La Liste: e il Miglior Ristorante al Mondo è...

Pubblicato il 16 dicembre 2021 alle 12:34

La Liste: e il Miglior Ristorante al Mondo è...

“Basato sulla raccolta di centinaia di guide e milioni di recensioni online, LA LISTE offre la migliore selezione di ristoranti raccolte a mano dai gastronomi più esigenti e dalle guide più esperte”.
 
Si presenta così La Liste, una vera e propria “lista” che anno dopo anno, certifica i migliori ristoranti al Mondo: una top 1000 che considera ben 27.500 locali referenziati e aggiornati durante tutto l’anno. Dopo un anno di silenzio allora, torna anche questa celebre ricorrenza – uscita in Francia il 29 novembre e subito festeggiata e osannata con una grande cena presso il Quai d’Orsay alla presenza del Ministro degli Affari Esteri francesi, è invece passata in sordina nel nostro Bel Paese.

Come funziona?

La Liste, prende in esame tutte le recensioni dei migliori ristoranti al mondo, presenti in più di 600 tra guide, pubblicazioni e converte il punteggio standardizzandolo, da 0 a 100. Quindi chiede a migliaia di cuochi una sorta di “guida alla classificazione” ovvero di esprimere una opinione (convertita in un punteggio da 0 a 10) sull’indice di affidabilità di ciascuna guida locale presa in esame.

Il risultato? Una elaborazione di tutti i punteggi che, calcolando la media per ciascun ristorante presente; restituisce una prima “classifica”. A questa poi, in ultima battuta, viene integrato l’insieme delle recensioni online dei clienti, che servirà per ponderare il punteggio di ciascun ristorante del 10% nel punteggio finale.

Il vincitore? E’ francese


Guy Savoy (99.50) è per La Liste, il migliore del mondo, sì, anche quest’anno (è in prima posizione dal 2017). “Raccoglie consensi unanimi, nessuna critica” ha commentato Hélène Pietrini, Amministratore Delegato de La Liste; ex Direttrice di “The World’s 50 Best Restaurants” che ci tiene a sottolineare come, nonostante il premio sia nato in Francia, poggia le propria fondamenta su di una squadra che arriva letteralmente, da tutto il Mondo.

Anche le modalità son diverse…

La Liste sceglie di porsi oltre l’ostacolo, rappresentando una sorta di “ultimo giocatore del gioco”; una classifica quindi, che mira ad essere più imparziale, trasparente e reale possibile; proprio perché non si basa su “investigatori” ma si struttura su ciò che già esiste: la reputazione di un ristorante, considerata nella sua totalità e restituita grazie ad un algoritmo che nulla ha a che vedere con le modalità della ben più famosa, nonchè "rivale" World's 50 Best Restaurants. 

E ancora, non si ferma ad esaminare pochi Paesi del Mondo, bensì ne prende in esame ben 200; a prova di una volontà ferrea nel voler restituire una classifica strutturata, eterogenea, ma al contempo anche spendibile e perché no, utile. Non è un caso infatti, che questa lista non racchiuda solo – come ci si può ben aspettare – i migliori ristoranti del Mondo intesi anche come fama e costo; bensì apra la possibilità anche a locali amatissimi per essere “posti da tutti i giorni”.

Il migliore ristorante del Mondo, e non solo

Oltre alla classifica, legata al punteggio ottenuto per ciascun ristorante ci sono anche diversi premi che ogni anno vengono “consegnati” a differenti categorie. Quali?

New Destination Champion Award, Innovation Award (The Ark Collection – Copenhagen), Gambe Changer Award (Project Materia – Portugal), Community Spirit Award (Universo Santi – Cadiz), Ethical & Sustainability Award (Rodolfo Guzman – Santiago), Digital Influencer Award (Diego Alary – France) e infine diversi tra: New Arrivals of The Year, Hidden Gem Awards, Artisan & Authenticity Award e Young Talents of The Year. 

Qui per scopire tutti i vincitori di ciascuna categoria. 

E l’Italia? Presente


Da Vittorio, Brusaporto (98.50)
Le Calandre, Sarmeola di Rubano (98.50)
Don Alfonso 1890, Massa Lubrense (97.50)
Dal Pescatore, Runate (97.50)
Osteria Francescana, Modena (97.50)
La Trota, Rivodutri (97.00)
La Madia, Licata (96.50)
La Pergola, Roma (96.50)
Madonnina del Pescatore, Senigallia (96.50)
La Peca, Lonigo (96.50)
Duomo, Ragusa (96.00)
Casa Vissani, Baschi (96.00)
St. Hubertus, San Cassiano (96.00)
Villa Crespi, Orta San Giulio (96.00)
Seta, Milano (95.50)
San Domenico, Imola (95.50)
Piazza Duomo, Alba (95.00)
Reale, Castel di Sangro (95.00)
Enoteca Pinchiorri, Firenze (95.00)
Enrico Bardolini – Mudec, Milano (94.50)
Ulissai, Senigallia (94.50)
Lorenzo, Forte dei Marmi (94.50)
Taverna Estia, Brusciano (91.00)
Agli Amici, Udine (91.00)
Torre del Saracino, Vico Equense (91.00)
Il Pagliaccio, Roma (89.50)
Quattro Passi, Nerano (89.50)
Romano, Viareggio (89.50)
Laite, Sappada (88.50)
Lido 84, Gordone Riviera (88.50)
Il Piccolo Principe, Viareggio (87.50)
 
…e molti altri, qui per scoprire la lista completa!


Foto di copertina e interne di La Liste. 
Foto interna di La Pergola. 
 

  • NOTIZIE

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×