Dimore storiche e fontane da cui zampilla vino. Ecco le cantine più belle tra Chieti e dintorni

Pubblicato il 1 aprile 2024

Dimore storiche e fontane da cui zampilla vino. Ecco le cantine più belle tra Chieti e dintorni

Visitare una cantina oggi, non è più solo un’esperienza dedicata agli addetti ai lavori, piuttosto si tratta di un nuovo mood per le vacanze. Andando oltre le classiche informazioni tecniche che appassionano solo gli addetti ai lavori, le tenute di campagna diventano luoghi in cui ci si aggrega e si organizzano iniziative d’appeal per grandi e piccoli, diventando inclusive a tutti gli effetti. Questo è uno dei tanti punti di forza dell’enoturismo che sta generando un flusso importante di persone appassionate al mangiare e bere bene. Tanti infatti, scelgono la meta proprio per quel piatto tipico o per quel vitigno autoctono, o solo per godersi qualche ora di silenzio in vigna. Per un weekend all’insegna dell’eccellenza, abbiamo selezionato cinque wine destination in Abruzzo che vale la pena visitare nella zona di Chieti e dintorni.

L’archeo-enologia



Feudo Antico è una vera e propria "custodia" di tesori. Si, perché si tratta di una vera e propria cantina museo. Siamo nella piccola Tollo, a pochi chilometri dalla costa di Ortona e sui resti di una villa rustica romana, dove si faceva già vino, oggi la storia si mette in bella mostra. I primi resti di questa costruzione sono venuti fuori mentre si impiantavano le prime vigne - ormai vent’anni fa - quindi si è deciso di valorizzare il patrimonio costruendo una cantina in grado di valorizzare i ritrovamenti. Feudo Antico, con la sua struttura completamente a vetro, circonda il Museo della Villa Romana. Ne sono un esempio anche i vini che, grazie all’opera ragionata dell’enologo Riccardo Brighigna, ricalcano il concetto attraverso l’utilizzo di anfore per l’affinamento di Pecorino e Montepulciano, con risultati sorprendenti al naso e palato. A corredare l’esperienza è la cucina di chef Lorenza Pantalone che reinterpreta le ricette di una volta tra Ortona e dintorni, quindi mare e terra in perfetta simbiosi. Il tutto da gustare con i vini firmati Feudo Antico. Per finire le stanze di charme - solo sei – sono messe a disposizione per gli ospiti della cantina che, in aggiunta, potranno acquistare delle esperienze che li porteranno alla scoperta di un territorio dalle grandi potenzialità. Dal cicloturismo al classico trekking, qui c’è sempre qualcosa da fare.

Contrada San Pietro, 25 Tollo T: 08719625253 

In contrada Feuduccio



A pochi chilometri dalla piccola Orsogna - all’interno del Parco Territoriale dell’Annunziata - sorge “Il Feuduccio di Santa Maria D’Orni”. Una storia fatta di amore per l’Abruzzo e dei suoi vini. Tutto iniziò nel 1995 quando Camillo Lamadetto scoprì questo angolo benedetto a metà strada tra mare e montagna, quindi se ne innamorò volendo dare il suo contributo per far sì che prosperasse. Piantò vigneti in grado di guardare contemporaneamente la montagna e il mare, inoltre progettò una cantina d’avanguardia su cinque livelli, ben tre sotterranei. Dalla fine degli anni Novanta qui si vinifica tenendo la barra dritta sull’eccellenza. Oggi al timone ci sono Gaetano Lamadetto, figlio di Camillo, e Rocco Cipollone. La tenuta è progettata per accogliere eventi festosi e pranzi conviviali, matrimoni da sogno compresi, ma anche wine lovers che vogliono gustarsi semplicemente un calice di vino sulle dolci colline del Feuduccio. Qui vige la regola di rispetto del silenzio ed è la destinazione ideale per chi vuole estraniarsi, anche solo per qualche ora, dal caos e godersi un calice di Montepulciano d’Abruzzo con vista bellezza.

