Tour enogastronomico tra agriturismi e cantine della Valpolicella

Pubblicato il 7 aprile 2021 alle 07:00

Tour enogastronomico tra agriturismi e cantine della Valpolicella

Cosa fare mentre attendiamo di scoprire cosa sarà di noi, di questa estate, del nostro futuro? Mentre capiamo come organizzare quelle poche ferie che ci saranno concesse e che con buona probabilità saranno anche le uniche che potremo permetterci in termini di tempo e di denaro. E ancora – e forse soprattutto – cosa fare mentre decidiamo se ci siano gli estremi per una dieta last minute in vista dell’estate o viene tutto rimandato al 2022.
Ecco, io una risposta univoca non l’ho. Nulla che possa eliminare l’ansia, assottigliare la paura del domani, restituire il tempo e il sonno perso o alimentare una speranza che diciamocelo, ultimamente spesso tarda o manca del tutto ad arrivare in nostro soccorso.
Una cosa però non ho ancora smesso di sperare sia in grado di aiutarci: l’amore, che poi altro non è che un raccoglitore di milioni di rapporti diversi che qui non elencheremo perché non serve dare nomi, quando fa battere il cuore. E quale migliore accoppiata se non quella di una tavola imbandita e le persone più care attorno? Certo, il conto finale conta ma qui è a prova di pandemia.
 
Di cosa sto parlando? Della possibilità in zona gialla di godere di qualche ora d’aria libera o perché no, di un intero weekend tra vino, natura e se il meteo decide di graziarci, anche di un bel tepore primaverile. Cucina casereccia, tovaglie macchiate di sugo a fine pasto, dolci della casa e gioia nelle piccole cose: il tempo, quello condiviso, che solo un pranzo assieme possono regalare. Sì, parlo per forza di Lei, della Valpolicella, regina indiscussa delle nostre valli venete, fiore all’occhiello per la viticoltura (presente già al tempo di Roma antica) nonché territorio poliedrico che accontenta letteralmente ogni gusto, prezzo, stile di vita e voglia di fare (ma anche di non fare).
Degustazioni di tagliatelle con bruscandoli, asparagi bianchi di Mambrotta, tastasal della Lessinia o costolette di agnello; il tutto accompagnato da calici della tradizione: Amarone, Recioto, Valpolicella Ripasso e molti altri. Un’esperienza, quella della Valpolicella, da poter gestire a tappe tra Negrar, Pescantina, Sant’Ambrogio e gli altri, o da scegliere in versione più sedentaria con il posto del cuore. Un mini weekend (o perché no, anche una giornata unica) dove poter godere di panorami maestosi a piedi o in bici, che iniziano con visite guidate nelle cantine storiche e finiscono con un pic nic tra i filari o, ancora, che scelgono di godere degli imperdibili paesaggi della vicina Verona o del bel Lago di Garda.
Insomma, ciò che sarà del nostro futuro lo scopriremo, ma nel frattempo perché non concedersi un momento lontano dalla solita routine, godendo delle grandi possibilità che il nostro territorio – spesso a pochi km da casa – ci offre?
Qui una piccola selezione di posti tipici dove il rapporto qualità/prezzo è imbattibile, la tradizione non manca mai. Tu devi solo portare la mascherina, e la fame ovviamente!

A Fumane 

Un’oasi nel verde, una vista incredibile e la sensazione che non ti lascia mai di essere proprio lì, dove dovevi e volevi essere. Questo è Country House dalla Caterina, meglio conosciuto come “Dalla Caterina” anche se pure la nonna di Caterina, la cuoca, non scherza in quanto a fama nella zona. I prodotti qui sono ricercati e stagionali, le verdure provengono quasi tutte dall’orto biodinamico come anche le uova, prodotte dalle loro stesse galline che capita di veder razzolare felici in giro. Qui tutto è fatto artigianalmente, ecco perché la prenotazione è fortemente richiesta. Oggi più che mai poi, disporre di un ampio spazio verde all’esterno (anche al coperto) è cos fondamentale. Aperto il sabato e la domenica.
Country House Dalla Caterina, Locanda Cà Tripoli 1, Cavalo (VR) – Tel. 3473019259

