Perché la pizza a Venezia non è sempre una fregatura. 8+1 locali per andare sul sicuro

Pubblicato il 20 giugno 2022

Perché la pizza a Venezia non è sempre una fregatura. 8+1 locali per andare sul sicuro

Trovare la vita nell’universo è indubbiamente più semplice che imbattersi in pizze a Venezia che non siano sottili e plasticose come frisbee. Ma l’appetito non si arrende e, come Darwin insegna, un divoratore di buona pizza adatto alla sopravvivenza riesce sempre a stanare la propria preda. Per schivare ogni fregatura, ti consiglio le migliori pizzerie di Venezia dove ricaricare le pile dopo eserciti di ponti scalati e calli attraversate. Perché si sa: un’esplorazione stancante va coronata con dell’ottimo cibo. Ti conviene non montare subito sulla gondola, dopo mangiato.

Quella a km0

Da tribuna per i giochi dei tori durante il Carnevale cinquecentesco a birrificio sotto il dominio austriaco, alla Birraria La Corte la tradizione veneziana incontra l’innovazione. Pizza soffice, farine bio macinate a pietra e lasciate lievitare 48 ore, in un’intima corte affacciata su campo San Polo. L’accento è sulla provenienza locale delle materie prime, con una proposta in stile bistrot caratterizzata da piatti tradizionali rivisitati e presidi Slow Food. Difficile resistere a un accompagnamento di vini bio e birre artigianali prodotte in collaborazione con il Birrificio del Doge. Ma sicuramente non sei qui per resistere.
Birraria La Corte, campo San Polo, 2168 – Venezia. Tel: 0412750570

Quella rilassata

Defilata da campi e sestieri straripanti di turisti, Pizzeria All’Anfora offre dei tavoli affacciati sulla calle, una romantica saletta e un giardinetto dove gustare una pizza croccante, per rifocillarsi dopo una giornata di ponti a Venezia. Un ampio menù che propone pizze di dimensioni epocali ma anche insalatone, per il partner o gli amici che preferiscono stare a dieta.
Pizzeria All’Anfora, Calle Larga dei Bari, 1223 – Venezia. Tel: 0415240325

Quella gourmet

 1000 Gourmet è un nome piuttosto eloquente. Il bello è che non tradisce le aspettative: dopo il successo napoletano, la pizzeria conquista Venezia, proprio a pochi passi da San Marco. Ingredienti DOP e Slow Food, nel rispetto della stagionalità, coronano impasti per tutti i gusti. Non preoccuparti, la pizza è servita già a spicchi, per favorire la condivisione e alimentare la sfida tra chi ha scelto la migliore. Tra le mie preferite, la Fichi e lardo con fior di latte, gorgonzola lombardo DOP, lardo stagionato e fichi del Cilento; o la Viola, con purea di patate viola, provola di bufala affumicata, speck altoadesino IGP, pomodorini confit e scaglie di Provolone del Monaco.
1000 Gourmet, calle de la Rizza, 475 – Venezia. Tel: 0413127069

Quella tipica veneziana

 Aciugheta è la scelta giusta per non rinunciare al bàcaro (tipica osteria veneziana) anche quando si ha voglia di pizza, in questo caso con ingredienti bio. Lunga fermentazione per impasti leggeri e facilmente digeribili, con grano italiano sostenibile e macinato a pietra. Inoltre, per immergerti nel mood lagunare, risultano irrinunciabili i cicchetti: dalle classiche sarde in saor e baccalà mantecato ai crostini preparati con prodotti stagionali, il tutto accompagnato da ombre (calici) di vino da piccole etichette esperte nella valorizzazione del proprio territorio. Ti consiglio di ordinare la specialità del locale: ovviamente, le pizzette con le acciughe.
Aciugheta, campo Santi Filippo e Giacomo, 4359 – Venezia. Tel: 0415224249

Quella appartata

L’itinerario è parte dell’esperienza di Vecia Gina. Dopo aver visitato San Marco e i Giardini della Biennale, la mossa giusta è proseguire verso il meno affollato sestiere di Castello, a Sant’Elena, dove si trova la pizzeria in questione. Una coccola con un cortile ombreggiato dalla pineta e un personale cordiale, che ti servirà una pizza dall’ottimo rapporto qualità-prezzo. Un locale perfetto per conoscere un quartiere veneziano affascinante e meno frequentato dai turisti.
Vecia Gina, viale IV Novembre, 54 – Venezia. Tel: 0415285733

