Passione mixology: i 6 cocktail bar a Lecce da frequentare questo autunno

Pubblicato il 29 settembre 2021

Passione mixology: i 6 cocktail bar a Lecce da frequentare questo autunno

Mixology, la passione di chi osa, di chi ha il coraggio di uscire dalla propria comfort zone per lasciarsi sorprendere da sapori e accostamenti inaspettati, di chi riesce a trasformare dei semplici ingredienti in un’emozione.

È proprio questa passione che andrò a ricercare oggi tra i brulicanti vicoli di Lecce, qualcosa che rompa gli schemi portandomi a vivere un’elettrizzante esperienza di gusto.

Sono 5 i locali che ho selezionato per voi, tutti diversi, nati da menti visionarie, cosmopolite ed estremamente creative, accomunati però dalla capacità di stupire e sorprendere.

Sarà un autunno bellissimo, preparatevi ad offrirmi da bere!

Al Ventuno 


Seguite la ricetta alla lettera: 1 manciata di bistrot parigino, per dare eleganza e leggerezza, 1 pizzico di club londinese per un tocco vivace, metropolitano e innovativo e una piccola decorazione esotica per amalgamare il tutto. Et voilà, siete Al Ventuno.
Nella centralissima Via Matteotti, proprio al civico 21 da cui prende il nome, troviamo questo bellissimo tempio dell’accoglienza, dallo stile cosmopolita e dinamico, dove poter trascorrere piacevolmente qualsiasi momento della giornata, dalla colazione, al brunch fino al dopocena.
In questo caso, la scelta migliore è affidarsi a Matteo, giovane titolare ed esperto conoscitore di tutti i segreti della mixology, grazie a una grande esperienza da barman professionista e a un talento innato, dimostrato dai fantastici signature cocktail proposti.
Tra gli imperdibili non possiamo non citare il rinfrescante e delicato “Botanico”, a base di Tanqueray gin, con l’aggiunta di aloe vera, sciroppo di violetta, succo di limone e tonica, l’aromatico e speziato “Forestiero”, con Hendrick’s gin, Quaglia pino mugo, succo di lime, Angostura, ginger beer e tonica e il pungente “Salentino”, con Aperol, Amaro Salento, lime e ginger beer.
Per gli amanti dell’iconico Spritz invece, vi aspettano tantissime varianti che non vi faranno assolutamente rimpiangere l’originale, anzi!
Al Ventuno - Via Giacomo Matteotti 21/A, Lecce (LE) – Tel. 3773544930

Mine & Yours Members Club


Può un luogo essere esclusivo ed inclusivo allo stesso tempo? Certamente! E Mine & Yours Members Club ne è la prova.
Situato a pochi passi dalla frizzante Piazza Mazzini, cuore commerciale della città, e all’interno di un bellissimo palazzo storico finemente arredato, vi lascerà completamente a bocca aperta.
È varcando il portone d’ingresso che la magia ha inizio: stile metropolitano degno dei più blasonati Members Club newyorkesi (che porta la firma dell’architetto olandese Erick Kuster, uno dei migliori interior designer contemporanei), light design perfetto e un giardino verticale dove crescono ben 134 specie di piante differenti, a cura del biologo francese Patrick Blanc, l’inventore dei cosiddetti “muri vegetali”.
E ancora, due ristoranti differenti per arredo e cucina, un barber shop, deliziose suite, solarium e un elegante rooftop.
Proprio su quest’ultimo ci aspetta Enrico Nicolini, bar manager giovane e talentuoso, vincitore di numerosi concorsi di settore, capace di conciliare bellezza ed equilibrio all’interno del bicchiere, anche con l’utilizzo di ingredienti alternativi provenienti dall’America Latina e dall’Oriente.
Ci lasciamo condurre nel suo magico mondo attraverso tre signature cocktail indimenticabili, per gusto e presentazione. Cominciamo con “Butterfly”, leggero, bello e raro, proprio come una farfalla blu, con all’interno lime, sciroppo di fava tonka, gin e orzata, a cui viene aggiunto in un secondo momento un succo di peonia blu, che rende la sua presentazione super instagrammabile; poi ancora “Emerald”, presentato in una bellissima coppa pavone, a base di vodka, estratto vegetale, supasawa, sciroppo di lemon grass e liquore pineta, il tutto racchiuso in una bolla di fumo; e infine “The Siren’s”, bellissimo nel suo bicchiere napoleon con al centro un fiore edule viola circondato dal fumo, a base di ginger beer, purea di pesca bianca, lime, liquore alla violetta e mais viola.
Da provare e riprovare (anche perché la carta dei cocktail è in continua evoluzione).
Mine & Yours Members Club – Via 47 Reggimento Fanteria, 28, Lecce (LE) – Tel. 08321563841

Quanto Basta 


Addentrandoci nei vicoli del centro storico più autentico, troviamo il famosissimo Quanto Basta, lo street bar più amato dai leccesi e non, una certezza per quel che riguarda la mixology.
Qui le chiacchiere stanno a zero, tutto si sviluppa in 37 metri quadri, niente fronzoli, niente vino, niente birre, pochi stuzzichini, “solo” drink fatti a regola d’arte!
Tant’è che nel 2015 il Quanto Basta venne eletto “miglior cocktail bar d’Italia” da BarGiornale e nel 2019 “miglior bar team dell’anno”. Una grandissima soddisfazione per i due gestori Diego Melorio e Andrea Carlucci, dallo spirito visionario e creativo.
È il classico posto in cui puoi lasciar fare al barman e sai già che verrai accontentato.
Ma se volete un parere, i miei preferiti sono “Il Pellegrino”, cocktail realizzato per Sanbitter, a base di succo d’arancia, succo di lime, sciroppo di melograno e Sanbitter rosso (un vero pellegrinaggio alla scoperta di sapori unici e bilanciati perfettamente) e il “Cercles di Soleil”, con cognac esaltato dall’aggiunta di caffè, sidro di mele, cordial coffee, un pizzico di sale e vaniglia. Un omaggio ai cugini francesi.
Comunque, se volete capire veramente l’arte della mixology è un’esperienza da fare.
Quanto Basta – Via Paladini, 17 – Lecce (Le) – Tel. 3470083176

