosessanta clienti, di fascia eterogenea, moltissimi provengono dalla provincia di Bari, ma anche da fuori regione, Potenza, Matera e parte della Campania. La fascia più affezionata ricopre quella dei più giovani, moltissimi sono i fuorisede che, grazie ai periodi festivi, non vedono l’ora di tornare nel proprio paese natale e organizzare una cena a Barbanera.


Dai piatti tipici bavaresi


I piatti forti del menu ruotano attorno alla sfera della pizza e della carne: quest’ultima tocca un mondo variegato, dalla scottona allo stinco di maiale, fino allo stracotto di manzo irlandese e al bisonte, a breve verrà proposto un hamburger specifico per il periodo natalizio. Barbanera lavora fondamentalmente sulla continua ricercatezza del gusto e della novità, prepara diverse serate evento, ad esempio in occasione dell’Oktoberfest non potevano mancare tra i piatti tipici bavaresi i würstel artigianali serviti con contorni tipici (pretzel e crauti) da abbinare perfettamente con una Lowenbrau.

A quelli americani


O ancora, in occasione dell’evento “Birra & Cibo” dedicata agli Stati Uniti d’America, con piatti e birre americani, ha sorpreso un originale fuori menù: parliamo di un panino artigianale con doppio hamburger di manzo, chili-cheese cheddar nuggets, insalata lollo, bacon, pomodoro e maionese ai cetrioli.

Pizza con prodotti di stagione


Sulla pizza invece c’è sempre l’utilizzo di prodotti di stagione, una molto apprezzata è stata quella con mozzarella, crema di zucca home made, capocollo artigianale, cardoncelli e crema ai formaggi.

Ricerca continua di birre artigianali per stupire il cliente


La bellezza del locale risiede nel costante stimolo di stupire la propria clientela: serate a tema su molte nazionalità, lezioni da parte di birrerie specializzate artigianali, degustazioni guidate, e soprattutto birre a fusto in rotazione ogni settimana, l’ultima è stata Toccalmatto, fermentata con la zucca, e la prossima sarà Zona Cesarini, sempre della stessa azienda produttrice. Sui dolci Barbanera punta tutto su quello più particolare, fatto in casa, ovvero il soufflé al cioccolato fondente, gran cavallo di battaglia: senza lattosio, senza glutine, inconfondibile per chi conosce a fondo questo locale.


Barba Nera Pub Birreria: Via Supriani 28, Acquaviva delle Fonti,
Tel: 080 757051

Photo Credit: Le foto interne e di copertina sono di Fabio Cotroneo.


 

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
  • Barbanera

    Via Supriani 28, Acquaviva Delle Fonti (BA)

POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×