Se è vero che la nuova tendenza parte dal bancone, per arrivare poi a esplorare nuovi stili e contaminazioni, beh allora sei nel posto giusto. Me Gusta Spirits & Love, infatti, nuova insegna a Torre San Giovanni, è un locale eclettico ma innovativo, che propone a una clientela esigente ma al contempo aperta alle novità un nuovo modo di bere e mangiare bene. Parola d’ordine? Selezione. E questo vale a 360°: in cucina, dietro al bancone del bar e nella wine list. Tutto parte, infatti, dalla scelta dei migliori ingredienti o prodotti.

Alle redini di Me Gusta troviamo Fabiola e Rocco, salentini doc, entrambi con alle spalle significative esperienze nel settore sia a livello locale che nazionale. Ed è proprio dal loro primo incontro che nasce l’idea di portare in questo angolo di paradiso un’idea nuova, un locale che per il suo format si può definire unico in zona.
Un ristorante e cocktail bar dall’aspetto curato ma al contempo easy, dove mangiare bene e bere altrettanto. La peculiarità? La proposta di crudo di mare, veramente eccezionale. Chi abita in zona, infatti, sa bene che pur essendo un paradosso non è facile mangiare in Salento ottimo pesce crudo. Avviso gli amanti del genere che Me Gusta vi stupirà.

Ecco dunque il ritorno alla materia prima con una ricerca maniacale nella qualità degli ingredienti; sembrerà banale, ma già siamo a metà strada. In che senso? Niente stravolgimenti, coperture di sapori o abbinamenti azzardati: ogni piatto deve esaltare l’ingrediente principale, sia che si tratti di carne o di pesce, in maniera semplicissima, ovvero lasciandone riconoscibile l’autentico sapore.

Sfogliando il menù notiamo con piacere che non si tratta di una lista infinita di piatti - cosa che solitamente dà adito a sospetti (ndr) - , ma di contenute e interessanti proposte, alle quali si aggiungono quelle del giorno che seguono natura e stagionalità.

Il raw food attira subito la nostra attenzione: da assaggiare le fantastiche e abbondanti tartare (230 gr), i carpacci di tonno e salmone, i gamberi rossi, gli scampi e il mitico plateau de mar che – periodo permettendo – è composto da mussoli, noci, ostriche, fasolari, cozze nere e cozze pelose.

Tra i primi, invece, gettonatissime le linguine ai ricci e gli spaghettoni con cozze, gamberi e calamari, seguiti da polpo arrosto, tonno alla griglia, grigliata mista di seppia, tonno rosso e gamberoni, il pescato del giorno e la leggera e croccante frittura di pesce.

Se preferisci la carne non temere, non mancano interessanti proposte di terra altrettanto curate: ad esempio si può partire stuzzicando un tagliere di salumi e formaggi piuttosto che una tartare di manzo accompagnata da cipolla di Tropea caramellata, proseguire con la pasta funghi e salsiccia e concludere con un filetto di manzo affumicato alla salvia con contorno di chips tagliate e fritte al momento o verdure grigliate.

Stessa filosofia per i dessert: pochi ma buoni. Dopo una scorpacciata di pesce, però, non nego che ci sta alla grande una granita all’arancia o al limone, anche queste fatte in casa.
Dopo questa premessa golosa, voglio tornare a parlare di cocktail, che non sono più solo un momento che precede o segue la cena, ma diventano protagonisti dei menu, anche in abbinamento a piatti tradizionali o ricette creative.

Merito della signature cocktail list, che spazia trasversalmente per tutti i distillati di altissima qualità, va a Gabriele, giovane e talentuoso barman che con la mixology ha dato vita a creazioni strepitose e molto sceniche nella presentazione. Tra i miei preferiti segnalo il Magic Mule, fatto con gin magic, limone, menta e ginger beer (super abbinato a una tartare di tonno e gamberi viola di Gallipoli), il Sushi Sour con Gin 585.5, succo di limone, zucchero, albume e sour (presentato con un pezzo di sushi), il Coffe Negroni, con gin, bitter, vermouth rosso, espresso e affumicatura al caffè e naturalmente il Me Gusta, con gin, rum bianco, succo di lime, zucchero di canna, ginger beer e a chiudere succo di mirtillo. Da provare uno dopo l’altro.

Per chi preferisce il vino, come anticipavo prima, non manca un’accurata selezione di etichette nazionali e internazionali (oltre 40 referenze), con particolare spazio ai bianchi dell’Alto Adige e del Friuli, così come alle bollicine d’Oltralpe, della Franciacorta della Valdobbiadene e infine locali. Insomma vini per ogni gusto e tasca.

Concludo ricordando che periodicamente si organizzano serate con musica live e dj, per cui ti consiglio di seguire le pagine social per stare sempre aggiornato. E se vuoi ambientarci la tua festa di compleanno, laurea o qualsiasi altra ricorrenza non esitare a contattare lo staff, potrete studiare insieme un menù ad hoc per un evento indimenticabile!

 

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Ti spiego perché la marijuana light si usa per il relax

Sempre più persone ne fanno largo uso per rilassare corpo e mente. Ma cos'è veramente la pianta che in America sta facendo parlare di una vera e propria “green rush”, la corsa all'oro verde? Un esperto del settore fa il punto della situazione in Italia e ce ne spiega i benefici.

LEGGI.
×