Cosa fare la sera a Venezia da quando hanno chiuso i Biliardi (se non vuoi ritirarti a vita eremitica)

Pubblicato il: 24 settembre 2019

Cosa fare la sera a Venezia da quando hanno chiuso i Biliardi (se non vuoi ritirarti a vita eremitica)

Puoi sopravvivere all'autunno/inverno veneziano anche se hai meno di 60 anni

La notizia della chiusura de I Biliardi ci ha letteralmente sconvolti tutti. Addio alla casa di tutti noi, il luogo che rispondeva alla domanda di ogni nottata veneziana: "E ora dove andiamo? Dove tiriamo mattina oggi?". Per giorni, nell’incredulità generale, io e i miei amici abbiamo passeggiato in fondamenta delle Guglie con le mani nei capelli, senza farcene una ragione. Quante notti passate a giocare a biliardo, a rimorchiare turisti, a bere stravaccati nei suoi divanetti "vintage" (eufemismo). Ai Biliardi valeva tutto, ti sentivi come a casa, a una festa nel tuo salotto, ma non dovevi passare la giornata successiva a raccogliere mozziconi nel pavimento o a sbiancare muri imbrattati di rum e cola. Non entro nel vivo del discorso politico, dico solo: oramai, Venezia, non fa più per noi, under 35. 
Sì, perché non solo i Biliardi se ne sono andati, ma anche le feste ai Magazzini del Sale, il mercoledì universitario all’F30 (ora soppiantato dall'untuosa catena USA, KFC), le studentesche a San Basilio, i party al Terminal e certamente altro che ora non mi sovviene. Ultimissima la chiusura (o meglio, muratura) dell'ex-ospizio a Santa Marta (Questacasanonèunalbergo) con festa in programma per il sabato successivo allo sgombro. Insomma, la moria generale. Aggravante: non basta più spostarci nemmeno in terraferma: Altavoz al Rivolta, "addio, è stato bello", Pop Corn "ciaone", Tag "grazie di tutto, anche tu, lo scorso inverno ci hai lasciati", (mi ero appena ritesserata. Fuck). 
Ma basta con questo pessimismo (o meglio, realismo): facciamo i conti di che ci resta e incrociamo le dita per il futuro.

(E poi...  C'è sempre l’amico da convincere a far festino a casa sua. Al macello ci si pensa sempre il giorno dopo).

A Venezia

Da veneziani - in fondamenta

Questo è il periodo giusto per approfittare delle ultime sere in Misericordia, luogo cult dell'aperitivo veneziano, senza doversi ammucchiare all’interno dei piccoli bar che costellano la conosciutissima fondamenta. Qui hai l’imbarazzo della scelta, sia che tu ti ritrovi nel bel mezzo di un bacaro tour, sia che tu voglia distruggerti con gli amici dopo il maledetto esame passato. Non starò a nominarti locale per locale, anche perché, fossi in te, li passerei tutti o quasi. Ti dico solo, se vieni da fuori, che Al Timon è l'unico ad avere i cichetti a 1 euro (con drink obbligatorio), mentre il Pub Marciano gode di uno spazio interno considerevole, oltre che di un'offerta drink e food generalmente superiore agli altri circostanti. 
Marciano, Calle Loredan, 1863/C, Venezia, tel. 041 4767255
Al Timon Bragozzo, Fondamenta dei Ormesini, 2754, Venezia, tel.  041 5246066

Da hipster - nel chiostro

Tutti lo conoscono come il chiostro dei Crociferi, ma da qualche mese ha cambiato nome e caratteristiche per dare vita al Combo. Di cosa ti sto parlando? Di uno spazio poliedrico che si trova in campo dei Gesuiti, composto da un ristorante, un bacaro, un bar cafè e un grande ostello. Esteticamente nulla da dire, lo spazio è davvero bello e molto hipster. Ti consiglio assolutamente di farci un giro il giovedì sera, dall'aperitivo in poi. Ogni settimana trovi un diverso dj (solitamente piuttosto di nicchia) e sonorità che variano dall'elettronica alla techno, dalla tribal al funk. Consiglio: sfoggia il tuo migliore pezzo vintage, sarai notato. 
Combo, Campo dei Gesuiti 4878, Venezia, tel. 0415286103    

Da studenti - in campo

La meta più classica per far serata è Il Campo (alias Campo Santa Margherita), il luogo cult dell'universitario veneziano. Non meno celebre, ma forse più frequentata dai locals, l'Erbaria. I loro leit-motif sono certamente l'alcol e le relazioni sociali, generalmente due aspetti che vanno a braccetto. E se qualche anno fa le due zone si distinguevano per le fascie d'età che le popolavano - in Erbraria per lo più ragazzini di medie e superiori, a Santa Marghe gli studenti di Ca' Foscari, IUAV e Accademia - oggi la distinzione non è più così netta. Santa Margherita si riempie soprattutto il mercoledì, quando l’evento di punta è il Mercolegin organizzato dal Chet Bar: Ginetto tonic/lemon 3€ (il gin da quest'anno è il Bombay London Dry Gin), Vodketto tonic/lemon 3€. Da segnalare anche i siluri di gin lemon dei Do Draghi.
In Erbaria invece, il clou è in campo Bella Vienna, al Barcollo e alla Bussola Cocktail Lab. Se sei in chimica, sotto il porticato che porta al Ponte di Rialto, trovi il Chips Amsterdam, aperto il venerdì fino alle 2, il sabato fino alle 3. Non sarà il top a Venezia, ma un cartoccio di patatine fritte o un hot dog in piena notte hanno sempre il loro perché.
Chet Bar, Dorsoduro, Capo Santa Margherita, 3684, Venezia, tel. 320 7039533
Do Draghi, Dorsoduro, Campo Santa Margherita, 30123 Venezia, 041 2412758
Barcollo, Ruga Vecchia S. Giovanni, Venezia, tel. 041 522 8158  
Bussola Cocktail Lab, Campo Bella Vienna, Calle del Scaleter 222, Venezia, tel. 041 2412339  
Chips Amsterdam,  San Polo 71/A, Venezia, tel. 041 4585415

