Fresche, leggere e delicate. Sono queste le tartare di Roma a cui non puoi dire no

Pubblicato il: 13 luglio 2020

Fresche, leggere e delicate. Sono queste le tartare di Roma a cui non puoi dire no

Quando la tartare sconfina dal mondo della cucina ed entra in quello dell’arte

Di tartare a Roma ne ho assaggiate in tutti questi anni di vero e proprio tartare-boom di tutti i tipi, la stragrande maggioranza però non mi ha fatto mai impazzire o saltare dalla sedia. Il segreto di una vera tartare risiede in due aspetti: la qualità della materia prima (che deve essere eccelsa) e la manualità (la tartare va fatta rigorosamente con il coltello, non c'è macchinario che tenga). Girovagando per Roma, mi sono imbattuto in diversi locali capaci di regalare consistenze e profumi senza tempo...

La tartare di chianina a Trastevere

C'è un bistrot a Trastevere che ha messo la tartare al centro del progetto. Sto parlando del Rose Tartare Bar, un locale incantevole gestito da tre donne: Carlotta, Alessandra e Fabrizia (rispettivamente figlia, mamma e zia). Il colore dominante del locale è il rosa (carta da parati, arredo, design), il piatto dominante è la tartare. Oltre a quelle più comuni di salmone e di tonno, ci sono quelle di ricciola e orata. Anche la carne viene tagliata e condita con amore (deliziose le tartare di chianina o black angus). Sei vegetariano o vegano? Nessun problema. Le ragazze ti accoglieranno con una tartare super veg con avocado, datterino giallo e rosso, basilico e hummus di barbabietola. La passione per la tartare si riflette anche nei primi piatti: ecco gli spaghetti cacio e pepe con tartare di gamberi e i mezzi paccheri al profumo di limone con tartare di scampi e pistacchio. 
Via Angelo Bargoni 62, tel. 06 6651 4774

La tartare una e trina a Ponte Milvio

C'è un locale a Roma Nord che in termini di carne può competere con chiunque. Si chiama Macello e ci ha messo un giro di orologio a diventare il punto di riferimento di una città intera quando si parla di spiedini, spade e tartare. La loro arma più affilata è la spada, una sorta di maxi-spiedino privo di osso e di grassi cotto al forno con metodi innovativi. Ma per gli amanti delle carne cruda tagliata a coltello, c'è una imperdibile tartare di manzo che viene riproposta in tre versioni: quella "semplice" (olio, sale e pepe), quella "ruspante" (burrata e pomodori secchi) e quella "innovativa" (avocado e lime). Tre piatti diversi, tre sapori indimenticabili. A impreziosire ulteriormente le pietanze interviene il contesto: un locale moderno, raffinato e all'avanguardia nel cuore della movida di Roma Nord...
Via Flaminia 451, tel. 06 333 7020

La tartare di scottona nel cuore di Prati 

Quando a Roma senti parlare di tartare di carne, è altamente probabile che il nome che esca per primo è quello de Il Belli a Prati. Per molti è il luogo prediletto in cui degustare la tartare di manzo. Una delle migliori è senza dubbio la tartare di scottona con tartufo nero di Norcia. La delicatezza della carne appena tagliate e la sapidità del tartufo si mescolano in bocca per una fragranza da urlo. In alcuni casi, lo chef sceglie di accompagnarla con un crostino caldo e fragrante. Per gli amanti della carne in generale, questo è uno dei locali più indicati. I tagli selezionati sono di prima qualità e la scelta è molto ampia. Una chicca da provare assolutamente è la polpetta cacio e ova, una delizia per il palato a cui è difficile rinunciare. 
Via G.G. Belli 33, tel. 063221031

La tartare 100% crudista a due passi dal Vaticano

Solo Crudo è il primo ristorante crudista di Roma. Un locale healthy dove degustare piatti innovativi e ricchi di sapore. La cucina crudista infatti mantiene inalterati i sapori degli alimenti, che non si disperdono nella cottura e rimangono persistenti nel palato. Il cavallo di battaglia è la tartare di avocado, mela e cracker condita con coriandolo, agropiccante di peperone e cipolla caramellata. Un piatto semplice e delicato che regala al nostro corpo una piacevole sensazione di benessere. Chi è a dieta e non vuole rinunciare a gustare dei piatti un po' diversi dal solito, può trovare da Solo Crudo la sua dimensione. E poi c'è una cacio e pepe vegan friendly che è uno spettacolo (spaghetti di zucchine, formaggio, pepe, anacardi e cardoncelli cotti a bassa temperatura). 
Via Federico Cesi 22, tel. 0690236251

La tartare di pesce a Ostiense

Colore, spettacolo, tendenza. Questo è lo Stadlin di Ostiense, un locale moderno del design industriale che ha conquistato fin da subito il cuore dei romani. Cocktail-bar, ristorante, luogo di incontro e di scambio continuo. Il segreto di questo locale è la cura dei dettagli: non solo quelli legati al'arredamento e al design, ma anche quelli relativi alla proposta food and beverage. Le due tartare di pesce hanno una marcia più: sia quella di salmone (avocado, julienne di scorza di agrumi e cous cous) sia quella di tonno (ananas, julienne di lime su letto di riso venere al nero di seppia) ripercorrono sentori e profumi innovativi e ricercati. 
Via Antonio Pacinotti 83, tel. 3277047890

La tartare di Giulio Terrinoni sul Lungotevere

Giulio Terrinoni è uno chef stellato che da qualche mese ha aperto un ristorante di classe sul Lungotevere: Per Me Giulio Terrinoni. Un locale raffinato e all'avanguardia che trasmette immediatamente la grande passione di Giulio per il pescato selvaggio e per le sue infinite interpretazioni. La cantina conta più di 200 etichette e la selezioni di crudi di pesce (comprese le tartare) è qualcosa di sublime. I condimenti sono sempre ricercati e non comprono mai il sapore originale del pesce. Ogni momento passato in questo piccolo gioiello della ristorazione romana va assaporato con gusto. Premiato dal Gambero Rosso, premiato con i Due Cappelli delle Guide dell'Espresso e premiato con una Stella Michelin. Se queste sono le premesse...
Vicolo del Malpasso 9, tel. 06 687 7365



Articolo di Angelo Dino Surano
Immagini prese dalla pagina Facebook dei locali
Immagine di copertina: Pagina Facebook Stadlin

  • TENDENZE FOODIES
  • CENA
  • DEGUSTAZIONE

scritto da:

Angelo Dino Surano

Giornalista, addetto stampa, web copywriter, social media manager e sognatore dal 1983. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Städlin

    Via Antonio Pacinotti 83, Roma (RM)

×