Centocelle caput mundi? Da provare c’è anche un nuovo mixology bar dal design futuristico

Pubblicato il 24 settembre 2021 alle 12:09

Centocelle caput mundi? Da provare c’è anche un nuovo mixology bar dal design futuristico

Da quartiere bistrattato a punto di riferimento per i cultori della buona tavola.

E da segnalare ora c’è anche questa nuova apertura, Ma Mi Mo che, come spiega puntarellarossa.it è: “Un locale fluido, basato sulla cultura dell’accoglienza, incentrato sul mixology e caratterizzato da un design futuristico”.

Concept

Il concept di Ma Mi Mo è stato curato realizzato dal team Blankviz, il dipartimento di progettazione e 3D della content Agency Blank. Realizzato come “un contenitore neutro, attraverso volumi in cemento dal carattere industriale". Il design del locale caratterizza anche la "filosofia" del locale dove l'aggregazione vuole essere spontanea e casuale, laciando liberi i clienti di occupare o uno dei tavolini o di sedersi attorno al bancone centrale oppure ancora intorno al tavolo sociale che è anche lo spazio dedicato per le degustazioni e le sessioni di cucina dal vivo.  

Da bere

Da Ma Mi Mo si trovano birre artigianali del birrificio Jungle Juice, una selezione di vini naturali e bolle ma, soprattutto, cocktail. Questi ultimi si suddividono in signature, classici o twist sugli intramontabili della miscelazione. 

Ma Mi Mo
Via degli Olivi, 47
346 8876555
Aperto dal martedì alla domenica dalle 18 all’1, venerdì e sabato fino alle 2.

Leggi l'articolo di Puntarella Rossa



Foto di copertina dalla pagina Facebook di Ma Mi Mo

  • NOTIZIE

scritto da:

Elsa Ricucci

Ti racconto Roma come piace a me, con i suoi colori, i suoi sapori, la sua musica, i suoi tramonti e le sue mille albe. Roma è la mia città: mi piace viverla di giorno e di notte, in bici, in motorino, in autobus...ma sopratutto, di corsa!

POTREBBE INTERESSARTI:

Ecco i migliori vini d'Italia per la Guida del Gambero Rosso appena uscita

I Tre Bicchieri sono 476. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, spiega la guida.

LEGGI.
×