La mia cena da Ti do una pizza, la pizzeria in Borgo Santa Croce che propone pizze classiche, gourmet, senza glutine e vegane.

Pubblicato il: 6 maggio 2019

La mia cena da Ti do una pizza, la pizzeria in Borgo Santa Croce che propone pizze classiche, gourmet, senza glutine e vegane.

Ti do una pizza nasce dalla passione del giovane pizzaiolo Domenico De Felice per la pizza e il suo desiderio di soddisfare le esigenze di ogni cliente, siano queste legate alla salute o siano esigenze legate a gusti e stili di vita personali, proponendo pizze vegan, senza glutine, classiche e gourmet.

Fiore all'occhiello di Ti do una pizza, a due passi da Santa Croce, oltre alle pizze tradizionali sono le pizze alternative. Infatti le pizze, ad eccezione di quelle senza glutine, oltre ad essere tutte preparate con farina certificata biologica del Molini Valente, di tipo “0” e quindi una farina meno raffinata dalla classica 00, vengono proposte con altri tipi di farine come canapa, grano arso, multicereali, curcuma, riso venere, alga spirulina, erba di grano, quest’ultime ricche di fibre, sali minerali, amminoacidi essenziali, proteine e vitamine, veri e propri integratori alimentari naturali. Inoltre tutte le farine speciali vengono miscelate con farina di tipo 2 con germe di grano.
L’impasto della pizza poi viene fatto lievitare lentamente con tempi che vanno da un minimo di 40 fino a un massimo di 48 ore, per ottenere una pizza leggera e digeribile con pochissimo lievito.
Non mancano poi le pizze senza glutine, preparate in uno spazio con forno bancone e pizzaiolo dedicato. Per preparare l'impasto senza glutine viene utilizzata farina di riso, senza aggiunta di additivi. Per offrire prodotti nuovi e salutari la farina di riso viene, poi, miscelata con altre farine certificate senza glutine, come ad esempio la farina di canapa, o quella di grano saraceno oppure unita alle spezie come la curcuma.


Le pizze vegane, invece, sono preparate sia con l’impasto della pizza classica, sia con quello della pizza senza glutine a seconda dell'esigenza del cliente. Vasta è anche la varietà di prodotti vegani, tra cui prosciutto cotto, salsiccia, würstel, mozzarella e formaggi, tutti preparati artigianalmente da uno chef vegano con cui vengono farcite le pizze vegan. Così da garantire, con ben 14 pizze vegan sul menù, un'ampia scelta.
Tutte le pizze, poi, ad eccezione di quelle senza glutine, sono cotte nel forno a legna, cosa non scontata per una pizzeria in centro a Firenze.


Nel menù non mancano comunque anche gli antipasti, e i dolci in entrambi i casi con la possibilità di scegliere anche la versione vegan o quella senza glutine.

La mia cena


Per prima cosa abbiamo scelto da bere. Si è optato per una birra artigianale alla canapa del birrificio Canapuglia fattorie, una doppio malto, rifermentata in bottiglia, senza conservanti, non filtrata e non pastorizzata: il perfetto accompagnamento per le pizze che abbiamo gustato.


Ci siamo poi lasciati guidare nella scelta delle pizze da Domenico che ci ha proposto due pizze belle ricche: una ad impasto classico e l'altra con una delle tante farine alternative che utilizza per la preparazione delle sue pizze.


La prima è stata una pizza bianca con impasto con farina 0 lievitata 60 ore e farcita riccamente con Tartufo bianchetto, salsiccia, e funghi porcini. L'impasto della pizza col cornicione alto, alveolato e leggero era una vera nuvola. Inoltre insieme alla pizza è arrivato al tavolo anche un bel pezzo di tartufo da poter a piacimento aggiungere sulla pizza, anche se non ce n'è stato davvero bisogno, perché la pizza era farcita bene.


La seconda pizza invece, la Gran San Marco era una pizza rossa con impasto al grano arso e farina di tipo 2, guarnita con Cuore di burrata, olive tagiasche, pomodoro bio e alici Angelo Parodi.
L'impasto col grano arso dona un sapore particolare alla pizza, un po' più rustico ma altrettanto buono che si sposa benissimo a mio avviso con la farcitura che ci ha proposto Domenico.
Sicuramente oltre alla scelta di farine ottime quello che fa anche la differenza per le pizze di Ti dò' una pizza è la scelta di prodotti di ottima qualità per la farcitura. Qui nulla è lasciato a caso e l'equilibrio di sapori che ne risulta è davvero ottimo.


Al tavolo avevamo anche una bottiglia d'olio extravergine d'oliva Moraiolo dell'azienda Toscana Torre Bianca, vincitore del Leone D'oro 2018/19 dal gusto molto equilibrato, perfetto condimento aggiuntivo alle pizze qualora ne sentissi la necessità.


Inoltre Domenico ci ha portato al tavolo anche un barattolo di peperoni piccanti sott'olio davvero deliziosi dall'azienda salentina I Contadini, che utilizza metodi di cultura biologica e biodinamica. I peperoni sono solo uno dei tanti prodotti di quest'azienda che Domenico utilizza come topping per le sue pizze. 
Ci siamo comunque tenuti anche uno spazietto per i dolci e abbiamo scelto la crostatina con crema chantilly e frutti di bosco e la cheesecake senza cottura al cioccolato.


La frolla vegan della crostatina è stata sicuramente una piacevolissima scoperta, vi assicuro che non aveva nulla da invidiare alla frolla normale. Molto buona anche la crema e i frutti di bosco freschissimi e succosi.


La cheesecake per un amante del cioccolato come me, con i pezzettoni di cioccolato fondente al posto del solito topping industriale, aveva già vinto in partenza, prima ancora di assaggiarla, quando l'ho vista arrivare al tavolo. 

  • PIZZE PARTICOLARI E GOURMET
  • TENDENZE FOODIES
  • CENA BLOGGER

scritto da:

Elisabetta Cuturello

Calabrese di nascita, toscana d’adozione, trascrittrice di testi in braille e Social media manager. Adora viaggiare, leggere, fare sport e ha un grande amore per la cucina, soprattutto per quel ramo della cucina in cui si impasta, si mescola, con amore, precisione e un pizzico di fantasia e poi si rimane nell’attesa che dal forno nasca una piccola opera d’arte e di gusto. Ha un blog Cakes & Co. dove scrive di pasticceria e panificazione.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Whisky bar da conoscere. Perché lo stereotipo whisky, uomo di mezza età (e da bere liscio) è roba vecchia

E' prepotentemente di moda bere vintage, ovvero, cocktail a base di whisky dietro al bancone di speakeasy dal fascino indiscusso.

LEGGI.
×