Inferno e Paradiso. A Firenze si cena tra angeli e demoni nel nuovo Hotel in San Paolino

Pubblicato il 24 settembre 2021 alle 18:20

Inferno e Paradiso. A Firenze si cena tra angeli e demoni nel nuovo Hotel in San Paolino

A Firenze arriva il ristorante dalle scenografie dantesche in piazza San Paolino,1. Al suo interno anche un cocktail bar ed una bottega (curata da Santo Forno)

A Firenze ha aperto in questi giorni un nuovo indirizzo che farà parlare tanto di sé. Si tratta del primo 25Hours Hotel d'Italia firmato da Paola Navone e si trova in piazza San Paolino, 1. Al suo interno si trovano un ristorante, un cocktail bar ed una bottega curata da Santo Forno. 

L'Hotel, che nasce proprio in corrispondenza del settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta Dante Alighieri gli rende omaggio con ambienti ispirati alla Divina Commedia.

Ed è proprio al Purgatorio che torna la mente quando si pensa al periodo "sospeso" che abbiamo (e che purtroppo ancora stiamo vivendo causa Covid). Ed è così che il passatto dell'opera si intreccia con il presente e con la nascita di una nuova realtà che prende "forma" dopo un periodo di Purgatorio del turismo. Nasce come un segno di speranza. 

Un hotel-museo di design

Il gruppo internazionale 25hours Hotel Company (realtà imprenditoriale tedesca in forte crescita) ha eletto Firenze come proprio porto privilegiato per il suo sbarco in Italia e ha dato il via al suo nuovo grande progetto dopo mesi di incertezze: il 25hours Hotel San Paolino. 

Il concept di base di tutti i suoi hotel (sparsi principalmente in tutta la Germania ma anche in Francia) è quello dello smart-hotel di grande carattere, design d’impatto e un servizio originale e rilassato. L'obiettivo è quello di soddisfare le esigenze del viaggiatore di oggi, urbano e cosmopolita, che cerca di vivere una esperienza unica anche nel luogo di soggiorno. Ogni Hotel del gruppo è affidato a designer diversi così da essere un hotel unico e originale e differenziarsi dagli altri del gruppo. Da qui nasce l'idea di affidarlo alla designer Paola Navone e al suo team. 

Gli spazi del neo hotel di Firenze che prende piede in quello che una volta era un convento, sono stati interamente ristrutturati e ora offrono un ambiente confortevole, curato e di design. Quando si entra sembra quasi di essere in un museo. Ovunque ci sono riferimenti alla Divina Commedia: i colori, le scritte ai muri, l'atmosfera. 

Le stanze (171, 66 camere nell’originario monastero, annesso all’ omonima chiesa di San Paolino, altre104 nella nuova dependance) sono suddivise su vari piani, secondo la tematica Inferno o Paradiso, tra pareti rosse, scritte sui vetri e lampadari capitali nelle stanze dedicate al regno di lucifero e acquasantiere, ali portatili e colori eterei nelle stanze dei beati.

Il ristorante del nuovo 25hours Hotel San Paolino

Essendo a Firenze, in una delle capitali del turismo italiano, l'Hotel non poteva non lasciare ampio spazio e dare il massimo peso alla proposta gastronomica. E non solo: gli spazi legati alla ristorazione saranno tutti aperti al pubblico e avranno l'ingresso su strada.


Il ristorante, il San Paolino, si trova in quella che era la corte interna del monastero. Presenta spazi molto grandi e luminosi grazie alla cupola di vetro (la più grande in un hotel cittadino). La proposta gastronomica si ispira non solo alla cucina toscana ma anche italiana in generale con tanti piatti tipici regionali. Pur trovandosi in un albergo, non è la cucina rivisitata in chiave gourmet e fine dining ma sincera, della tradizione e di casa. Il tutto accompagnato da un'attenzione particolare per le materie prime. 

Inoltre, a seconda della stagione, in carta si troveranno anche alcuni piatti pensati a partire dalla collezione privata di ricette della designer Paola Navone.

La Bottega Alimentari curata da Santo Forno 

Seconda proposta gastronomica dell'albergo è la Bottega. Curata da Santo Forno, panificio e alimentari spin off del Santo Bevitorea, è affacciata proprio sul sagrato di Piazza San Paolino. Spicca subito al suo interno un immenso mosaico dedicato ai golosi e i lampadari di salumi e pentole.

Pensato come negozio di prelibatezze con tanti prodotti tipici, la Bottega è pensata anche come un luogo di convivialità, dove presentarsi per scegliere e consumare seduti ciò che si seglie al banco. Qui si possono trovare panini, snack e insalate, vini (al suo interno ci sarà una enoteca in stile tradizionale). 

Il Cocktail Bar: il Companion

Terzo punto di approdo per gli ospiti dell'Hotel e non solo, una zona adibita a cocktail bar all’italiana: il Companion Bar. A capo della proposta drink c'è un grande bartender europeo: Jørg Meyer. Il bar, nel quotidiano, sarà invece gestito da Federico Galli, in arrivo a Firenze dall’Argentario.

Il concept è ispiratoalla tradizione italiana: si presta particolare attenzione alla materia prima e all’utilizzo di frutta di stagione e si lascia spazio a cocktail dalle gradazioni medio-basse (in linea con la tendenza odierna). 

Foto Crediti: Pagina Facebook @25hoursHotelPiazzaSanPaolino

 

  • NOTIZIE
POTREBBE INTERESSARTI:

Ecco i migliori vini d'Italia per la Guida del Gambero Rosso appena uscita

I Tre Bicchieri sono 476. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, spiega la guida.

LEGGI.
×