Via Feuduccio, 2 Orsogna T: 0871891646 

Castello con vista Maiella



Il Castello di Semivicoli è una delle tenute della famiglia Masciarelli, storica firma del vino da sempre. Questo è un vero e proprio palazzo baronale del XVII secolo circondato da vigneti e uliveti, a soli 20 chilometri dalla Maiella che si può raggiungere facendo trekking. In poche parole, si tratta della destinazione perfetta per chi vuole concentrarsi sul proprio benessere, sull’attività fisica e anche sul piacere della degustazione delle eccellenze firmate Masciarelli. L’unica regola è rilassarsi secondo le proprie inclinazioni, come andare alla scoperta di antiche storie di vino scegliendo percorsi degustazione personalizzate nelle sale del castello, dove non mancano le referenze di Marina Cvetic. In ogni formula scelta spicca una parte food che accompagna questo momento di grande piacevolezza. A fare da contorno al soggiorno è una serie di attività conviviali come come corsi di cucina personalizzati, oppure la yoga experience in piscina. Una struttura dove si punta all’eccellenza a 360 gradi sempre e comunque.

Via San Nicola, 24 Cascanditella T: 0871890045

Una fontana di vino



La a cantina Dora Sarchese è davvero singolare. Nasce come atto d’amore di Domenico D’Auria, detto Mimì, verso sua moglie Dora. Oltre a produrre vini esclusivamente da autoctoni, il luogo si distingue per un particolare, la fontana dalla quale zampilla vino. L’idea di realizzare questa sorgente perpetua è di Dina e Luigi, appassionati camminatori ortonesi. Furono loro a pensarci quando, durante il loro pellegrinaggio verso la tomba di Santiago di Compostela, si sono imbattuti in un’altra fontana di vino a disposizione dei tanti pellegrini bisognosi di ristoro. Un’esperienza replicabile anche sul Cammino di San Tommaso che collega Ortona e Roma, dove si trovano le tombe degli apostoli Pietro e Tommaso. Quindi, proprio dove sorge la cantina c’è anche l’alcolica sorgente – passateci la definizione - ad appannaggio di chiunque voglia abbeverarsi. La fontana, progettata dall’architetto Rocco Valentini, è uno dei pezzi forte della visita da Dora Sarchese, assieme al Nitae. Si tratta di un vigneto-cru composto da 1000 alberi disposti a forma di rosa dei venti. È il luogo deputato alla coltivazione di vigne vecchie di Montepulciano d’Abruzzo più che centenarie. Ciò hce si produce viene conservato in un vero e proprio scrigno in ceramica acquistabile solo in occasione di un wine tour.

Contrada Caldari Stazione, 65 Ortona T: 0859031249

Storia di vino e famiglia



Siamo a Crecchio e qui si scrive la storia della famiglia Ulisse che nel 2006 ha voluto dare una collocazione ancor più di prestigio ai suoi vini. La Tenuta Ulisse, rigorosamente a conduzione familiare, oggi con Antonio e Luigi Ulisse al timone, è la destinazione perfetta per chi vuole coccolarsi in un’enoteca dal gusto moderno. Pietra antica recuperata e arredi moderni ben integrati, il tutto completato dalle eleganti etichette di cantina, è la location perfetta per rilassarsi tra nuove e vecchie annate. Per chi invece, ha bisogno di un contatto diretto con la terra, la passeggiata tra i filari accanto alla struttura è sempre ben gradita, completando l’esperienza. È possibile acquistare percorsi personalizzati in grado di mostrare come i vini di Ulisse si evolvono piacevolmente nel tempo raccontando, anno dopo anno, un Abruzzo del vino che punta sempre più in alto. Un viaggio, quello a Crecchio, che vale la pena fare.

Via San Polo, 40 Crecchio T: 0871942007 
 

  • ANDARE PER BORGHI
  • BERE BENE

scritto da:

Serena Leo

Amo raccontare il vino e il cibo, mia croce e delizia. Sono costantemente alla ricerca di proposte gourmet “sartoriali” esaltanti. A tavola, come nella vita, desidero che il mio calice sia sempre pieno e che i commensali siano allegri e appassionanti.

POTREBBE INTERESSARTI:

10 giardini molto belli da visitare per i ponti di primavera

Cura maniacale, specie rare, colorazioni stupefacenti in ogni periodo dell'anno.

LEGGI.
×