Quella al binario 1

Parlando di visite a Venezia è facile dimenticarsi delle scomode fasi di partenza e arrivo: autobus imbottigliati nel traffico, indicazioni sbagliate, treni in ritardo. Per fortuna, Rossopomodoro accoglie i visitatori a due passi dai binari, nella galleria della stazione di Venezia Santa Lucia. Non è scontato che la qualità delle materie prime costituisca una priorità per una catena come Rossopomodoro, che per gli ingredienti delle proprie pizze si affida a eccellenze italiane come la farina su misura di Mulino Caputo, la bufala campana DOP del caseificio Ponticorvo o la papaccella napoletana presidio Slow Food dell’Azienda Agricola Bruno Sodano. Una scelta ideale per turisti e lavoratori osteggiati dagli orari incerti dei mezzi di trasporto.
Rossopomodoro, fondamenta Santa Lucia, Stazione FS – Venezia. Tel: 041740797

Quella con il patio

A Venezia non è semplice imbattersi in locali riparati pur rimanendo vicino alle zone più caratteristiche e per questo più affollate. Ma la Pizzeria-Cicchetteria Alla Strega, situata in prossimità della Libreria Acqua Alta e della basilica dei Santi Giovanni e Paolo, offre un patio interno abbracciato da una vite centenaria dove rifugiarsi e gustare una pizza ad alta digeribilità. L’ideale per impressionare qualcuno, fidati. Da non perdere la vasta scelta di cicchetti veneziani, per un antipasto particolarmente goloso.
Pizzeria-Cicchetteria Alla Strega, Barbaria de le Tole, 6418 – Venezia. Tel: 0415286497

Quelle per gli indecisi

Sai anche tu che una delle accortezze da adottare quando si gira per le città d’arte è evitare i menù che propongono un po’ di tutto. Ma ogni regola ha un’eccezione che la conferma. In questo caso, si tratta di Muro Frari e Muro San Stae, con i loro prodotti lagunari tradizionali reinterpretati in chiave moderna e i loro eccellenti tagli di carne. Per non parlare della pizza lievitata almeno 24 ore, da consumare insieme a una birra in bottiglia artigianale. L’arredamento in vetro, legno scuro e mattoni a vista riflette l’essenza dell’offerta culinaria. Ti conviene prenotare all’aperto: Muro Frari ha uno splendido plateatico affacciato su un caratteristico canale da cui si ammira la basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari; Muro San Stae, invece, offre dei tavoli all’esterno disposti in un campiello (piazzetta) veneziano.
Muro Frari, sestiere San Polo, 2604 – Venezia. Tel: 0415245310
Muro San Stae, Santa Croce, 2048 – Venezia. Tel: 0415241628

Quella in Lista

Arrivi al piazzale della stazione di Venezia, ti si aprono dinnanzi ottocento diramazioni. Non sai quale scegliere e nel dubbio imbocchi Strada Nuova. Un classico. Guarda caso, La Lista Bistro si trova proprio lungo il tragitto. Sai perfettamente che quando si esplora una città d’arte non ci sono orari: ti conviene fermarti a mangiare prima di procedere verso San Marco. Fortunatamente, La Lista Bistro è aperta 24/7 ed è pronta a servirti non solo una pizza napoletana a lunga lievitazione ma anche paninazzi non indifferenti. Il locale offre ogni comodità: tavolini all’aperto, teleschermi che trasmettono i maggiori eventi sportivi e una location pittoresca in Lista di Spagna, a pochi passi dal ponte delle Guglie. Un consiglio: non lasciarti scappare le birre premiate al Beer Attraction 2019 di Rimini.
La Lista Bistro, rio Terà Lista di Spagna, 225 – Venezia. Tel: 0415244098 

Foto dalle pagine Instagram e Facebook dei rispettivi locali
Foto di copertina dalla pagina Facebook di Mille gourmet

  • PIZZE PARTICOLARI E GOURMET

scritto da:

Giacomo Rubbens

Di giorno studente, di notte batterista. Dal poco che ho capito, nella vita o scrivi Paradise Lost o ti apri un negozietto. Nel frattempo, si ascolta musica dal vivo e si condividono cenette romantiche in locali inaspettati.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

10 consigli per un’estate sostenibile e contro lo spreco di cibo

Se lo spreco alimentare venisse ridotto del 50% entro il 2100, si potrebbe rimanere nel target di un aumento delle temperature di 2°C.

LEGGI.
×