È nata la “Casanova Food Academy”: ecco dove e quando l'arte culinaria del Settecento veneziano incontra i giovani talenti e ispira i grandi chef

Pubblicato il 13 ottobre 2023 alle 13:46

È nata la “Casanova Food Academy”: ecco dove e quando l'arte culinaria del Settecento veneziano incontra i giovani talenti e ispira i grandi chef

Sabato 7 ottobre presso la sede MAC – Micromega Arte e Cultura in Campo San Maurizio ha avuto luogo la presentazione della Casanova Food Academy, in decollo nel 2024. Il nuovo escamotage della Fondazione Giacomo Casanova (2020) per omaggiare il più grande seduttore di tutti i tempi vede come protagonista la gastronomia: d’altronde il celebre Casanova era solito “prendere le donne per la gola” e il suo genio in cucina lo assisteva nel corteggiamento.

 Casanova Food Academy è la nuova proposta della Fondazione per ispirare la creatività degli chef dietro ai fornelli degli istituti professionali e delle brigate d’hotel stellati -da quelli emergenti a quelli già affermati-, attingendo dai ricettari del lontano Settecento veneziano.

Il progetto, che prevede corsi da sei ore tra l’apprendimento di nozioni teoriche e laboratori tematici, nasce da un’intuizione del direttore Maria Botter e prende forma grazie al supporto dello storico e accademico Gianpiero Rorato,  al contributo di Maria Cristina Bernardi esperta  della storia di Venezia e ad Anna Botter responsabile dei social.

 La chiusura della presentazione tenuta dal Presidente della Fondazione Casanova Luigi Pistore ha lasciato spazio al talento dei giovani chef. In particolare Simone Filippo Rossi, aspirante chef neodiplomato presso l’istituto professionale alberghiero Barbarigo di Venezia, è riuscito a dare forma e sapore all’iniziativa di Maria Botter. Il cicchetto “Casanova”, la sua ultima invenzione, è il risultato di un’indagine sui gusti dell’omonima icona della storia veneziana: uova, tartufo e un pizzico di tabasco elaborati in una cremina morbida e avvolgente dal carattere spiccato, insaporiscono un bocconcino di pane, ricreando l’indole casanoviana e incanalandola in un unicum. Ad accompagnare la degustazione di questo ed altri suoi stuzzichini c’erano calici di Prosecco Casanova D.O.C. e dal Prosecco Rosé D.O.C. Brut millesimato: due delle cinque etichette nate dai vigneti del Prosecco Superiore D.O.C.G. a Conegliano.   

 Il futuro della gastronomia riparte dal passato, facendo tesoro dei suoi insegnamenti e dandogli un sapore di fresca innovazione: il giovane Simone Filippo Rossi ci ha dato un assaggio di quest’ambizioso obiettivo della promettente Casanova Food Academy.

Per informazioni su Cene a tema Casanoviane ed eventi correlati, consultare le pagine social della Fondazione Casanova.

Casanova Food Academy è un progetto della Fondazione Giacomo Casanova https://www.casanovafoundation.org/

Logo ufficiale della Casanova Food Academy 
Le altre foto interne sono scattate da Micol De Pisi per 2Night.

  • NOTIZIE
  • NUOVE APERTURE

scritto da:

Micol De Pisi

Nata e cresciuta nella terra dell’Arte e della Cucina per eccellenza, eccomi qua! Un’esteta golosa, 100% italiana, sempre affamata di Bellezza e di nuove succulente avventure. Amo la calma dei monti, ma vivo nella frenesia e nella mondanità della città.

POTREBBE INTERESSARTI:

​Ecco quali sono le migliori birre dell’anno 2024 premiate a Rimini

Nell’ambito del concorso brassicolo più longevo e atteso in Italia organizzato da Unionbirra.

LEGGI.
×