10 localini per farsi una mangiata di carne sui Colli Euganei

Pubblicato il 3 novembre 2021

10 localini per farsi una mangiata di carne sui Colli Euganei

Se la ami, la cerchi ovunque.
Se la odi, preferiresti non vederla mai.
La palestra? No no, la carne.

 
Ormai lo sappiamo: il consumo eccessivo di carne è dannoso per la nostra salute e la sua produzione – spesso di dubbia e poco etica provenienza – è un pericolo anche per la salute dell’ambiente nel quale viviamo. Basti pensare che ben il 55% di acqua utilizzata negli Stati Uniti è destinata al solo allevamento industriale.
La soluzione? Diventare vegetariani? Beh, questa è sicuramente una alternativa valida che ad oggi moltissimi stanno prendendo in considerazione ma che certo non rappresenta l’unica strada possibile. Mangiarne meno, anzi molta meno, e di alta qualità – forse – aiuterebbe, che ne dici?
Qui alcune proposte in zona Colli. 

Per il filetto di Angus

Quando un posto mi piace non riesco a fingere e non riesco a non esser di parte. E’ il caso di Come in Corte Aurora, nuovissima scommessa della nostra zona collinare tutta – o quasi – under 30. La forza? Una famiglia solida presente nel mondo della ristorazione da tantissimi anni che oggi rappresenta anche la fonte primaria di carne (quasi a km 0) di questo locale. Qui infatti possono contare sulla pregiata carne di Angus allevata nell’Agriturismo di famiglia, un plus incredibile che permette il controllo totale sul prodotto e sulla sua qualità. Il risultato? Un filetto di Angus grass feed km0 da leccarsi i baffi.  Qui presentato anche come battuta (rigorosamente al coltello), tagliata, costata o fiorentina.
Come in corte aurora, Via Chiesa 1, Teolo (PD) – Tel. 3331566758

Per il frittolin

Si scrive “Tolin macelleria con cucina” si legge “serata pazzesca”. Aperto dal mercoledì alla domenica sia a pranzo che a cena, Tolin è una vera e propria istituzione per tutti gli amanti della carne che, diciamocelo, per venire a mangiare qui spesso macinano chilometri su chilometri. Ora, non so come siano i vostri palati, ma qui sarebbe il caso di osare e, almeno per l’antipasto, buttarsi in qualcosa forse di nuovo: il frittolin. Ovvero un fritto misto di lingua, trippa, animelle e cervella. Non fa per te? Tris di crudi e non sbagli mai. Ah, ricorda di prenotare per tempo!
Tolin macelleria con cucina, via Chiesa 6, Lozzo Atestino (PD) – Tel. 042994144

Per la grigliata di cinghiale

Antica Trattoria al Rio ha una cucina semplice e onesta, un servizio attento e disponibile e un solo credo: il cinghiale. Cinghiale che arriva dai Colli Euganei e viene scelto attentamente dal personale del parco al fine di preservarne non solo la qualità, ma anche il numero di capi presenti. Qui troverai sia la grigliata di cinghiale che il filetto, un bel piatto di contorni misti di stagione e un mezzo calice di raboso. Cosa volere di più? Ah beh sì, il dolce ovvio.
Trattoria al Rio, Via del Molino 2, Cinto Euganeo (PD) – Tel. 042994028

Per la pancia di maialino

Lo sapete, lo inserisco spesso, perché spero sempre che un giorno almeno uno di voi trovi l’occasione per farsi un regalo e si conceda una pausa a Il Cenacolo degli Euganei. Tra vista spettacolare, un tramonto da brividi e un menù che merita di esser provato, ciò che mi piace forse di più è la pancia di maialino cotto ben diciotto ore, servita con salsa bbq. Una vera chicca che, diciamocelo, a casa è veramente difficile da replicare. Non ti convince ma vuoi comunque un secondo piatto di carne? Costolette di agnello irlandese con mandorle tostate e caffè può andare?
Il Cenacolo degli Euganei, Via Guglielmo Marconi, Vò (PD) – Tel. 0499940144

Per la coscia d’oca

La prima volta che ti rechi al Ristorante Trattoria Al Bosco (occhio, ce ne sono diversi con un nome molto simile – ma sono tutti in zone diverse!) solitamente è per la comunione del cugino. La seconda volta poi, in età più adulta, quasi sicuramente è per il matrimonio dell’amica. La terza invece, è quasi sempre una scelta personale perché qui si mangia bene. La cucina è la cucina tipica locale, ma la presentazione certo è esteticamente pensata per soddisfare anche la vista. Carne? Qui coscia d’oca cotta a bassa temperatura. Sei “team primi piatti”? Tagliatelle di lepre.
Trattoria al Bosco, Via Monte Venda, Boccon di Vò (PD) – Tel. 0499925066

