Ti racconto 5+1 pizzerie di Firenze che ancora non se la tirano

Pubblicato il: 29 ottobre 2019

Ti racconto 5+1 pizzerie di Firenze che ancora non se la tirano

La pizza - nella mia personalissima e forse un po’ distorta visione della vita – si colloca al vertice dei riti sacri e irrinunciabili (o al secondo posto, suvvia). So di essere esigente e forse pure un po’ capricciosa, ma sono del parere che le cose debbano essere fatte come si deve, altrimenti è meglio non farle. Il caffè solo dalla moca, in treno solo un libro, nei momenti di crisi solo il cioccolato, e la pizza buona quando devi festeggiare, quando sei depresso, quando sei in ansia, quando c’è il tuo film preferito in tv e quando la libido è alta e il letto irrimediabilmente vuoto.

Ti ho già detto che sono esigente e capricciosa? Bene. Perché per me pizza buona significa buona nel gusto e buona nel prezzo. Facile mangiare pizze buone quando una margherita la paghi 15euro perché fatta con le farine macinate dal Mulino Bianco e la mozzarella di bufala proveniente dalle mucche della Milka. Io la pizza la voglio buona, cicciona, instagrammabile e voglio pure pagarla poco. Se pensi che sia più facile fare 6 al superenalotto direi che ti sbagli: di pizzerie che non se la tirano ne ho trovate, ma il mio conto rimane fermo sulla soglia dei 2 (massimo 3) zeri nonostante i regali di nonna.

Dove si spende poco nonostante l’ambiente sia suggestivo

Niente menu strampalati, infiniti e con ghirigori: le pizze tra cui scegliere le trovi scritte su una parete. Sgomiti un po’ per riuscire a vedere, fai la tua scelta e ti accomodi. Da Gherardo è una piccola pizzeria caratteristica, con tavolini mini ma pizze maxi che si aggirano attorno ai 7 euro. Solo quelle super condite e con ingredienti un pelo (ma proprio poco) più ricercati costano un po’ di più.
Borgo S. Frediano, 57/R - Firenze - 0552052888

Dove si spende poco nonostante la pizza sia cotta nel forno a legna

Dalla collaborazione tra un fiorentino e un napoletano viene sfornata una pizza eclettica ed espolosiva. Nel piccolo e semplice Malborghetto la pizza – rigorosamente napoletana – è realizzata con un impasto leggero lievitato per 48 ore, cotto nel forno a legna e condito con ingredienti toscani di stagione. Puoi scegliere tra gusti classici e più ricercati, come la pizza con zucca e pancetta, ma qui nessuno se la tira e i prezzi rimangono più che onesti: il prezzo della pizza dal formato standard oscilla dai 5 agli 8 euro.
Via dell'Agnolo, 22 - Firenze - 0552466446

Dove si spende poco nonostante gli impasti particolari

Spera è una pizzeria che si trova a pochi passi dal centro storico e che ogni sera propone - a richiesta e secondo disponibilità - anche impasti preparati con farine speciali come quelle di kamut, multicereali, integrale, di antico grano Verna, canapa, macinata a pietra o di mais. Per Spera la pizza non deve essere un lusso, per questo anche quelle con ingredienti particolari – ad esempio con lardo, burrata pugliese o ‘nduja calabrese – non superano mai gli 8 euro. Io e Spera andiamo d’accordo.
Via della Cernaia, 9R - Firenze - 055495286

Dove si spende poco nonostante la centralità del locale

Spartano e scarno ma con una pizza che si fa ricordare: da Gustapizza non c’è servizio, non c’è la volontà di atteggiarsi a ristorante e la pizza resta un piatto povero come da tradizione, senza scontentare però nel gusto grazie ai sapori veraci, alla leggerezza dell’impasto e al profumo che deriva dalla cottura nel forno a legna. Se pensi poi che sei a due passi da palazzo Pitti e dal giardino dei Boboli e una pizza (+ bibita) la paghi attorno ai 10euro, capisci che è difficile chiedere di più.
Via Maggio, 46r - Firenze - 055285068

Dove si spende poco nonostante la gentilezza dello staff

Sono famosi per essere veloci, sempre gentili e sorridenti: Riva d’Arno è una pizzeria vicino al ponte alla Carraia che propone pizze dai gusti semplici ma sempre vincenti. Perché va bene non tirarsela, ma gli ingredienti devono essere di qualità. Con prezzi che variano dai 5 euro per la marinara ai 10 euro per la pizza con salsiccia e porcini, Riva d’Arno fa una concorrenza spietata alle pizzerie fighettine che si aggirano per il centro. E quando pancia, cuore e portafogli sono pieni (di cibo, di gioia e di euro), chissene se il letto resta vuoto. O no?
Lungarno Soderini, 7 - Firenze - 055280223

Dove si spende poco nonostante l'impasto della pizza sia lievitato 72 ore

Si, hai capito bene: l'impasto della pizza viene fatto lievitare per 72 ore, ed è questo a far la differenza tra una pizza indigesta e una pizza che va giù che è una meraviglia. Alfredo si sbizzarrisce in cucina aggiungendo alla pizza la sua creatività, mentre Natascia ti accoglie e ti coccola facendoti sentire parte della famiglia. La pizza de I' Pizzacchiere non se la tira nonostante avrebbe tutte le ragioni per farlo. Cosa importa che l'apparecchiatura sia usa e getta quando la pizza non la dimentichi?
Via S. Miniato, 2 - Firenze - 055 246 6332


Foto di copertina dalla pagina facebook di Gustapizza

  • PIZZE PARTICOLARI E GOURMET

scritto da:

Irene Paladino

Romantica e testarda. Amo il cibo e gli spritz, specialmente se in piazza con un'allegra e pazza compagnia. Libri, gatti e il mare della Sicilia sono gli ingredienti della mia felicità.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori pasticcerie d'Italia 2020: la wishlist dei dolci, ecco i premiati

Esattamente... perché tra bignè, macaron, torte e semifreddi l'ingordigia è in agguato.

LEGGI.
×