Da rockettari - in bacino

No, non è il bacino che pensi tu (San Marco), ma in linea d’aria è proprio a due passi. Ti parlo dell'Orseolo, in cui si affaccia l’Hard Rock Cafe. In città non è conosciuto solo per i suoi hamburger, le sue magliette da collezione, per i cimeli di vere star internazionali della musica, ma anche per i suoi concerti di musica dal vivo. Tutto l'anno vengono organizzati diversi concerti e serate a tema, anche nel ricordo di grandi musicisti del panorama internazionale, come Freddie Mercury (ci manchi) a cui è stata dedicata un'intera settimana di eventi. A proposito di eventi: uno dei più gettonati è il Friday Night Live, un format collaudato che prevede dalle 21.30 alle 23.30, ogni venerdì, musica live e dj set. Dal lunedì al venerdì trovi, invece, il Late Night  Happy Hour, ovvero: dalle 20 fino alla chiusura tutti i cocktail sono a metà prezzo. Non credere sia un locale esclusivamente turistico, ormai è ben frequentato anche dai veneziani, specie nella fascia 25-40. E poi sai americani/e o spagnoli/e che ti rimorchi?
Hard Rock Cafe, Piazza San Marco 1192, Venezia, tel. 0415229665  

A Mestre

Da studenti (nerd inclusi) - all'ostello

Che Venezia non sia una città per pigri forse lo sapevi già. Ho passato anni a cavallo del famoso bus N2 per raggiungere club e discoteche del mestrino e sebbene con il gelo dei mesi invernali qualche imprecazione è partita, di certo non lo rimpiango. Da quest'anno esiste l’Alai Bar, l'’ostello Anda. Se hai un amico nerd (o purtroppo il nerd sei tu), potrebbe interessarti, tutti i lunedì, il torneo di PS4. Per la tua amica aspirante anglofona, invece, tutti i martedì, dalle 19, c'è lo spritz in lingua; per il tuo amico che si vanta di reggere meglio di un veneto, il giovedì, dalle 20, c'è il torneo di birra pong. Ma l'evento più importante si tiene il mercoledì, dalle 19 alle 2: aperitivo in giardino (credo a breve all'interno) con dj set e possibilità di cena (burger, patatine e bibita a 11€). 
Se poi non puoi fare a meno di farti sempre riconoscere, e nemmeno a Mestre ti freni dal fare il bacaro tour, tutti i venerdì c'è il Pub Crawl Experience.. lascio a te la ricerca del come si svolge.
Alai Bar - Anda Venice Hostel, Via Ortigara 10, Mestre , tel. 0418622291 

Da intellettuali - al museo

Il Museo del ‘900 (M9) si trova a soli cinque minuti da Piazza Ferretto. Il palazzo che lo ospita è stato costruito di recente (per un sacco di soldi). C'è da dire però che è davvero interessante, degno di una grande città. Speriamo abbia più fortuna di quanto si vociferi fino ad ora. Comunque, vai tranquillo. Non ti sto proporre una visita, ma uno dei tanti eventi culturali, fotografici o musicali che qui periodicamente si tengono. Ti elenco qualche appuntamento di settembre, organizzato in collaborazione con Veneto Jazz: sabato 28 sarà il momento delle sonorità di Kyoka, compositrice e producer di electic pop sperimentale, che si esibirà dopo il consueto aperitivo con dj set; sabato 12 ottobre, invece, sarà la volta della corrente elettrica e dei campi elettromagnetici che daranno vita alla sonorità de "L’impero della luce e la città del futuro".
M9, Via Giovanni Pascoli, 11, Mestre, tel. 0412387230

Da commercialoni - in disco

Il classicone (generalmente super commerciale) per le serata in terraferma è sicuramente il caro vecchio Molo 5. Gira e rigira, anche se provi a non entrarci, prima o poi sicuramente ti capiterà di esserci trascinato dalla compagnia. È bene tenere sott’occhio la loro pagina Facebook per sapere quali eventi si tengono, come le varie feste a tema o concerti (più rari). Recentemente, ad esempio, c'è stato MadMan. Generalmente il sabato la serata è reggaeton, dance hall, hip hop. L'età media bassina: sui 20, 25 al massimo. Per quest’anno è stato già annunciato che l'ospite della serata di Halloween sarà Shiva.
Molo 5, Via Elettricità 10, Venezia, tel. 3404942863 

Da tutti - nel forte

Forte Marghera negli ultimi due anni ha subito diversi interventi di ammodernamento, ma detta tra noi io lo preferivo un tempo, un po' meno fighetto e con prezi più popolari. Rimane comunque un posto niente male (specie d'estate a dire il vero) anche perché vicino a Venezia e facilmente raggiungibile in bus o in tram. