​Ho scoperto il glamping: il campeggio glamour, eco-sostenibile e, soprattutto, aperto tutto l'anno

Pubblicato il: 9 settembre 2019

​Ho scoperto il glamping: il campeggio glamour, eco-sostenibile e, soprattutto, aperto tutto l'anno

L'evoluzione del camping, un nuovo modo di vivere natura e paesaggi.

Tutti gli anni la solita storia, il ritorno in ufficio post vacanze si tinge di malinconia, nostalgia, bisogno di evasione (ancora, dopo tre settimane?), occhiate e sospiri ai post di Instagram. E va beh, milionaria non lo sono, quindi mi rimane solo una cosa: pensare alla prossima vacanza o weekend lungo (molto, economicamente, più probabile). Glamping mi dice una mia cara amica: "Glam, che? Glamping, ho fatto un'esperienza di glamping e devi provare, assolutamente".

Ma di cosa si tratta? Dimentica picchetti, sacchi a pelo e torce elettriche e goditi l’esperienza del contatto con la natura senza rinunciare alle comodità. Sono tante le similitudini tra il glamping e il camping: contatto diretto con la natura, senso di libertà, recupero di una dimensione più personale, intima, da vivere in sintonia con paesaggi di rara bellezza. Le differenze tuttavia fra queste due modalità di vacanza sono sostanziali. Rispetto al campeggio tradizionale, improntato al “fai da te”, il glamping ha tende già allestite, arredate con mobili di design o pezzi unici di artigiani locali; sono, inoltre, spaziose e dotate di tutti i comfort. E poi, non esiste stagionalità: si può scegliere il glamping in tutti i periodi dell’anno. Ma ecco dove.

Le tende luxury galleggianti sui Laghi Nabi


Una nuova idea di turismo fatta di strutture costruite all’insegna della bioarchitettura e nel rispetto della natura. Laghi Nabi è un’opera che ha portato alla rigenerazione ambientale delle ex cave di sabbia situate sul Litorale Domizio (CE), un’area di circa 400mila mq trasformata in qualcosa di completamente diverso e valorizzata attraverso bonifiche mirate. Il progetto Laghi Nabi ha così condotto alla nascita della prima Oasi Naturale della Campania a contatto diretto con la natura e all’insegna dell’eco sostenibilità e del benessere. (0823764044, www.laghinabi.it)

Il cielo dell’Alto Adige in uno chalet futurista


Quelli che si trovano nell’area del Toblacher See, sul meraviglioso Lago di Dobbiaco (BZ), incastonato fra le Dolomiti, non sono semplici chalet ma vere e proprie strutture futuristiche perfettamente integrate nell’ambiente, che consentono di dormire davvero sotto il classico tetto di stelle. Si chiamano Skyview Chalets, dedicati a chi ama la libertà ma anche il massimo del comfort. (0474973138, www.skyview-chalets.com)

Dormire in una Yurta in Piemonte


A solo un’ora da Torino e da Aosta, nella Valchiusella, è possibile conoscere la tradizionale Yurta della Mongolia: la casa dei nomadi, patrimonio dell’Unesco, al tempo stesso pratica e facile da smontare ma comoda da abitare. Nella sua struttura si rispecchia l’Universo: il tetto rappresenta il cielo, il cerchio centrale il sole, i due pilastri che lo sorreggono sono gli alberi, ed ognuno di essi le parti della famiglia e del singolo individuo. (www.ecobnb.it)

La vacanza ecosostenibile ai piedi del Monte Amiata


Nella bella terra della Maremma toscana, vicino alle pendici del Monte Amiata e al fiume Flora, si trova il Podere di Maggio, un suggestivo agriturismo ecosostenibile. Immerso in un paesaggio collinare ma allo stesso tempo montano, su un poggio circondato da vecchi alberi di castagno, è la meta preferita di chi cerca un’oasi di pace e il punto di partenza ideale per splendide passeggiate nelle riserve naturali della zona (S.S. Trinità, Monte Penna, Pescinello). (www.ecobnb.it)

Una Yurta affacciata sulle Alpi


A 900 m dal centro del paese di Gassino Torinese, splendida città sabauda nel mezzo della Via Francigena, un “sentiero” percorso ogni anno da molti Pellegrini, e a soli 20 minuti dal centro storico di Torino, è possibile vivere questa incredibile esperienza di vacanza. Potendo godere anche di tanti comfort esclusivi, ma in una struttura che mantiene le caratteristiche ecologiche: bagno privato in legno con doccia Jacuzzi, parcheggio privato gratuito, ampio giardino, illuminazione a led e lampade a basso consumo, riscaldamento a legna. Chi lo desidera potrà provare l’esperienza di meditazione, yoga e altre discipline olistiche. (www.ecobnb.it)

Casa sull’albero o chalet, tra i boschi della Calabria


All’interno della Tenuta Bocchineri, in un’oasi di pace e tranquillità, nel verde dei boschi, di coltivazioni biologiche e di sentieri eco-turistici, a pochi chilometri dal centro di Rogliano (CS), c’è una casa sull’albero. Un alloggio speciale ed ecosostenibile per dormire sospesi tra i rami. Si tratta di una casetta di legno che si armonizza all’albero che la accoglie. In essa è presente una verandina, un balcone, bagno, doccia ed ogni comfort (frigorifero, TV, Riscaldamento, Wi-Fi). Fa da cornice, una scala a chiocciola in ferro e legno realizzata da un noto artigiano di Rogliano. (www.ecobnb.it)

Sugli Appennini parmensi, come in Mongolia


Nasce dall’idea di ricreare un angolo di Mongolia in un paradiso naturale sull’Appennino, nella verde Val Taro, l’agricampeggio Ca’ Cigolara, affacciata sull’Oasi regionale dei Ghirardi con una estensione di sei ettari. L’azienda agricola, certificata Bio, comprende un vasto orto, un piccolo frutteto e un profumato campo di lavanda da cui si ricava olio essenziale. Il raccolto della coltivazione di piccoli frutti (ribes rosso, ribes nero, uva spina, lamponi, more) viene interamente trasformato in marmellate, gelatine e liquori, utilizzati in agriturismo e messi in vendita, insieme ad altri prodotti per la cura del corpo, ricavati da piante spontanee o coltivate. 

  • ARTS

scritto da:

Mariagiovanna Bonesso

Una mamma tacco 12? Anche un paio di ballerine Prada vanno bene, ideali per (rin)correre (il pargolo). Non ho smesso di "fare cose e vedere gente", coltivare la mia passione per arte, design, fotografia e moda, of course. A sdoppiarmi ancora non riesco, ma un Hugo cocktail e un cigarillo Cohiba mi ridanno i superpoteri istantaneamente.

POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori Osterie d'Italia, i premiati tra piatti della tradizione e osti che la sanno lunga

Le menzioni della Guida alle Osterie d'Italia 2020 di Slow Food, giunta all'edizione numero trenta (e sempre fonte affidabilissima).

LEGGI.
×