Perché devi provare la Trattoria Al CAstello

  • RECENSIONE
  • INFO
  • COMMENTI

SEMBRA DI STARE IN UN CASTELLO
Una bella vista sul castello di Mirano,
una residenza ottocentesca che è sempre appartenuta alla famiglia Groppello e che non era mai stata venduta fino al 2013,
fiori freschi sempre sul tavolo,
le composizioni del fiorista in ogni sala,
le decorazioni a tema per ogni festa.

I PRIMI PIATTI DA IPERSALIVAZIONE
- il risotto ai frutti di mare "alla Piero", 
- il risotto ai gò e quello con nero di seppia e crema di zucca,
- la zuppa di pesce, 
- i bigoli in salsa, 
- i ravioli del doge con il branzino. 

SECONDI DI PESCE E LE TRIPPE
- Seppie al nero, 
- baccalà, 
- moeche e masenette, 
- bisato in umido con la polenta, 
- trippe e nervetti alla parmigiana. 

I DOLCI
- Tutti i dolci sono fatti in casa e hanno l'aspetto di qeulli che ci preparava la mamma,
- il tiramisù,
- la crostata cioccolato e pere, 
- la sfogliatina con la crema e la frutta di stagione (da provare: fragole in primavera, fichi a settembre),
- il salame di cioccolato,
- i biscotti secchi fatti in casa, alla veneziana.

LA CANTINA
- Una ventina di etichette del Veneto e del Friuli Venezia Giulia.
- Tantissimo Ferrari brut.

LE COSE UTILI DA SAPERE
- Pietro e Mariagrazia hanno lavorato per anni in una delle più famose trattorie di Mestre. 
- Tutti i giorni un menu del giorno di carne e di pesce tra cui scegliere un primo, un secondo con contorno a 11 euro (acqua, vino e caffè compresi).
- Vicinissimo al casello dell'autostrada (5 minuti)
- Una sala grande per le ricorrenze di famiglia
- A due passi dalla Piazza Martiri.
 

  • CENA

ALTRO SU 2NIGHT

×