Naiade - Mostra fotografica di Claudia Amatruda

domenica 15 settembre
  • RECENSIONE
  • INFO
  • COMMENTI

Naiade - Mostra fotografica di Claudia Amatruda
domenica 15 settembre
ore 19.00 - 21.00
Caffetteria del Must - Museo storico Città di Lecce - Via degli Ammirati, 11 - Lecce
Info: gestioneservizi@mustlecce.it; 328.5842114.
Ingresso gratuito 

Domenica 15 Settembre 2019 prende il via il 6° appuntamento con la rassegna fotografica, che vedrà alternarsi autori locali e non, professionisti ed amatori, presso la Caffetteria del MUST - Museo storico Città di Lecce
La rassegna è curata da :
LedA
Iride

* Attività promosse all'interno del SAC "Terre di Lupiae"

" Naiade"
Mostra fotografica di Claudia Amatruda

Questo progetto fotografico nasce dall’ esigenza di affrontare una realtà difficile da accettare per una ragazza di 24 anni, una realtà fatta di corse in ospedale, ricerca continua di una diagnosi, dolori, medicine, fisioterapia, tante domande senza risposta e peggioramenti continui.
“Naiade” ha preso vita all’interno di un Master sul Progetto Fotografico tenuto da Michele Palazzi della scuola MeshroomPhoto-Pescara; all’inizio nato come diario di ciò che stavo e sto ancora vivendo, per poi trasformarsi in un libro fotografico che utilizza le immagini al posto delle parole, per esprimere la condizione di invisibilità del dolore, il buio di una diagnosi incompleta e non definitiva, ma anche ciò che la fotografia e l’acqua sono capaci di fare insieme alla determinazione e alla voglia di combattere. Dopo un paio d’anni di ricoveri ospedalieri in tutta Italia, arriva una diagnosi parziale: Neuropatia delle Piccole Fibre, Disautonomia e una Connettivopatia ereditaria (ancora in forse) Malattie rare senza una cura, dunque. Si agisce solo per alleviare il più possibile i sintomi con tonnellate di farmaci e fiosioterapia continua. Guardandomi, nessuno sospetta che la mia vita possa essere fatta di intere giornate a letto con dolori profondi alle gambe, rinuncia ad una vita sociale normale, limitazioni, rallentamenti, infezioni, stanchezza cronica, ricoveri mensili...Tutto questo dall’esterno non si vede, sembro una normalissima ragazza sana e attiva. Ma se il dolore non è visibile, non vuol dire che non esista. E’ un combattimento corpo a corpo contro qualcosa di ignoto, con la speranza, un giorno, di avere la mia vittoria definitiva. Il nome del libro deriva dalle Naiadi, che sono le divinità dell’acqua nella mitologia greca. Il loro nome in greco significa ‘fluire’. Le ninfe si trovano nelle acque dolci e sono dotate di capacità di prevedere il futuro, di profetizzare e di guarire i feriti ed i malati.

Gli autoritratti riescono lì dove lo specchio è un limite: guardarmi dentro.
La fotografia mi sta salvando la vita.

"Naiade" racconta una storia. La mia.
La fotografia per riprendere possesso del proprio corpo.
La fotografia per riprendere possesso dello spazio.
La fotografia per rivelare il buio.
La fotografia per vivere la luce.
La fotografia per conoscere se stessi e l’altro da sé.
La fotografia per rendere visibile l’invisibile.
La fotografia per uscire da finestre che sono chiuse.
La fotografia per raccontare.
La fotografia per guarire, perlomeno nell’animo.
(Simone Sbarbati scrive a proposito di Naiade)

-
BIOGRAFIA
Claudia Amatruda (1995, Foggia, Italy) frequenta il Master sul Progetto Fotografico con il docente Michele Palazzi alla scuola “Meshroom Pescara” ed attualmente segue il corso di laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia, indirizzo Graphic Design.
Nel 2015 vince una borsa di studio e una mostra al Teatro Fondazione San Carlo di Modena e nel 2016 realizza una mostra personale permanente presso l’Università di Foggia.
La sua ricerca fotografica è stata completamente stravolta dalla consapevolezza di una malattia che da poco ha irrotto nella sua vita e trova nell'utilizzo dell'autoritratto e nella descrizione fotografica degli ambienti in cui vive, la possibilità di riscatto.
Un lavoro di lungo periodo che ha prodotto nel 2018, (con l'aiuto di una campagna di crowfounding) la produzione di ‘Naiade’, un self publishing con tiratura di mille copie, curato da Fiorenza Pinna e presentato la prima volta all’interno della mostra UNFOLD_Pescara. Successivamente nel 2018 ‘Naiade’ è presente al Funzilla Fest 2018 - Roma.
Espone in collettive a Roma, Napoli e a Foggia.
Attualmente alla ricerca predilige la fotografia come strumento di racconto di se a partire da una nuova consapevolezza.

La mostra sarà visitabile tutti i giorni, dal martedi alla domenica, dalle 10:00 alle 13:30 e dalle 15:30 alle 19:00 sino al 13 ottobre 2019.




 

15 settembre

  • ARTS
  • INAUGURAZIONE

ALTRO SU 2NIGHT

×