5 cose che puoi bere al Tennent’s Grill (se non sei astemio o nel pieno di una gravidanza)

Pubblicato il: 8 novembre 2019

5 cose che puoi bere al Tennent’s Grill (se non sei astemio o nel pieno di una gravidanza)

Non solo birra: Ugo Fatavano ci spiega tutte le ultime novità previste per il beverage e le sorprese in arrivo

La mia fame mi precede. No, non è un errore di battitura: chiunque mi conosce lo sa che con il buon cibo non scherzo mai.

E chi mi conosce davvero bene sa anche che, senza alzare troppo il gomito, un sorso di birra artigianale o un cocktail di quelli che mi piacciono davvero, ogni tanto, me li concedo. Ma quanta fatica sto facendo, da otto mesi a questa parte, per non farmi tentare dal toccare sostanze alcoliche (sì, sono in dolce attesa), questo lo so solo io.


Allora concedimi il lusso di assaporare, almeno con la mente, tutte le possibili tipologie di beverage che gli altri comuni mortali possono provare personalmente in un signor pub come il Tennent’s Grill di Lecce. Pensi che lì ci sia posto solo per la Eggenberg? Niente di più lontano dalla realtà, perché quello è solo uno dei tanti cavalli di battaglia.

Ti abbiamo già raccontato per filo e per segno le novità food che il Tennent’s ha portato in tavola negli ultimi mesi, ma ora è il momento di passare alle bevande, altrettanto importanti. Per questo ho fatto una chiacchierata con un altro dei titolari del locale, Ugo. Ti posso assicurare che è stata un’impresa tutt’altro che facile…

Prima tappa, il pre-serata.

Già che il Tennent’s apra prima del solito, è una gran bella notizia. Puoi chiamarlo pre-serata, dopolavoro, happy hour, pre-dinner, ma per me avrà sempre e solo un nome: aperitivo.
E giù di Spritz, Americano, Mojito, Moscow Mule, Negroni o quello che ti pare.
Un mix di salumi, formaggi, stuzzichini, verdure e bruschette che starebbe divinamente con qualsiasi cosa. Anche con il mio cocktail analcolico.

Seconda tappa, la cena.

Immaginati lì a divorare, in preda ai morsi della fame, panini con hamburger degni di man vs food, arrosti misti, pizze o insalatone, tagli di carne pregiatissimi e cotti a bassa temperatura per conservarne morbidezza e proprietà organolettiche. Va da sé che la scelta della giusta bevanda è il naturale completamento di una cena con i fiocchi. E allora puoi scegliere tra una buona birra artigianale e dell’ottimo vino, accuratamente selezionato dallo staff per entrare a far parte della cantina del Tennent’s. Ti stupirai a sentir nominare i vini all’interno di un pub, ma te l’ho già detto che questo non è un locale come gli altri: nella parola “grill” si nasconde la sua vera anima da risto-pub.   

Terza tappa… a proposito di birre!

Fermo restando che, da buon locale a marchio Road come è, il Tennent’s propone sin dal primo giorno in cui è nato birre alla spina rigorosamente Eggenberg a dir poco buone, fermo restando che (lo so che l’ho già detto più volte ma lo ripeterò come un mantra all’infinito) una delle proposte di punta è la famosa Urbock 23, tieniti forte perché è in dirittura d’arrivo una bella novità. Anzi, tante belle novità. Session Ipa, English Pale Ale, Biere Blanche, Extra Special Bitter, American Pale Ale, Robust Porter, Italian Grape Ale e Ipa: una serie di nuove birre artigianali made in Salento, già collaudate e decisamente apprezzate dai clienti negli ultimi mesi.

Last but not least, l’after dinner.

La serata non finisce mica con la cena. C’è il dessert, un bel brindisi “alla nostra”, la chiacchiera con gli amici… Insomma, l’immancabile dopocena. Brandy, cognac, whiskey delle migliori qualità, distillati di ogni tipo, prosecco e spumante. Il dopopasto, per chi può permettersi questo piccolo lusso di trattenersi nel locale un po’ anche dopo mangiato, è uno dei momenti più belli per socializzare in maniera rilassata e far svanire tutti i pensieri.


Allora per me un’acqua minerale grazie… ma ancora per poco!

  • RECENSIONE

scritto da:

Grazia Licheri

Le parole sono gocce che muovono il mondo. Per questo vivo ogni giorno le mie emozioni e lascio che prendano forma attraverso la scrittura. Amo comunicarle agli altri attraverso racconti e articoli creativi, ma soprattutto… amo la musica e il buon cibo.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le risto-pescherie da non perdere in Italia. Ovvero, quando il pesce va direttamente dal banco alla tavola

Non solo una pescheria, non del tutto un ristorante, ma tutte e due le cose insieme.

LEGGI.
×