Saloon Keeper 1933


Vi va di fare un salto indietro nel tempo? Seguitemi allora! (Tranquilli, sono ancora sobria e mi ringrazierete!)
In uno degli angolini più deliziosi di Lecce, proprio di fronte alla storica “Chiesa Greca”, si apre un varco temporale che vi porterà indietro di un secolo, in un mix tra New Orleans e Cuba degli anni Trenta, quando il proibizionismo era ormai un ricordo.  Un luogo dove sentirsi protagonisti di un tempo andato, dove gli arredi in legno, le luci soffuse e i divanetti retrò contribuiscono a creare la scena perfetta, dove viene naturale sedersi al tavolino a sorseggiare un bicchiere d’assenzio.
Un cocktail bar in stile speakeasy, dove prendersi una pausa bevendo un ottimo drink.
La grande ricchezza di ricette e gli ingredienti selezionati permettono di accontentare anche i palati più esigenti. Dal soft all’hard, dallo strong al twist, ci sono i più disparati sapori pronti a conquistare chiunque voglia immergersi nell’atmosfera della Lecce di un tempo.
Il mio consiglio è di provare “The Enforcer”, London Dry Gin, maraschino, liquore alla violetta, succo di limone, latte di mandorla, bitter alla lavanda e tonica alla violetta. Fresco, floreale e delicato. 
In alternativa, lasciatevi stupire dalla bravura del bartender.
Saloon Keeper 1933 - Piazzetta Chiesa Greca, 16, Lecce (LE) – Tel. 3278830236

Laurus Cocktail Experience


Classico, elegante e senza tempo, il Laurus Cocktail Experience è uno di quei luoghi dai quali non vorresti più andar via. Un pianoforte, quadri alle pareti e musica jazz di sottofondo. Lasciatevi coccolare dalle creazioni di Marco Fabbiano, founder e bartender, ricche di contaminazioni, buon gusto e ricerca.
D’altronde Marco, nonostante la giovane età, vanta un curriculum di respiro nazionale e internazionale di altissimo livello.
Tra i 14 signature cocktail, meritano una menzione particolare sicuramente “Improved Paloma”, dove il tipico cocktail messicano qui è proposto con Mezcal, succo di lime, succo di pompelmo, miele e soda al cardamomo nero, e “Charlie Chaplin”, con Apricot Brandy, Cognac, lime chiarificato, sciroppo di gin e tintura di ibisco.
Ma il mio preferito è “La Monnalisa” servito in un flute da champagne guarnito con una piuma di pavone, con all’interno Cittadelle gin, tamarindo acidificato, cagliature di more selvatiche, estratto di bergamotto e achillea bitter. Bellissimo e delizioso!
Laurus Cocktail Experience – Vicolo Boemondo, 26 – Lecce (LE) – Tel. 3923963109

Prohibition


Il Prohibition è più di un locale, è un vero e proprio progetto con una mission ben precisa: portare nella capitale del Barocco la cultura del "saper bere". Tutto ciò grazie alla passione, e al caleidoscopico percorso professionale di Antonio Lecciso, founder e bartender dallo spirito innovativo e visionario.
Nascosto nella cantina di uno storico palazzo nel cuore del centro storico, rispecchia lo spirito confidenziale degli speakeasy americani nati negli anni Trenta nel periodo del Proibizionismo. 
Luci soffuse, musica accogliente, un'accurata selezione di distillati e liquori (ben 600 etichette tra gin, rum, whisky, tequila e tanto altro) e una drink list creativa e in continuo mutamento, fanno sì che il Prohibition entri di diritto nei posti del cuore. 
Tra i miei preferiti l'agrumato ed esotico "Oriental Harmony", a base di Bombay east gin, liquore alla camomilla, succo di limone, sciroppo di Yuzu e tonica all'hibiscus, e l'amaricante "Hanky Panky 3.0", rivisitazione del famoso cocktail di Ada "Coley" Coleman, a base di gin, vermouth rosso e Fernet Branca, servito in una coppa scenograficamente ricoperta da una schiuma di Fernet. 
Prohibition - Via Guglielmo Paladini, 19 - Lecce (LE) - Tel. 3898823930



Immagine di copertina a cura di Gabriele Dell'Anna per 2Night
Immagini interne tratte dalle pagine Facebook dei rispettivi locali

 

  • BERE BENE
  • DOPOCENA

scritto da:

Samantha Centonze

Appassionata di viaggi, sommelier e affamata di avventura. Coniuga la passione per i viaggi e per la scrittura su destinazioneavventura.it, progetto di comunicazione che promuove itinerari creativi e location imperdibili in giro per il mondo.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Autochtona Award ha premiato i migliori vini autoctoni d’Italia

Sono 14 i riconoscimenti assegnati.

LEGGI.
×