C’è un unico modo per vivere al meglio l’esperienza culinaria da Taiyo: lasciarsi andare.  A cosa? Al design che lo caratterizza, moderno, elegante e accogliente allo stesso tempo; alla sua cucina fusion che combina sapientemente ingredienti e cotture giapponesi con quelli coreani, thai, cinesi ma anche occidentali in un equilibrio tutto da scoprire. Al servizio, sempre cordiale e curato, che coccola. 

Punto di riferimento in città per la sua cucina prelibata Taiyo Monza è uno dei primi giapponesi aperti, pioniere della nascita della filosofia del sushi in città ed è ormai uno degli indirizzi più in voga in zona viale Monza e NoLo per chiunque  desideri gustare una cucina curata, fresca e gustosa in un ambiente capace di rilassare e di trasportare direttamente dall’altra parte del mondo. Proprio della tradizione nipponica, il cliente diventa un gradito ospite da onorare e coccolare dall’inizio alla fine del viaggio.

Una cucina fusion che sorprende ad ogni boccone

Una delle prime sensazioni che si prova all’assaggio dei piatti del Taiyo è un senso di sorpresa profondo. Quando si entra bisogna abbandonare ogni aspettativa: qui si vola con la fantasia fin dalla lettura del menu e si viene puntualmente piacevolmente sorpresi non appena arrivano i primi piatti in tavola. Alla base della sua cucina vi è la filosofia culinaria nipponica con i suoi ritmi cadenzati, la sua precisione, l’altissima qualità degli ingredienti, sempre freschi e la sua cura rigorosa per le preparazioni. Da questa si parte per ampliare la visione fino a creare un menu vasto e adatto a tutti i gusti che non teme la fusione fra ingredienti e cotture provenienti da diverse parti del mondo. L’obiettivo? Il raggiungimento del perfetto equilibrio di gusto con un occhio di riguardo all’estetica.

Così la sua cucina passa sapientemente dalla tradizione nipponica a quella coreana con influssi thai e occidentali. Ed è così che, in un roll puoi trovare, a sorpresa, il Gambero rosso di Mazara, il Tonno del Mediterraneo, i gamberi carabineros, fino all’astice oltre a proposte di carne, anch’esse di alta qualità, a base di angus oltre a frutta e verdura provenienti da tutto il mondo.

Qualità e freschezza prima di tutto

Altra parola chiave per comprendere la cucina di Taiyo è “qualità”, carattere essenziale sia della materia prima che del piatto finale oltre che del reparto beverage. 

Per far fronte l’emergenza sanitaria al meglio lo staff si è affidato ad un esperto e consulente sulla sicurezza per implementare ancor di più e al massimo i sistemi di controllo già sofisticati e pre-esistenti. Inoltre si è messa a punto una nuova gestione della sala con posti a sedere più distanziati e personale dotato di strumenti di sicurezza come mascherina e guanti.
Il pesce alla base dei piatti d crudo, così come la carne, sono scelti fra le migliori qualità e vengono controllati lungo tutto la filiera. Stessa cosa per frutta e verdura, sempre fresca di giornata.

I must del menu

Nei suoi dieci anni di vita il Taiyo ha ormai affinato il suo menu e messo a punto piatti innovativi, difficili da trovare altrove. Fra gli ingredienti più innovativi utilizzati per i roll e per le tartare vi sono carabinerosgamberoni rossi giganti, oltre a gambero rosso di Mazara, astice, ostriche, tonno rosso del Mediterraneo.
Oltre ai rolls più classici, se ne possono assaggiare di innovativi come il King crab roll all'ananas o mango (tenero granchio reale al vapore con avocado, con topping di granchio in crema di uovo e limone, tobiko, cubettini di ananas oppure mango) o i Carabinieros roll (gamberoni rossi Carabinieros, Philadelphia e avocado avvolto da tartare di salmone piccante con salsa teriyaki) oltre al Rainbow's alter ego (tempura di branzino, avocado, polpa di granchio King Crab, maionese avvolto da un mix di pesce) e molti altri.

Da non perdere l’Astice servito con pane grattugiato giapponese croccante, aromatizzato con zenzero e porri e l’Antipasto dello chef per iniziare con tante prelibatezze della casa che comprende: tartar di salmone e tonno con avocado e sesamo, scampi con frutta passione, gamberi di Mazara dello Vallo con salsa sesamo, philadelphia, pomodorini con uova di salmone e anguilla, tataki di salmone o il Salmone in 4 stili (gunkan con tartar piccante e caviale, nigiri scottato, carpaccio con salsa ponzu e philadelphia avvolto da salmone).

Tanti i Dimsun fra cui scegliere (anche con astice, polpo o di seppia!) oltre a carpacci e tataki come il tonno al pistacchio  o come il Carpaccio di gamberoni rossi "carabinieros" e avocado. Tanti anche i piatti di pesce cotto come quelli di tempura o alla piastra, alla griglia o al forno come l’Anguilla al forno o il branzino o capesante alla griglia.  E per gli appassionati di carne da non perdere la carne di Angus con verdure, leggermente piccante, o l’Angus in salsa teriyaki, una perfetta commistione di gusti asiatici e sudamericani. Tante anche le proposte vegetariane, altrettanto gustose perché commistione di gusti intensi sapientemente abbinati: dai frutti esotici alla frutta secca insieme a verdure innovative insieme a formaggi o uova.

Da bere: un viaggio fra vini, bollicine, sake, tè e birre tipiche

Cosa sarebbe un pranzetto o una cena senza un giusto abbinamento? In cantina al Taiyo si possono trovare più di 100 etichette fra vino (anche biologico), bollicine, sake e wiskey scelti appositamente dal titolare del locale, grande appassionato. Per chi preferisce la birra il locale propone la tipica nipponica: la Asahi.

La buona cucina fusion in ogni momento

Per far fronte all’emergenza sanitaria il locale ha riaperto a giugno 2020 con il solo servizio al tavolo serale e con posti a sedere distanziati, dopo una accurata sanificazione nel pieno rispetto delle normative vigenti. Ha inoltre intensificato il servizio d’asporto e di home delivery con un nuovo sito dal quale si può ordinare e pagare direttamente.
L’esperienza unica ed il gusto fresco del Taiyo arrivano così direttamente a casa tutte quelle volte che si ha voglia di qualcosa di buono ma non si ha voglia di uscire.

Il locale mette anche a disposizione un garage convenzionato (Loreto) con due ore gratuite con il biglietto timbrato nel ristorante.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
  • Taiyo

    Viale Monza 23, Milano (MI)

POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×