Le offerte dei ristoranti stellati per il The Fork festival

Pubblicato il 22 settembre 2021 alle 05:24

Le offerte dei ristoranti stellati per il The Fork festival

Quante volte ti è capitato di sognare una cena in un ristorante stellato, coccolati da atmosfere magiche, dal personale attento a ogni esigenza e, soprattutto, da piatti e sapori che soddisfano tutti i sensi? 

Come?

Dal 14 ottobre al 28 novembre torna il TheFork Festival e, per l’occasione, alcune delle eccellenze della cucina italiana premiate dalla Guida Michelin Italia, hanno creato offerte dedicate agli utenti di TheFork. Le prenotazioni con promozione del TheFork Festival saranno aperte dall’11 ottobre per tutti i ristoranti aderenti. 

Quali?

Da Vittorio, Brusaporto (BG)
Chef Chicco e Bobo Cerea, 3 stelle Michelin


A un passo da Bergamo, Da Vittorio è incorniciato dal verde delle campagne, in una location davvero mozzafiato. I fratelli Cerea hanno costruito negli anni un menù che risulta essere il perfetto connubio tra tradizione lombarda e genio creativo. La cura, l'attenzione, l'approfondimento dei temi culinari è allargato per non far torto a nessun palato. Tutto risulta declinato con uno stile originale e sensibile anche alle nuove frontiere della cucina del benessere.

Menu “Nella Tradizione di Vittorio” (8 portate): aperitivo extra per gli utenti di TheFork

Il Tino, Fiumicino (RM) 
Chef Daniele Usai, 1 stella Michelin


Daniele Usai, alla guida del ristorante Il Tino, è uno dei punti di riferimento della cucina d’autore del litorale laziale. I suoi piatti, che si concentrano per lo più sui prodotti del mare, sono il risultato della fusione estrosa delle migliori materie prime. I tocchi personali dello Chef esaltano i sapori locali spingendosi oltre i confini per esplorare gusti contemporanei e ricercati.

Menu “Prima Boa” (aperitivo, 7 portate): 2 portate extra per gli utenti di TheFork

Ristorante Amistà, Corrubbio (VR)
Chef Mattia Bianchi, 1 stella Michelin


Da Amistà la parola chiave è “Sorpresa”. Sin dall’arrivo nell’incantevole Villa fino alla degustazione del menù pensato dallo Chef Mattia Bianchi, tutto risulta sorprendente per gli ospiti, grazie alla sapiente unione tra Made in Italy e creatività. La tradizione gastronomica veneta insieme alle materie prime locali sono le protagoniste di questa cucina raffinata ma onesta.

Menu “Mattia” (6 portate): 1 portata extra per gli utenti di TheFork

Sadler, Milano
Chef Claudio Sadler, 1 stella Michelin


Da oltre trent’anni lo Chef Claudio Sadler è un nome di riferimento dell’alta cucina a Milano. Nel suo ristorante di via Ascanio Sforza l’ambiente è elegante ma anche molto accogliente, perfetto per gustare un menù moderno, con sapori decisi ma bilanciati tra loro, declinati in piatti creativi, mai distanti dall’identità dello Chef. Lo spazio è diviso in quattro sale, arredate con stili differenti, comprensive di un piccolo privè con un tavolo da due.

Menù “Tradizione & Innovazione” (5 portate): aperitivo extra per gli utenti di TheFork

I Salotti, Chiusi (SI)
Chef Katia Maccari, 1 stella Michelin


Katia Maccari nutre un profondo amore per la propria terra, la Toscana, e questo amore si percepisce inequivocabilmente nel suo ristorante I Salotti a Chiusi. Lo studio e la ricerca hanno permesso alla Chef di creare un menù ricco di sapori della tradizione reinterpretati, da gustare in un ambiente elegante e riservato con un servizio esclusivo e raffinato.

Menù “Tradizione” (6 portate): aperitivo extra per gli utenti di TheFork


Foto da ufficio stampa TheFork Italia

  • NOTIZIE

scritto da:

Teresa De Micheli

Firenze, mia croce e delizia. Ti amo e ti odio, ti lascio ma alla fine solo da te torno sempre. Mamma di Londra e papà di Palermo, a Firenze i miei geni "fusion e un pazzarelli" ha trovato il giusto ambiente in cui esprimersi. Tra tradizione ed ultime tendenze, una città da vivere sempre.

POTREBBE INTERESSARTI:

Panettone World Championship a Host Milano, ecco chi ha vinto

Una competizione che nasce con l'obiettivo di far conoscere l'eccellenza a livello internazionale del Panettone artigianale mettendo a confronto le diverse culture di chi produce questo dolce partendo esclusivamente dal lievito madre.

LEGGI.
×