Il cibo può essere anche una magia ... InAcqua!

Pubblicato il 31 ottobre 2017

Il cibo può essere anche una magia ... InAcqua!

"Se fai sempre le stesse cose, avrai solo quello che hai già ottenuto". E’ questo è il motto dell' Executive Chef Alberto Fol del ristorante InAcqua, all’interno del prestigioso The Westin Europa & Regina. Ed io … sono con lui pienamente d’accordo.

Può in apparenza sembrare raro incontrare un posticino nel cuore pulsante di Venezia, a pochi passi da Piazza San Marco, dove è possibile degustare una cucina gourmet d’eccellenza. Già perché tra i bacari per gli amanti dello street-food lagunare, i ristoranti a misura di turista affamato e le perle del lusso (più che del gusto) c’è di mezzo il mare … Ops, volevo dire la laguna!

Ma se ci discosta dai soliti schemi (come la pensa chef Alberto) è possibile invece scoprire qualcosa di unico come InAcqua ha saputo a me dimostrare. Qualcosa che coniuga lusso, gusto e ben altro ancora.
All’interno di un prestigioso hotel 5 stelle, InAcqua è il ristorante che vi saprà sorprendere per l’atmosfera impagabile che si respira nella sua terrazza affacciata sul Canal Grande, con una vista indimenticabile: dalla Basilica della Salute al Bacino di San Marco, con tante gondole e gondolieri.

E’ un lusso di quelli che appagano perché non è troppo e quindi non stroppia. Lasciatevi accarezzare dai raggi del sole o dal tramonto cullare se il mood è romantico. Se invece è romanticone … beh, siete incappati nel luogo ideale perché, credete a me, c’è il tavolino più chic per gli amanti dell’amore. Immaginatevi una coppia affiatata e delle candele accese e, anche voi col cuore di ghiaccio, lo scioglierete e cuoricini ovunque vedrete. Si trova su un piccolo molo, giustamente appartato. Per chi cerca un’esperienza da ricordare e, tra un’effusione e l’altra, ama trovarsi sospeso sull’acqua a Degustare …

Già perché InAcqua è altresì il luogo ideale per gli enogastronauti che quando è il momento di sedersi a tavola anziché mangiare preferiscono Degustare. Grazie allo chef Alberto, reduce di plurime esperienze stellate e presso hotel del lusso, si sperimenta una cucina che è un connubio di tradizione e creatività.  Quello stile gourmet che non eccede e accontenta l’amante del fronzolo (massima attenzione ai dettagli) e il ricercatore di sostanza (il gusto che appaga). L’amore di Alberto per il territorio e la natura si riscontra nelle sue ricette (gli ingredienti delle isole e degli orti veneziani sono i protagonisti) e il suo percorso professionale di livello si percepisce nelle tecniche di cottura, nella dinamicità dei piatti e nella forma che appaga anche l’occhio più esigente. Forma e sostanza. Ricerca dei produttori locali che favoriscono le pratiche agricole sostenibili, quindi etica. Pochi grassi, basso contenuto di sodio, quindi grandissima attenzione al benessere. Cosa volete di più?
Magari un menù interamente vegano. Ebbene, c’è pure quello. Quindi, sintetizzo, InAcqua è il luogo ideale per i gourmet ricercati,  gli amanti dei sapori tradizionali curati, gli innamorati, quelli che amano le cornici d’incanto, i vogliosi di un luogo chich ed elegante e … persino per i vegani. Se siete invece di quelli che “dal bacaro tour non ci si scolla nemmeno a morire”, fate per una volta uno strappo alla regola e concedetevi dei cicchetti d’autore che sapranno farsi ricordare.

Alberto li inserisce nel menù degustazione dopo un’amouse bouche a base di polpo scottato su una crema di patate del Montello.
 
Per continuare, se al menù degustazione vi sarete lasciati tentare, dovrete concedervi al risotto mantecato agli agrumi e bottarga, con un carpaccio di gamberi rossi.

… Ad un filetto di San Pietro panato con carciofi, stracciata di burrata e salsa alle alici.

E, per concludere in dolcezza, ad una sfera di cioccolato ripiena di una crema alla vaniglia e con un cuore al mou.

Bello o brutto, il tempo che sia (visto che anche l’interno del locale è bellissimo e lascia intravedere il Canale), io in Calle Traghetto Vecchio numero 21 ci ritornerò senz’altro. Per lasciarmi andare alla leggerezza dei piatti di Alberto, provare le alternative vegane, godere della proposta “quick lunch” servita in una delle tre terrazze (è già, mica ce n’è una sola) e, va bene dai cedo, per godere di una serata romantica da fiaba e della magia che solo una città come Venezia ma soprattutto un ristorante come InAcqua sapranno garantire!

Per rimanere semrpe aggiornato iscriviti alla newsletter di 2night

  • CENA
  • CENA BLOGGER
  • RECENSIONE

scritto da:

Maria Isabella Rebecca

Sommelier curiosa, degustatrice eclettica oltre che cronica! A spasso per ristoranti e cantine, mi piace annusare, sorseggiare, assaggiare ed intervistare chef e vignaioli, condendo immancabilmente le loro storie con un pizzico di romanticismo!

IN QUESTO ARTICOLO
  • Ristorante InAcqua

    Sestiere San Marco 2159, Venezia (VE)

POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×