Paese che vai, pasticciotto che trovi: 10 gusti originali del dolce salentino per eccellenza

Pubblicato il: 29 ottobre 2020

Paese che vai, pasticciotto che trovi: 10 gusti originali del dolce salentino per eccellenza

Nasce a Galatina, ma si diffonde in tutto il Salento, diventandone un simbolo goloso

La leggenda narra che il celeberrimo pasticciotto salentino ebbe origine a Galatina per merito di un pasticcere locale vissuto nel Settecento, tal Andrea Ascalone, il quale, per far fronte alle difficoltà economiche si mise a sperimentare nuove ricette. Pare che, come spesso accade in cucina, questo dolce tipico nacque per sbaglio: dall’avanzo di ingredienti che servivano per un’altra torta, riempiti poi di crema pasticciera, ne derivò un “pasticcio” poco armonico. Da qui il nome pasticciotto. Se questa storia sia vera o meno non ha importanza, di certo c’è che l’attuale ricetta, composta da un prezioso guscio di frolla che racchiude un cuore morbido di crema pasticciera, oltre che patrimonio di tutto il Salento (non solo di Galatina), è diventato famoso in tutto il mondo. Negli anni, poi, i maestri pasticceri si sono sbizzarriti, inventandosi golose varianti buone quanto la ricetta tradizionale. Vieni con me, ti porto a spasso per Lecce e provincia ad assaggiarne di tutti i gusti!

NdR: A seguito del Dpcm del 25/10/2020 tutte le pasticcerie che trovate menzionate sotto restano aperte fino alle 18 con la somministrazione al banco e al tavolo. Dalle 18 in poi si possono comprare solo prodotti per asporto. 

L’originale con crema pasticciera


Prima di procedere con il confronto, è d’obbligo fare tappa laddove, nel lontano 1745, fu inventato sua maestà il pasticciotto, ovvero alla Pasticceria Ascalone di Galatina. A gestire la pasticceria troviamo Davide e Vincenzo, l’undicesima generazione di pasticceri che portano avanti questa preziosa tradizione con la stessa passione dei loro predecessori. Il marchio di fabbrica si percepisce al primo assaggio: a coprire lo scrigno di frolla, infatti, troviamo un sottilissimo strato di sfoglia (più sottile rispetto a quello di qualsiasi altra pasticceria), in questo modo la copertura del dolce risulta volutamente leggermente “bruciacchiata”, lasciando in bocca un sapore unico e delizioso.
Via Vittorio Emanuele, 17 – Galatina (LE) – Tel. 0836566009

Il pasticciotto al mandarino


Una curiosissima variante da provare assolutamente la troviamo a Maglie, nel bar pasticceria Arte del Gusto dei fratelli Marco e Giorgio Caputo. Oltre al classico, infatti, tra le sei varianti disponibili, la più originale è quella al mandarino, che bilancia perfettamente la dolcezza della frolla alla freschezza dell’agrume. Se vuoi “esagerare” te lo consiglio in abbinamento al caffè in ghiaccio, per una vera colazione salentina. In alternativa oltre al ripieno di crema, ci sono quelli al pistacchio, ai frutti di bosco, al fondente e alla ricotta e fondente.
Via Indipendenza, 11 – Maglie (LE) – Tel. 0836211726

Quello alla crema di limone


Un'altra tappa da non perdere in quel di Maglie è al Caffè della Libertà, in piazza Aldo Moro. Qui fanno un gusto di pasticciotto che adoro, fresco ma rassicurante, dolce e avvolgente: quello con ripieno alla crema di limone. Sia chiaro: non è l’unico gusto disponibile (anche quelli alla cotognata, alle amarene o quelli alla crema e nutella sono delle bombe), però questo – almeno a mio parere – ha una marcia in più. È perfetto e ben bilanciato, a partire dalla frolla stessa, friabilissima. Attenzione perché un tira l’altro.
Piazza Aldo Moro, 16 – Maglie (LE) – Tel. 0836483888

Il tondo al mirtillo


Se ami il dolce, ma non troppo dolce allora questa nuova versione del pasticciotto fa per te. Si chiama Amant’era e porta la firma di Martinucci, catena di pasticcerie salentine dal 1950, l’ultima golosissima versione di mini – pasticciotto al gusto mirtillo che ha fatto emozionare me e non solo… Grazie a questo strepitoso scrigno dorato, infatti, la storica pasticceria si è conquistata il premio Food and Travel Awards 2018, che viene assegnato alle eccellenze italiane del food che si sono particolarmente distinte per la qualità di prodotti e servizi. Gli ingredienti? Cuore di crema speziata e mirtillo selvatico racchiuso da pasta frolla con pistacchi Sicilia “Valle del Platani” con semola di grano duro biologica “Senatore Cappelli”. Da capogiro!
Riviera Armando Diaz, 129 – Gallipoli (LE) – Tel. 0833604824 ma anche altri a Lecce, Maglie, Otranto, Castro, Santa Maria di Leuca, Tricase etc…

