Dove mangiare il ramen a Firenze: i 5 posti che dovresti provare

Pubblicato il: 5 dicembre 2019

Dove mangiare il ramen a Firenze: i 5 posti che dovresti provare

Il ramen è uno di quei piatti che mi affascina sin da quando ero bambina e guardavo le ciotole colorate e fumanti che mangiavano i protagonisti dei cartoni giapponesi (sì, sono nata negli anni ottanta), molto prima che fossero di moda le bowl. Puoi capire la mia gioia, quando, dopo la sushi-mania, è scoppiata finalmente la “ramen-mania” e i posti dove mangiare del buon ramen a Firenze sono sbocciati come rose a primavera. Ora te ne parlo, ma prima un po’ di storia sul ramen.

Tutti lo conosciamo come piatto giapponese, ma il ramen è nato in Cina, per poi diventare popolare nel Paese del Sol Levante, dove ogni località ha una propria variante e, a dimostrazione di quanto seriamente venga preso dai Giapponesi, esiste persino un museo interamente dedicato a lui. Ma veniamo alla ricetta del ramen: le varianti principali si distinguono per il brodo, che può essere a base di carne di maiale (Tonkotsu), di miso (pasta di fagioli gialla fermentata), o ancora a base di pesce essiccato, alghe e umami (Shio) o salsa di soia fermentata (Shoyu). Un altro capitolo sono i tagliolini (o meglio i noodle), a base di frumento, che possono essere più o meno spessi e vengono preparati rigorosamente a mano, con gestualità scenografiche. Infine, ci sono i condimenti, a volontà: dalle uova sode alle fette di carne, dai porri ai germogli di soia, fino alle alghe secche e alle rotelline colorate (altro cibo misterioso che mi ha sempre attratto, il Kamaboko, a base di pesce azzurro e surimi frullati e avvolti per formare lunghi panetti). Perciò chiamarlo zuppa è troppo riduttivo per un piatto così ricco. E ora sei pronto a gustare il tuo piatto fumante di ramen a Firenze?

A San Frediano o a Santa Croce

L’indirizzo cult per il ramen a Firenze è Koto. Aperto dal 2016 e con due locali in città, a San Frediano e in via Verdi, è nato dall'idea di due fiorentini doc, innamorati di questa ricetta giapponese, che condensa non solo la cucina, ma anche la filosofia zen. Il ramen, infatti, è un piatto da assaporare in tutta calma, gustando ogni ingrediente con attenzione, senza preoccuparsi di fare rumore. La particolarità del ramen di Koto è che viene preparato con carne e verdure toscane, mentre gli ingredienti asiatici sono certificati. Neanche a dirlo, la pasta è fatta artigianalmente. Fra le varianti da provare ci sono il Shoyu (brodo di carne insaporito con salsa di soia al grano tostato, chashu di maiale, bambook, uovo marinato, spinaciotto fresco, cipollotti freschi) o il Miso (brodo di carne insaporito con miso, chashu di maiale, uovo marinato, mais, germogli di soia, spinaciotto fresco, cipollotti freschi). Per i vegetariani c’è il Veggie Shio (brodo vegetale insaporito con alga kombu e sale, tofu fresco, cavolo cinese, uovo marinato, daikon, funghi enoki). Per iniziare, le deliziose tapas, come le cosce di pollo disossate fritte o le melanzane fritte glassate.
Koto Ramen Via Verdi, Via Giuseppe Verdi, 42r, Firenze.Telefono: 055 247 9477.
Koto Ramen S. Frediano, Borgo S. Frediano, 41r, Firenze.Telefono: 055 060 3374.

Vicino al Mercato di San Lorenzo

A due passi da via Guelfa, c'è FirenZen, specializzato in noodle e dove anche il ramen ovviamente è buonissimo. La titolare, Teresa Hong, ingegnere chimico di origine cinese, ha voluto creare un posto dove assaporare i piatti più rappresentativi della cucina asiatica, non solo giapponese, ma anche cinese, thailandese e coreana. La particolarità del ramen di FirenZen, oltre alla sua bontà e ai noodle preparati a regola d’arte, è che si può comporre a piacimento, scegliendo da una lunga lista di ingredienti invitanti. Fra le varianti che stuzzicano di più l'appetito, c’è quello con i tagliolini al tè matcha. Il FirenZen è un posto adatto per vegetariani, visto che quasi tutti i piatti sono disponibili anche in versione veg (e gluten free, per chi invece è intollerante al glutine). Il ramen Veg, per esempio, è realizzato con tofu e brodo di miso.
FirenZen, Via Guelfa, 3, Firenze, Telefono: 055 906 2056.