Per il galletto

Mai stato a mangiare il galletto ai ferri di Bepi Ae Scoe? Obbligatorio rimediare al più presto. Un po’ perché il prezzo è veramente un affare, un po’ perché è buono forte e un po’ perché l’atmosfera che qui si respira è quella delle classiche trattorie di paese di un tempo. Il locale è storico, nel senso che dentro è rimasto probabilmente tutto uguale da che ha aperto, ma la cucina merita; soprattutto in grosse compagnie numerose con tante cose da raccontarsi: in trattoria si sa, spesso si esce con il mal di testa (e non sempre è colpa del rosso):
Bepi Ae Scoe, Via San Giorgio, Rovolon (PD) – Tel. 0495226060

Per il coniglio di corte

L’Agriturismo Alto Venda fa (quasi) tutto in casa, coniglio di corte compreso che arriva dalla stessa proprietà del ristorante riuscendo così a garantire al cliente il km0. Assieme al coniglio, cotto lentamente sullo spiedo ai carboni di legna, verdure di stagione principalmente dell’orto, diverse tipologie di vino di propria produzione (sia rosso che bianco che bolla), dolci fatti in casa e una atmosfera magica. Ah, la vista è spettacolare ma questo lo lascio giudicare a te! PS. Prenota con largo anticipo, essendo aperto solo il weekend è sempre pieno. Bevuto troppo? C’è il B&B.
Agriturismo Alto Venda, Via Sassoni 26, Vanogaredo – Cinto Euganeo (PD) – Tel. 0429647217

Per la tartare di manzo

Un locale, il Ristorante Afazenda, è a conduzione familiare dalla sua apertura che risale ben al 1985. Negli anni ha saputo però sempre rinnovarsi, non solo nell’estetica ma anche in un menù che sicuramente fonda le sue radici nel territorio (si trova giusto ai piedi dei Colli Euganei) ma che sceglie comunque di gettare della modernità anche nei piatti più semplici. Qui secondo me la tartare (di manzo) è da manuale ed è condita con ben 12 ingredienti (ovviamente a scelta). Posto ampio, che si presta a grosse compagnie o eventi speciali.
Ristorante Afazenda, Via Boschette 16, Torreglia (PD) – Tel. 0495212322

Per i bigoli all’anatra

Pensavi me li fossi scordati? E come potrei mai, i bigoli all’anatra sono forse il grande cavallo di battaglia della zona dei Colli Euganei. Un piatto che mette sempre d’accordo tutti: va bene per i bambini ma è amato dai nonni; piace agli uomini che ne mangerebbero in grandi quantità ma è adorato anche dalle donne perché ad un piatto di carboidrati non si rinuncia mai. Così versatile e così semplice, è però un piatto molto insidioso perché deve esser fatto a regola d’arte; come da Antica Trattoria Ballotta. Ovviamente i bigoli sono fatti in casa certo.
Antica Trattoria Ballotta, Via Carromatto 2, Torreglia (PD) – Tel. 0495212970

Per il piccione

Ebbene sì, il piccione si mangia. Sicuramente non la prima pietanza che viene in mente quando si pensa ai Colli Euganei ma è comunque una valida alternativa, soprattutto per quelle volte in cui si ha il desiderio di mangiare qualcosa di diverso dal solito. Siamo da Enotrattoria da Serafino (ex Enoteca San Daniele – Da Serafino), posto rinomato e molto conosciuto della zona collinare che presenta una cucina locale, ma raffinata e ben pensata; come il piccione servito con curry e il suo fondo (per due persone). Troppo? Allora tagliata di petto d’anatra affinata al vino rosso e marmellata.
Enotrattoria da Serafino, Via San Daniele 55, Torreglia (PD) – Tel.
 
 
 
 
Foto interne reperite nelle rispettive pagine social dei locali.
Foto di copertina di Come in Corte Aurora. 
 

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
  • PRANZO

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori pasticcerie d'Italia 2022: quando i dolci sono belli e buoni, sani e sostenibili

Tra bignè, macaron, torte e semifreddi l'ingordigia è in agguato. Soprattutto in questo periodo dell'anno.

LEGGI.
×