Il pasticciotto ricotta e fichi


Nella mia top 10 non potevano mancare i pasticciotti di Stefano Bianco, giovane ma fidato guru dell’arte dolciaria che ha portato a Lecce una ventata di freschezza. Nonostante la giovane età, infatti, di esperienza ne ha da vendere (oltre 15 anni di gavette nei laboratori dei grandi maestri). E anche se il suo cavallo di battaglia è la pasticceria moderna, con torte, monoporzioni e mignon inediti, è fortissimo anche sulla pasticceria tradizionale. Del resto quando la qualità è al primo posto non può essere altrimenti. Di recente ho avuto il piacere di assaggiare un gusto inedito di pasticciotto, con ricotta e fichi, davvero spettacolare. Non mancano i classici, con crema, crema e pistacchio, crema e amarene, crema e nutella, crema e melograno e altri che devo ancora provare!
Via Salvatore Nahi, 47 – Lecce – Tel. 3297629380

Il pasticciottino alla nocciola


E poi c’è quella pasticceria che li prepara anche in versione mini, ma maxi è la soddisfazione. Sto parlando di Arte bianca di Parabita, che deve la sua fama alla maestria del pasticcere Antonio Campeggio, nome noto in Salento per aver vinto diversi premi grazie alle sue preparazioni zuccherine. A conquistarmi sono stati i suoi pasticciottini, mini barchette di pasta frolla ripieni in vari gusti (che tra l’altro hanno conquistato anche il premio speciale Foodies 2015 nella guida del Gambero Rosso). Delicatissimi ma super buoni quelli alla nocciola, seguiti da quelli al pistacchio, al limone, dai classici alla crema e infine dai mori, al cioccolato fondente.
Via Don Luigi Sturzo, 18 – Parabita (LE) – Tel. 0833595833

Il pasticciotto Obama


È nell’autunno 2008 – siamo in piena campagna elettorale americana - che a Campi Salentina, nel laboratorio della pasticceria Chèri, dopo infinite prove e modifiche, che il maestro pasticciere Angelo Bisconti trova la giusta ricetta del suo Pasticciotto Obama, variante al cacao del tipico dolce leccese di pasta frolla. Si decide dunque di omaggiare il neo eletto presidente Americano dedicando a lui questa versione cioccolatosa del pasticciotto. Che poi manco a farlo apposta la pasticceria ha sede in via Stati Uniti D’America… insomma era destino!
Via Stati Uniti D’America, 4 – Campi Salentina (LE) – Tel. 3283418351

 
In versione crema e amarene


Se ne parlano pure all’Ansa, un motivo ci sarà. E infatti c’è. La Caffetteria Pasticceria L’Incontro di Lecce, che da ben 20 anni porta in città il gusto autentico della tradizione dolciaria salentina, allietando anche i palati più esigenti con ogni tipologia di preparazione. Dolci tipici di una terra ricca e generosa, che prendono tutti per la gola: dai fruttoni ai maritozzi, dalle cartucce con pasta Maddalena agli intramontabili pasticciotti in diverse varianti, tra cui crema e nutella, ricotta e nutella, crema e pera, crema e mela, pistacchio, cocco e nutella, bacio, cioccolato e kinder. Il loro cavallo di battaglia però, sempre secondo il mio gusto, è quello alla crema e amarene, con la giusta dose di dolcezza e acidità. Una bomba.
Viale Della Libertà, 51 – Lecce – Tel. 0832391854

Quello multicereali con farcitura al cioccolato e arancia


Se capiti a Squinzano e sei in cerca di pasticciotti, beh allora devi andare alla Pasticceria Vittoria della famiglia Spalluto, da oltre 30 anni un punto di riferimento per golosi di tutte le età, nonché garanzia assoluta di qualità, creatività e bontà dell’arte dolciaria. I tipici dolci salentini sono infatti preparati secondo le più antiche ricette tramandate di generazione in generazione. Tra queste non poteva mancare il pasticciotto, disponibile sia in versione tradizionale, sia con varianti: ottimo quello con frolla ai multicereali e ripieno con cioccolato e arancia, ma non scherza nemmeno quello al gusto ricotta e frutti di bosco).
Via Brindisi, Squinzano(LE) – Tel. 0832782893

Il pasticciotto in 330 varianti


No, non è uno scherzo, ma tutto vero. Esiste un paradiso per i golosi che si chiama Pasticciotteria Quo Vadis e negli anni ha proposto il pasticciotto in ben 330 varianti, tra dolci e salate. Merito di questa idea geniale va al titolare Maurizio Spano, conosciuto anche come il “boss del pasticciotto. È sottinteso che l’innovazione e la sperimentazione qui sono di casa: si pensi ai gusti mora, crema e lime, nutella black and white, raffaello, arancia e limone, o ancora il pasticciotto al gelato, quello gorgonzola e noci, al tartufo, quello crema e speck, quello prosciutto crudo e bacon e via dicendo. Provarli tutti è dura, ma chi ben comincia…
Piazza Nazario Sauro, 32 – Porto Cesareo (LE) Tel. 3281588053 oppure Via Guglielmo Massaglia , 15 - Lecce

Immagine di copertina di Arte del Gusto Maglie
 
 
 
 

  • SWEET HOUR
  • COLAZIONE
  • PASTICCERIA

scritto da:

Laura Sorlini

Vanta un’esperienza giornalistica competente e versatile maturata in anni di redazione. Appassionata di enogastronomia e turismo e sommelier, è alla continua ricerca di aspetti ed eventi da raccontare nelle rubriche che cura periodicamente per alcune delle più autorevoli riviste di settore.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Se non hai mai provato una Stanza della Neve, è ora di farlo

Un luogo dove il freddo regala emozioni e sensazioni di benessere davvero uniche.

LEGGI.
×