E’ il locale più amato dai biker e dai pizza lover. Il nome, Pizza Bike, in effetti mette d’accordo tutti: qui Harley Davidson e Margherita, Ducati e Marinara vanno a braccetto. Nello storico fondo di via del Ponte alle Mosse 127/r e nella nuova attività in via dei Sette Santi 29/r (zona Stadio) vengono servite pizze classiche, speciali e ripiegate. E ancora burger, fritti e insalate.

Le pizze

In menu la pizza è regina con una cinquantina di varianti che spaziano dalle proposte classiche alle speciali, dalle bianche a quelle in piega. Grazie a un impasto lievitato 48 ore nel laboratorio interno di Pizza Bike e alla cottura a regola d’arte nel forno Valoriani Margherite, Napoli e Marinare sono croccanti al punto giusto e si digeriscono senza problemi. Di alta qualità gli ingredienti: ad esempio fior di latte e burrata sono di Gioia del Colle ma tutti i prodotti usati sono frutto di ricerca e selezione. Se nella Bike a prendere la scena sono mozzarella, olive, asparagi e melanzane, nella Cristin troviamo salsiccia, nduja e funghi, la Valentina punta invece su burrata, mortadella e granella di pistacchio. Nelle ripiegate troviamo varie salse, salumi e formaggi per una valida alternativa al classico calzone. Nel dubbio, a salvarti dall'imbarazzo, puoi sempre scegliere il giropizza.

Burger, fritti e...

Chi preferisce i burger trova pane per i suoi denti. Vengono preparati con medaglioni da 180 grammi di manzo: dal Futa Burger con fontina, insalata, pomodoro a fette e maionese al Raticosa con cheddar, cipolla caramellata e mozzarella, dal Giogio con guacamole e pecorino al Muraglione con emmental e speck tostato. Non manca la versione vegana.

Per chi non sa rinunciare invece ai fritti ecco jalapenos, patatine, olive all’ascolana e bocconcini di mozzarella, crocchette di pollo e di patate, anelli di cipolla e panzerotti perfetti anche per un aperitivo sfizioso. Se invece si vuole stare leggeri la carta delle insalate non delude e ogni piatto volendo viene accompagnato da una focaccia.

A pranzo, per un pasto veloce si possono ordinare primi piatti espressi: spaghetti alla carrettiera, rigatoni al pesto pomodorini e grana, penne all’arrabbiata e i grandi classici al pomodoro e al ragù che non mancano mai.

Accanto ai classici soft drink, c’è una buona proposta di birre: Beck’s, Tennent’s, Corona, Leffe, Moretti, Franziskaner e un paio di bottiglie di vini bianchi e rossi. All’ora dell’aperitivo, nel locale di via dei Sette Santi, c’è la possibilità di ordinare anche qualche cocktail: Aperol Spritz, Campari Spritz, Mojito, Cuba Libre, Negroni e volendo un calice di prosecco, birra alla spina e birra Leffe: il tutto accompagnato da stuzzichini.

Le origini

Pizza Bike nasce nel 2002 quando Fernando Perfetti, pizzaiolo dal 1994 in una catena di pizzerie a Firenze, decide di mettersi in proprio. Entrano in società con lui i cugini Antonio e Piero e un amico che già lavorava per lui Guido. E’ questa la formazione che, ancora oggi, porta avanti Pizza Bike nelle due sedi in via del Ponte alle Mosse e in via dei Sette Santi. I quattro sono uniti dalla comune passione per le motociclette: da qui la scelta del nome del locale. Molti i clienti appassionati di due ruote e di MotoGp. Spesso nelle sale di Pizza Bike si svolgono incontri di club locali e premiazioni. La nuova sala in zona Stadio, sotto questo punto di vista, si presta in modo particolare per ospitare eventi di tale natura.

Un'App per il delivery

Con un locale che ha fatto delle due ruote il suo marchio di fabbrica, il servizio di consegne a domicilio non può che brillare per efficienza. Grazie a un centralino unico gli ordini effettuati via telefono vengono smistati nel locale più vicino al cliente in modo da poter garantire l’arrivo della pizza a casa nel minor tempo possibile. E’ possibile ordinare anche sul sito www.pizzabikefirenze.it e tramite app. Così la propria pizza arriva direttamente a casa, in tutta comodità.  

  • RECENSIONE
  • PIZZERIA
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×