A volte, Dal Medico si cura anche la sete. Parola di Roberto Melchiori

Pubblicato il 2 agosto 2022

A volte, Dal Medico si cura anche la sete. Parola di Roberto Melchiori

Tra bar storici e luoghi turistici, in Piazza Erbe spicca un locale dove emozioni, pensieri, problemi e sogni vengono miscelati con rispetto e maestria. Arredato con colori scuri in chiave moderna, marmi pregiati e piante esotiche appese al soffitto, Dal Medico, è un cocktail bar, bistrò e pure enoteca chenon ha nulla di che invidiare ai migliori bar di Manhattan. Finalmente anche i gaudenti esigenti hanno un luogo dove potersi rilassare, osservare le arti della miscelazione, ma soprattutto un posto dove poter bere un drink degno di questo nome. Sembra un paradosso eppure in questo stesso luogo, durante il Medioevo, un dottore, oltre che, prescrivere ricette e cure, creava medicine, negli stessi sotterranei dove oggi riposano bottiglie pregiate di etichette italiane e costosi Champagne. Così Roberto Melchiori, che per destino o pura fatalità, porta pure lo stesso nome di quel colto farmacista, ha voluto chiamare il suo locale Dal Medico, lasciando l’antica insegna originale affrescata sul muro e le vasche in marmo nella sala sotto, dove il dottore preservava l’acqua. Oggi pura bellezza per sorprendere i più attenti. Siamo andati a far quattro chiacchiere con Roberto.

Come mai Roberto, hai scelto questo nome?

Quando sono approdato in questo locale, ho deciso di fare delle ricerche storiche. Il vecchio proprietario mi ha mostrato dei documenti storici pazzeschi  io sono un appassionato di storia. Nel 1517 questo posto si chiamava Farmacia dal Medico. Abbiamo trovato un’antica epigrafe nei sotterranei, con il nome del medico, che ha il mio stesso nome. Ho deciso così, di tenere questo nome, ma togliere quello di Farmacia. Abbiamo optato poi, per non eliminare la parte sotto, piuttosto di strutturarla, lasciando ed evidenziandone i dettagli storici, così da valorizzarla. Il pavimento è originale e ci sono ancora le antiche vasche utilizzate per raccogliere l'acqua dal medico. Oggi, questa zona la usiamo per eventi privati o piccoli party a tema.

Tutti locali di Piazza Erbe sono aperti tutto il giorno, ma Dal Medico, è aperto solo di pomeriggio. Raccontaci di questa scelta

Esatto, Dal medico apre alle 17. Abbiamo deciso di fare una rivoluzione e di lanciare un pò una provocazione, aprendo solo per l’aperitivo e chiudendo alle 3 di notte, diversamente dagli altri locali in piazza che chiudono alle 2. Alla fine, abbiamo aperto un pò la strada anche ad altri, perchè molti bar ora ci seguono, tenendo aperto di più. La legge lo permette. Non facciamo nemmeno servizio di caffetteria, preferiamo puntare su drink e aperitivi, infatti il mio locale è tutto arredato con toni scuri, come un locale della notte. 

La carta dei vini è molto interessante, raccontaci un pò delle tue scelte.

Tra Champagne e vino abbiamo più di 500 etichette, direi che la nostra è una delle cantine più fornite sul panorama veronese. Abbiamo pochi nomi commerciali, perchè preferiamo tenere bottiglie di nicchia, per veri intenditori. C’è una ricerca intensa a monte, sui produttori, nulla è lasciato al caso. Non mancano nemmeno i vini provenienti dall’estero, come per esempio quelli neozelandesi, marocchini, sudafricani e californiani. Quello che conta è che siano prodotti di qualità e non industriali. Cerchiamo che siano vini di ottima qualità, provenienti solo da piccole produzioni, creati con metodi tradizionali e non da aziende che facciano grandi numeri.

Anche il menu è tutto particolare.

