A pochi passi da piazza Beccaria c'è un locale tutto al femminile, per chi non dice mai no ai piatti della tradizione toscana ma sa apprezzare anche quel tocco di fantasia che in cucina fa la differenza. Osteria Borgo La Croce ha un menu che si adatta ai vari momenti della giornata: pranzo, aperitivo e cena. Senza mai sbagliare un colpo.

Menu a rotazione e piatti unici

Si comincia a pranzo con una formula snella, perfetta per la pausa pranzo di chi deve tornare al lavoro o per chi è di passaggio è vuole mangiare solo un boccone. Pochi, selezionati piatti che cambiano ogni giorno. Basta dare un’occhiata sulla lavagna del locale per scegliere cosa mangiare. Tre primi piatti, tre secondi e un piatto unico (da 7 a 10 euro). Dessert a 4 euro, frutta a 3 euro. Scegli tu cosa e quanto mangiare, al resto ci pensa lo staff di Borgo La Croce.

Si cambia musica la sera 

A cena il menu mostra i muscoli. I piatti sono sempre nel segno della stagionalità, quindi non c'è da restare male se non trovi i tortelli con il tuo ripieno preferito. Torneranno in carta, al momento giusto. Nell'attesa ci sono tanti altri piatti con cui consolarsi. In generale nel menu c'è molta Toscana, anche se non mancano influssi del sud. Le ricette della tradizione sono riproposte con un tocco di creatività: così i coccoli sono farciti con mortadella e spuma al pistacchio, sbriciolona e crema di carciofi. Invece dei classici crostini toscani in carta c’è pan brioche, lingotto di fegatini e fichi secchi con cipollotti caramellati al Vin santo. Il Chianti Classico fa capolino nei bucatini alla carbonara. Non mancano mai, poi, quei 2-3 piatti fuori menu preparati in giornata come il semplice pomodoro o pesto per chi ha bimbi o preferisce la semplicità assoluta. 

Pasta fresca, mon amour

Per chi ama la pasta artigianale, prodotta artigianalmente come una volta, le tagliatelle al cacao con il ragù di cinghiale hanno tutto un altro sapore, i tortelli ripieni di pappa al pomodoro rendono omaggio a una delle ricette più amate. L'elenco sarebbe lungo: da Osteria Borgo la Croce non si stancano mai di sperimentare.

Sulla ciccia non si scherza: la fiorentina c'è

Tra i secondi non mancano mai bistecca alla fiorentina di scottona Igp, tagliata di controfiletto di scottona Igp, accanto a piatti rivisitati come il coniglio ripieno con mortadella al tartufo e fegatini. Un menu molto ricco, ma per chi preferisce si possono chiedere anche le mezze porzioni. Con buona pace della dieta.

Dolci fai da te e ricette doc

Tra i dolci spiccano la cheesecake della Lumi, la titolare del locale, preparata secondo la ricetta appresa anni fa da una chef americana e il tiramisù scomposto “fai da te”. In questo caso è il cliente stesso a preparare il dolce che andrà ad assaggiare. Goloso e divertente.

Piccole etichette, grandi vini

La carta dei vini è cucita su misura al menu del locale: oltre a molti vini della Toscana c'è una selezione di etichette da Nord a Sud. Aziende di nicchia, selezionate una a una, con particolare attenzione ai vini senza solfiti aggiunti. A fare la parte del leone le etichette italiane, riproposte con successo anche all’ora dell’aperitivo. Per chi preferisce invece il vino della casa, sul tavolo arriva il classico fiasco toscano.

L'aperitivo che ogni giorno si rinnova

Dall’Osteria Borgo La Croce si può optare per un classico cocktail o un bicchiere di vino all'ora dell'aperitivo, da accompagnare a un assaggio espresso direttamente dalla cucina. Ogni giorno una proposta diversa. Al bando l'aperitivo al buffet e ancora di più le classiche patatine e noccoline.

Staff in rosa, locale con stile

A caratterizzare il locale c’è uno staff tutto al femminile, guidato dalla titolare Lumi Coman, nella convinzione che le “quote rosa” riescono a esprimere al meglio lo spirito del locale. Un ambiente dove sentirsi a casa, caratterizzato da una cucina sul filo dei ricordi. Un luogo dove si mangia toscano e soprattutto si cena senza fretta, senza trovarsi spalla a spalla con i clienti del tavolo vicino. Un porto sicuro dove stare bene e tornare più volte. Diviso in tre sale, arredate con gusto e ricche di dettagli, il locale garantisce la giusta privacy sia alle coppie di innamorati che alle famiglie con bambini.
Il locale ha un’anima eco-friendly. Niente bottiglie di plastica per precisa scelta e in bagno si preferisce il ricorso alle salviette di cotone invece di quelle di carta. D'estate poi ha una marcia in più: oltre a una piccola corte all'ingresso del locale, c'è la possibilità di cenare direttamente lungo la via, godendosi lo struscio serale.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Ti spiego perché la marijuana light si usa per il relax

Sempre più persone ne fanno largo uso per rilassare corpo e mente. Ma cos'è veramente la pianta che in America sta facendo parlare di una vera e propria “green rush”, la corsa all'oro verde? Un esperto del settore fa il punto della situazione in Italia e ce ne spiega i benefici.

LEGGI.
×