Come organizzare un ricevimento perfetto in Puglia senza sbagliare una mossa

Pubblicato il 22 novembre 2022

Come organizzare un ricevimento perfetto in Puglia senza sbagliare una mossa

Ci sono eventi che meritano una festa speciale e un’organizzazione più che “a puntino”. Tra feste di compleanno da ricordare e matrimoni impeccabili, quali sono gli step da compiere per non sbagliare anche sul minimo dettaglio? È ora di iniziare a prendere appunti da chi fa della cerimonia il suo mestiere. Da Villa dei Sogni  ecco i consigli perfetti per organizzare una giornata da ricordare.

1. Innanzi tutto la location


Quando vogliamo fare festa la domanda sorge spontanea “qual è la location adatta per ospitarci”? Fermiamoci un secondo e facciamo chiarezza sul tipo di ricevimento da organizzare e che scenari vogliamo regalare agli invitati. Non deve mancare mai l’eleganza e la finezza reinterpretata secondo lo scenario territoriale, quindi la struttura deve essere sempre in armonia con tutto il resto e deve farsi forza non solo sul bello ma anche sulla qualità dell’offerta professionale. Personale attento e sempre educato, buona cucina e una perfetta tabella di marcia da adattare alle nostre esigenze.

2. Cosa servore agli ospiti


Il cibo è un argomento da prendere sempre molto sul serio ed è qui che non si può proprio sbagliare. Un buon pranzo è ciò che gli invitati ricorderanno negli anni ed è per questo che bisogna fermarsi un momento e capire qual è il menu perfetto per accontentare tutti. Mai più solo menu a base esclusiva di carne o pesce, ma un vero mix che mette insieme gli ingredienti per regalare piatti gourmet agli invitati. Dall’antipasto al dolce puntiamo sulla territorialità consapevole, la vera tendenza anche in fatto di ricevimenti.

3. L'abbinamento cibo vino


E con il beverage che si fa? Non si può più prescindere il buon mangiare dal buon bere, quindi assicuriamoci che la struttura scelta abbia a disposizione una carta dei vini di alto profilo, comprendente etichette regionali ed extraregionali. Per accompagnare ogni portata del pranzo scegliamo un vino adatto per esaltare ogni sapore e creare un unicum che ci accompagni dall’antipasto al dolce, ovviamente servendoci del racconto di un esperto.

4. e ora si balla!


Di intrattenimento se ne parla sempre troppo poco, ma è uno dei segreti per la perfetta riuscita della festa. Buona musica e animazione raffinata e allo stesso tempo divertente, è ciò che va scelto per accompagnare tutta la giornata. Una band che suona musica dal vivo dall’ingresso dei festeggiati fino a fine giornata è ottimale. Tra un sottofondo sussurrato durante il pranzo fino al coinvolgimento durante le pause ballo, si scrive la storia di una giornata diversa dal solito. Occhio anche alle canzoni scelte, assicuriamoci che siano in linea con l’evento. Per un matrimonio un brano che racconta coppie finite male non è proprio il massimo come lento.
Se non sappiamo a chi rivolgerci, la sala ricevimenti che abbiamo scelto è sempre una buona fucina di idee. Molto spesso, prima di un evento importante, si organizzano session live in cui scoprire band che non ci si aspetta. È ora di drizzare le orecchie.

5. Parola d’ordine: no stress


Le sale da ricevimento migliori sono quelle che si occupano che gli invitati non siano sotto stress, che si documentano sulle allergie o le intolleranze degli invitati. Oltre al cibo, però, c’è di più. Il relax è un momento importante, quindi non devono mai mancare degli angoli in cui in cui conversare o prendersi un momento di tranquillità, il massimo per staccare un po’ dalla confusione.
Infine è una buona idea scandire i momenti dall’aperitivo alla torta scegliendo pochi passaggi e cambiando sempre stanza, in questo modo ogni ospite potrà ben ambientarsi a tavola e sentirsi sempre a proprio agio. 



Servizio fotografico a cura di Rita Ostello.

  • VOGLIO FARE LA MIA FESTA

scritto da:

Serena Leo

Amo raccontare il vino e il cibo, mia croce e delizia. Sono costantemente alla ricerca di proposte gourmet “sartoriali” esaltanti. A tavola, come nella vita, desidero che il mio calice sia sempre pieno e che i commensali siano allegri e appassionanti.

POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×