Questo menu è stato disegnato appositamente per noi da un’artista locale che personalizza oggetti di plastica. In lista abbiamo drink che cambiano durante le stagioni e quelli più noti che restano tutto l’anno. Potreste assaggiare il Dead Island, creat con Mezcal, rum agricolo, Ancho Reyes verde, succo di ananas, bitter Angostura, lime, zucchero, oppure un Donkeys Years con Calvados, Irish Whisky, succo lime e ginger ale. Nel menu sicuramente non ci facciamo mai mancare, i grandi classici, quelli creati da miscelazioni storiche. Una delle nostre specialità è il Tea Sour, con un’inedita nota aromatica e un carattere inconfondibile, a base di T+ liquor, derivato da un’attenta selezione di tè in foglie, limone, zucchero e soda.

E la tua passione Roberto, da dove nasce?

Io arrivo dal mondo degli eventi della notte e poi ho studiato per diventare sommelier, con Dal Medico, ho cercato di mescolare un pò queste due grandi passioni. Inoltre sono un grande appassionato di locali particolari, di ristoranti stellati, cerco sempre l’eccellenza. Con questa idea ho creato il mio locale. Sono un viaggiatore e un grande esploratore, mi piace andare alla ricerca di posti insoliti e scovare locali nuovi, trovare nuove proposte culinarie e immergermi nell’arte della mixology. Volevo creare un locale unico, “senza compromessi”. All’inizio volevo perfino eliminare lo spritz. (Ride Roberto). Ci sono moltissimi cocktail che si possono fare con l’Aperol, lo sapevate? 

Quindi se per l’aperitivo non si beve lo spritz, cosa si beve nel tuo locale?

Qui Dal Medico un grande cavallo di battaglia è l’americano, che lo facciamo con il Vemut de l’Archivio, un locale storico veronese di veri artisti dei cocktail, Campari e soda. In alternativa, potreste scegliere un Lemon Drop Martini con vodka al limone, triple sec e limone o un Amarico Fizz, creato con Amarico americano, zucchero, lime e soda. Le alternative non mancano, si può sempre puntare per una delle tante bottiglie di vino a disposizione. In caso facciamo anche lo spritz, ma a regola d'arte. 

Cosa si può abbinare all’aperitivo?

Noi proponiamo dei taglieri di affettati locali con formaggi della Lessinia o delle focacce farcite sul momento, oppure dei toast particolari, per un aperitivo più rinforzato. Utilizziamo solo ingredienti provenienti da piccoli artigiani locali o della Lessinia, per noi la qualità è estremamente importante. 

Quale il tuo sogno nel cassetto per il tuo locale Roberto?

Vorrei aprire un catering di drink fatti a regola d’arte, del "bere bene" per veri intenditori e poi voglio aprire un nuovo locale sul lago di Garda, basato sulla cucina e sui cocktail, a questo progetto sto già lavorando è questione di mesi. 


Roberto è un visionario con le idee molto chiare e ogni singolo dettaglio del suo locale, è il frutto di molto studio e passione. Quella gliela si legge negli occhi. Dal Medico, ha rivoluzionato Piazza Erbe e ora è un modello per molti. Se sei abituato ai soliti locali per turisti, dimenticateli, perchè qui è tutta un’altra storia. Mi raccomando però, non gli chiedere lo spritiz, troppo banale. 

Dal Medico
Piazze delle Erbe, 26/A - Verona
Telefono: 3407451601

  • GLI ADDETTI AI LAVORI
  • APERITIVO

scritto da:

Nicole Rossignoli

Viaggio sempre, per passione, per lavoro e con la mente. Nel turismo da una una vita, magistrale in Promozione e Comunicazione Turistica, quasi sommelier, aspirante UNinfluencer. Assaggio, scrivo e promuovo mete di gusto e viaggi diVini. Annuso le pagine dei libri, mi perdo nei mercati, compro spezie, guardo le stelle, mi lascio spettinare dal vento e mando cartoline. Ho vissuto un po' di qua e un po' di là, ma poi torno sempre nella mia amata Verona. Adoro il gelato al pistacchio e non posso vivere senza caffè.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Le grandi mostre da non perdere in Italia nel 2022

La ripartenza passa anche dall’arte, perché la cultura e la bellezza sono motori della crescita.

LEGGI.
×