A Sant’Ambrogio 

Una corte del 1500, una storia che inizia nel 1978, i fiori di pesco e il verde degli ulivi come contorno, un ampio parco (con area bimbi), la possibilità di pernottare o perché no, di godere unicamente della buona cucina. Siamo all’Agriturismo Cà Verde, nel cuore della Valpolicella, dove un menù tutto stagionale ed un ampio spazio esterno, rendono questo posto perfetto per un pranzo primaverile, anche in tempi di covid. Un tagliere sotto al pergolato? Che pace. Aperto il weekend. Ottimo punto di partenza per passeggiate!
Agriturismo Cà Verde, Località Cà Verde (VR) – Tel. 0457731560

A Marano 

I vigneti occupano con forza l’ultimo pezzo di terra, poi, la montagna. Una cantina che solo cantina non è anzi, scavata all’interno di un antico vulcano promette di scoprire una Valpolicella sotterranea non da poco per una esperienza multisensoriale incredibile. E, come non bastasse, una terrazza (con tavoli all’aperto). Qui oltre al menù alla carta ampie possibilità, come l’inovativo pic nic con degustazione di tre vini e goloso cestino, uniti ad una passeggiata e ad una visita delle aree di produzione della barricaia.
Azienda Agricola Albino Armani, Località Camporal (VR) – Tel. 3476445101

A Negrar 

Per conoscere la storia che sta dietro la cantina della Società Agricola di Roberto Mazzi (e figli) bisogna fare non uno, non due, ma anche cinque passi indietro alla nostra storia, quella tutta all’italiana, legata alla tradizione, alle scelte semplici ma efficaci, al tramandare muri, esperienze, sapori e saperi. Ecco, qui tutto questo è legge. Una cantina storica, ma anche un bed&breakfast ed una cucina: l’Antica Corte Al Mulino. Aperta solo nel weekend offre la possibilità di degustare prodotti da loro prodotti (olio e vino ovviamente), ma anche piatti della cucina tradizionale. Adatta un tempo a gruppi numerosi e feste festose, oggi richiede obbligatoriamente la prenotazione.
Azienda Agricola Antica Corte al Molino, Via Crosetta, Negrar (VR) – Tel. 0457502072

A San Pietro in Cariano 

Piatti della tradizione tipica veronese, ingredienti freschi e di stagione e i vini rigorosamente della Cantina Buglioni ovvio, perché qui siamo in Locanda Buglioni, la versione più chic del rustico casale immerso tra vigneti e ulivi. Un menù alla carta molto corposo: salumi, tagliatelle di pasta fresca, carne alla brace, zuppe e cotture a bassa temperatura. Nonché la possibilità di scegliere tra quattro menù degustazione in un vero itinerario sensoriale che abbina pietanze con i vini di produzione propria. Quattro percorsi, decisamente quattro prezzi. Zero voglia di rincasare successivamente? Dimora Buglioni sia.
Locanda Buglioni, San Pietro in Cariano (VR) – Tel. 0456801725

A Pescantina 

Forse non proprio un agriturismo, forse non proprio un ristorante. In fin dei conti però, che importa? Definire le cose oggi, è cosa superata. Soprattutto perché Locanda Paradiso non ha necessità di essere definita, ma basta essere provata. Un posto, questo, dove anche senza mangiare ti senti a casa o ancora meglio, perché qui la bellezza e la particolarità è tutto. Leo&Gio cucinano tutto, scelgono la tradizione e un pizzico di fantasia, prodotti freschi e del territorio. Occhio però, come sono soliti dire gli affezionati: “qui non si ordina, ci si siede e si lascia fare”.
Locanda Paradiso, Via dei Pini 17, Settimo di Pescantina (VR) – Tel. 0456703181
 
 
Foto interne reperite nelle rispettive pagine social dei locali.
Foto di copertina di Locanda Paradiso. 

  • MANGIARE ALL'APERTO
  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
  • SPENDO POCO E MANGIO BENE

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Il 25 settembre è la Giornata Mondiale dei Sogni. Anche di quelli a tavola

Ed è perfetta da vivere in 5 ristoranti stellati che fanno sognare a occhi aperti.

LEGGI.
×