Babbo Natale va in tour e arriva con un truck!

Pubblicato il: 21 novembre 2020

Babbo Natale va in tour e arriva con un truck!

Magia, suoni, regali e tanta allegria per tutti i bimbi d'Italia

È recente la notizia della lettera di un bimbo, Tommaso Z., inviata al Premier Conte con una richiesta semplice, candida, sincera e spontanea: "Volevo chiederle se può fare una autocertificazione speciale per Babbo Natale per consentirgli di consegnare i doni a tutti i bimbi del mondo". Ebbene sì, sono proprio loro, i bimbi, i primi a soffrire di questo perdurare dell'emergenza: asocalità, richiesta di distanziamento, lezioni con mascherine e soprattutto niente giochi durante l'intervallo. A loro è stato tolto molto del loro "essere bambini" ed a loro  si chiede di essere responsabili, forse fin troppo e prima del dovuto. 

Proprio ai bimbi ha pensato Paolo Grossi, imprenditore toscano e titolare di Music Staff Italia, molto conosciuto anche come artista con il nome Dottor Sax e da anni organizzatore di alcuni dei maggiori eventi natalizi come la Baita di Babbo Natale a Montecatini Terme, Il Paese di Babbo Natale a Chianciano Terme e altre manifestazioni ambientate a tema. 

Portare Babbo Natale ai bambini 

Qual è l'idea? Visto che Babbo Natale sarà impossibilitato quest'anno a viaggiare libero con le sue renne sui cieli italiani, allora sarà proprio Paolo Grossi a portarlo nelle più importanti piazze italiane in un lungo tour su un truck!

Racconta Grossi: "Qualsiasi sia il modo in cui lo si festeggerà, il Natale porterà con sé la sua ventata di magia, i colori che lo contraddistinguono, le sue canzoni, le luminarie lungo le strade dei paesi. Soprattutto Natale significa anche regali, letterine dei desideri dei bambini, le renne, la slitta e, alla sua guida, il nonno per eccellenza: Babbo Natale. Dove lo potremo incontrare? Come faranno i bambini a soddisfare la loro curiosità di vedere da vicino e parlare con Babbo Natale?"

Ecco le domande a cui risponde con la sua bella proposta: portare Babbo Natale, con tutta a sua magia, direttamente dai bambini. Il progetto si chiama “Babbo Natale in tour” ed è un lungo viaggio di Babbo Natale nelle piazze d’Italia che avrà così modo di incontrare tanti bambini, senza che siano gli stessi e le relative famiglie a raggiungerlo in un evento statico e fisico.

Il progetto: Babbo Natale in tour

“Ho pensato - continua Grossi - che quest’anno ai bambini è stato tolto tutto: la scuola, la socialità con gli amici, i giochi di gruppo, lo sport, non possiamo togliere loro anche Babbo Natale per questo motivo, avendo gli eventi fermi in stand by in attesa di nuove disposizioni del governo, mi sono messo al lavoro per portare a compimento un’idea che porterà la magia di Babbo Natale in giro per l’Italia, in modo innovativo e in totale sicurezza”. 

Babbo Natale in tour sarà infatti un grosso truck allestito con i colori natalizi che si muoverà di piazza in piazza e, una volta fermo, si trasformerà in un’esperienza immersiva per tutti i bambini. Avrà un suo percorso, una sorta di drive in, che permetterà a tanti di partecipare in tutta sicurezza, mantenendo il distanziamento.

Praticamente è la riproduzione di una Casa di Babbo Natale viaggiante, resa ancora più particolare dai giochi di luce e gli effetti speciali. Si potrà accedere all’area con le auto in modalità “drive in”. Ci si troverà di fronte il semaforo dello “stargate della verità” dove i bambini sapranno se sono stati buoni o meno durante l’anno. Prima dell’incontro con Babbo Natale si potrà ammirare la riproduzione in grandezza naturale dei tre caratteristici e suggestivi lampioni del villaggio natalizio di Rovaniemi in Finlandia. Poi ad aspettare i bambini ci sarà Babbo Natale.

"L’incontro sarà davvero unico  nel suo genere ed emozionante. - racconta Grosso - I bambini potranno inviare la letterina con i propri desideri con un messaggio sul numero di whatsapp di Babbo Natale che sarà proiettato sullo schermo gigante. Dopodiché sarà possibile anche parlare con Babbo Natale attraverso un vetro che garantirà la massima sicurezza per tutti. Alla fine del percorso tutti i bambini riceveranno un simpatico omaggio."

Insieme a Paolo Grossi, in questo viaggio, ci sarà un Babbo Natale molto speciale: si chiama Antonio Bruno e lo scorso anno, alla Baita di Babbo Natale di Montecatini Terme, le sua storia aveva fatto il giro d’Italia. Antonio, già dalle sembianze naturali, è l’esatta riproduzione di Babbo Natale: la lunga e naturale barba bianca, i capelli, gli occhi dolci e soprattutto un cuore grandissimo. Antonio, essendo volontario del Nucleo di Protezione Civile Logistica Trapianti, non solo a Natale, è sempre in giro per il mondo a portare il dono della vita a tanti bambini malati di leucemia.

E continua: “Insieme a Babbo Natale siamo già pronti per partire e non vediamo l’ora di poter incontrare i sorrisi di tanti bambini che in questi anni ci hanno trasmesso tanta felicità e soddisfazione. Ho due figli anche io e so cosa ha significato per loro questo 2020: l’isolamento in casa, le lezioni a distanza, l’impossibilità a condividere esperienze con gli amici. Passerà prima o poi, ma intanto restituiamo loro almeno le emozioni del Natale. Antonio è un uomo davvero speciale e per me è un onore fare queste esperienze con lui, ormai da anni. Il tour è quasi pronto e siamo già in contatto con molti comuni italiani che ci hanno chiesto di raggiungerli con il truck - conclude Paolo Grossi -. Vogliamo portare un po’ di felicità nelle piazze, tra la gente e quei sani valori di speranza e di futuro che ci trasmette il Natale”. 

E conclude: "Ai bambini questi’anno è stato tolto tutto, mi impegno perché non perdano anche l’emozione del Natale”. 

Photo Credits: foto fornita 

  • NOTIZIE

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

POTREBBE INTERESSARTI:

Sharper night 2020: la Notte Europea dei Ricercatori è online

27 e il 28 novembre novembre, per la notte europea dei ricercatori, si terranno oltre 500 appuntamenti da 13 città a cui parteciperanno più di 700 ricercatori e oltre 100 istituzioni culturali

LEGGI.
×