Orso Bianco: giassai!

Pubblicato il 15 luglio 2013

Orso Bianco: giassai!

A Monza, a pochi chilometri dal centro, sorge il ristorante pizzeria Orso Bianco.
Il locale nasce nel 1985, quando era un barettino di ritrovo con calcetto e flipper; i proprietari sono cresciuti col locale, trasformandolo prima in una rinomata paninoteca, poi spaghetteria, per poi diventare ristorante ed in seguito anche pizzeria; quindi l’esperienza c’è.
Nel menu principalmente pesce, ma anche carne e la vera pizza napoletana, oltre che pizza al metro.
In programma da settembre anche serate a tema anni ’70 e ’80.
I proprietari Michele, Raffaele e Vittorio accolgono i clienti con esperienza e professionalità; mentre il calore di tutto lo staff mette perfettamente a proprio agio il cliente.

Nel menu:
principalmente pesce. Si inizia con superantipasti, passando da  primi fantastici, come scialatielli superscoglio, paccheri al tonno e linguine all’astice, poi con secondi come il misto fritto di pesce “giassai” dell’Orso e gran grigliata dell’Orso sia di pesce che di carne. Pizza al metro supergusti che vanno dalla salsiccia e friariello alla bufala; poi la “superscoglio”, oltre ad altri oltre 60 tipi di pizza la cui bontà è data dalla lunga esperienza del preparatissimo pizzaiolo Francesco.

In cantina:
carta di vini con una ventina di vini rossi italiani selezionati e una trentina di bianchi italiani ricercati.
Birre alla spina e un ottimo vino alla spina, sia bianco che rosso.

Consiglio dello chef:
lo chef consiglia i piatti di pesce fresco inventati al momento grazie alla fantasia e l’esperienza dello chef Gianluigi, oltre naturalmente a tutto il resto del menu.

Consigli del sommelier:
si consigliano i vini della regione di provenienza dei proprietari, ovvero il Greco, il Falanghina,il Fiano di Avellino e l’Aglianico (un rosso unico nel suo genere).

Da raccontare:
la simpatia del personale è unica e crea un’atmosfera di relax intorno al cliente che è sempre coccolato e messo a suo agio.

(Luglio 2013) 

  • CENA
  • PRANZO
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Ecco i migliori vini d'Italia per la Guida del Gambero Rosso appena uscita

I Tre Bicchieri sono 476. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, spiega la guida.

LEGGI.
×