A pochi passi dal centro

Un altro ristorante dove mangiare del buon ramen a Firenze è Ramen Girl By Enoteca Luca. Non ci sono posti come questo in città, anche per la sua storia: nasce quando un sommelier italiano e una sommelier giapponese si incontrano a un evento legato al vino e si innamorano; decidono così di aprire un locale dove la cultura gastronomica giapponese incontra quella italiana, in particolare enologica. Una volta accomodato al tavolo di Ramen Girl, puoi assaporare il ramen fumante, disponibile in diverse varianti, da quella piccante, a quella con carne di maiale, passando per il ramen vegetariano, accompagnandolo a un calice di vino consigliato dal sommelier oppure a un sake giapponese. La versione più curiosa da provare, quando disponibile in menu, è sicuramente il ramen al lampredotto, delizioso emblema della fusione tra cucina nipponica e fiorentina. Anche il resto del menu è autenticamente giapponese e spazia dagli udon ai ravioli e al sushi, passando per dolci come il cheesecake al tè verde.
Ramen Girl By EnotecaLuca, Via Francesco Talenti, 144, Firenze. Telefono: 055 512 0437.

Nei pressi di Santa Maria Novella

Un altro angolo dedicato al piatto nipponico si trova nel cuore di Firenze, a due passi da Piazza Santa Maria Novella. È un posto molto particolare, che non noti subito ma poi ti sorprende: Banki Ramen di giorno è un bar e di sera si trasforma in ristorante. L’aria è alla mano, senza fronzoli, e il menu propone una piccola selezione di piatti, ben eseguiti. Il cavallo di battaglia è il ramen, appunto, declinato in una decina di varianti. Per esempio puoi provare quella con carne di maiale, cavolo cinese, alga secca e uova sode, oppure quella con brodo a base di soia, miso o ancora il ramen piccante. Prima o dopo il ramen, meritano un assaggio anche i tipici ravioli giapponesi, i gyoza. Da bere, birra Asahi.
Banki ramen, Via dei Banchi, 14R, Firenze, Telefono: 055 213776.

Vicino a Ponte Vecchio

Il ramen è cibo da street food giapponese, ma a Firenze si può mangiare anche in ristoranti raffinati come il Fusion Bar, dove la cucina è quella nikkei, caratterizzata da sapori ricchi e intensi, nati dal mix di cucina giapponese e sudamericana. Ne nascono piatti davvero originali, che meritano di essere provati, insieme al ramen del giorno, che viene preparato con ingredienti che variano stagionalmente. Il plus di questo posto sono i cocktail creati ad hoc dallo staff.
Fusion Bar Restaurant, Vicolo dell'Oro, 3, 50123 Firenze. Telefono: 055 2726 6987.

E ora che sai dove si mangia il ramen a Firenze e come viene preparato nei ristoranti giapponesi della città, vale la pena di spendere qualche parola anche su come si mangia. Si inizia dai tagliolini, che vanno presi con le bacchette, dopo aver mescolato un po’ gli ingredienti che galleggiano nel brodo. Poi è la volta del brodo, da sorseggiare direttamente dalla ciotola, e degli altri ingredienti. Il tutto dovrebbe durare otto minuti, non un secondo in meno, non un secondo in più: è il tempo necessario per godere della sua bontà, senza che i noodles scuociano. Un’ultima raccomandazione: assicurati di farti sentire! Il ramen, infatti, è un piatto che va mangiato rumorosamente, per manifestare al cuoco di averlo apprezzato davvero e fargli sentire tutta la nostra gratitudine.

Foto cover di Koto Ramen Firenze.

  • RISTORANTI E CIBI ETNICI

scritto da:

Elena Vastola

Se esistesse un corso di laurea in salse etniche, mi sarei di certo iscritta. Ma spesso la mia testa è fra le nuvole, così ho studiato filosofia. Raggiungo il Nirvana stilando liste di ristoranti da provare in viaggio, accarezzando gatti e andando a concerti. Adoro le parole scritte e ricordo che prima di mandare messaggi vocali ero una persona migliore.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Vin brulé, brezel e frittelle di mele come non ci fosse un domani: i mercatini di Natale più belli (e famosi) d'Europa

Quello che entusiasma di più dei mercatini di Natale è il cibo, che siate in mood natalizio o di umore nero, poco importa.

LEGGI.
×