Scorpacciate garantite nei mesi con la R: 5 modi per mangiare i ricci di mare a Lecce

Pubblicato il 1 ottobre 2021

Scorpacciate garantite nei mesi con la R: 5 modi per mangiare i ricci di mare a Lecce

Dopo quattro mesi di astinenza, finalmente possiamo tornare a mangiare i ricci di mare freschi: sì, perché se sei un salentino doc devi sapere che questo cibo pregiatissimo segue una particolare stagionalità e ha tempi precisi di consumazione: sono vuoti d’estate e pieni per tutto il resto dell’anno (da settembre ad aprile), aggiungendo il fatto che è proprio vietato pescarli nel periodo di riproduzione biologico della specie. Quindi se anche tu hai aspettato tanto tempo, è giunta l’ora di rifarsi e preparare un tocco di pane per la scarpetta. Vieni con me, ti porto in 5 locali a Lecce che li fanno in diversi modi. Non serve prendere la macchina, sono tutti racchiusi in un chilometro quadrato o poco più.

Per i ricci crudi


Ci sono due categorie di mangiatori di ricci: quelli che li gradiscono accompagnati da qualche carboidrato e quelli che li mangiano in ogni forma, anche da soli. Noi, da bravi buongustai, facciamo parte di questi ultimi e non disdegniamo una bella scorpacciata di ricci crudi da magiare direttamente dai loro gusci con il cucchiaino, per sentirne appieno sapore e carnosità, e al contempo senza essere distratti da altri componenti. Di buonissimi ne abbiamo provati all’interno di Palazzo BN, precisamente da Ammos Fish Bar, che vanta una selezione di crudi da capogiro. Ovviamente puoi ordinare solo quelli oppure comporre il tuo plateau royal in base ai gusti.
Per info e prenotazioni: via XXV Luglio 13/A – Lecce – Tel. 0832408721

Per le linguine ai ricci


Il più classico dei piatti, l’intramontabile, quello che non esce mai di moda e che puntualmente ogni due o tre mesi sentiamo il bisogno di assaggiare: sono le linguine ai ricci. E visto che non si tratta di una pietanza da tutti i giorni, vuoi per il fermo pesca, vuoi per il costo di questa prelibatezza… quella volta che ce li concediamo andiamo a mangiarli in un posto giusto! Dove sono innanzitutto freschissimi e poi anche trattati con maestria. Eccoci dunque a bussare alle porte di Alex, dove ad attenderci c’è la mitica Alessandra Civilla, che in cucina fa magie. Anche quando si tratta di rispettare la tradizione.
Per info e prenotazioni: via Vito Fazzi, 15/23 – Lecce – Tel. 3208034258

Per la crema di fave e ricci


Un altro “maestro” nel trattare questo cibo pregiato è lo chef Fabiano Viva, che al suo ristorante Duo non manca di proporre ricette sempre nuove e originali con i ricci come protagonisti. Nel suo menù “Sospensione”, infatti, compare un’invitante portata che li comprende: mandorle di ricci di mare, stracciatella di burrata e profumo di limone. Mentre nel menù delivery, quindi ottimo da gustare comodamente a casa propria, c’è un antipastino di mare altrettanto sfizioso: la crema di fave e ricci di mare. Io li provo entrambi!
Per info e prenotazioni: via G. Garibaldi – Lecce – Tel. 0832520956

Per i crostini con ricci e verdurine


Rimaniamo nel cuore di Lecce e andiamo alla corte di Gigi Perrone, al suo ristorante Semiserio. Una piacevolissima scoperta la prima cena da lui e una continua riconferma ogni volta che affidiamo a lui la preparazione dei nostri pasti. Pochi piatti in carta, ma di assoluta freschezza e genuinità. Una cucina autentica, mai banale, e gestita con leggiadria, anche nella preparazione di ricette semplici. E in periodo di ricci, ecco che la carnosa polpa pregiata viene proposta a condimento di crostini e abbinata a verdurine, oppure a cascata su un delizioso piatto di pasta.
Per info e prenotazioni: via dei Mocenigo, 21 – Lecce – Tel. 08321990266

Per la pizza con i ricci


Sono talmente buoni i ricci, che stanno bene un po’ dappertutto. Persino a condimento della pizza. Un esperimento ben riuscito ai ragazzi della pizzeria Paradise, che hanno deciso di impreziosire i loro già ottimi dischi di pasta cotta al forno con la polpa di ricci. Il risultato, infatti, è piaciuto talmente tanto che ora va a ruba ed è proposto in due varianti: sia a condimento della tradizionale pizza napoletana con cornicione alto, sia della pinsa romana alla pala, più scrocchiarella e ad alta idratazione. Una chicca? Al posto dei pomodorini rossi ci mettono i datterini gialli, più dolci e succosi.
Per info e prenotazioni: via Francesco Trinchera, 4 – Lecce – Tel. 0832315813


Immagine di copertina tratta dalla pagina Fb di Duo Restaurant Fabiano Viva
Immagini interne tratte dalle pagine Fb o dai siti dei rispettivi locali

  • TENDENZE FOODIES
  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Laura Sorlini

Vanta un’esperienza giornalistica competente e versatile maturata in anni di redazione. Appassionata di enogastronomia e turismo e sommelier, è alla continua ricerca di aspetti ed eventi da raccontare nelle rubriche che cura periodicamente per alcune delle più autorevoli riviste di settore.

POTREBBE INTERESSARTI:

​World Pasta Day: l’Italia si conferma leader a livello internazionale

In Italia si producono 3,9 milioni di tonnellate di pasta con una filiera che conta 120 imprese, oltre 10mila addetti e quasi 200mila aziende agricole italiane impegnate a fornire grano duro di altissima qualità.

LEGGI.
×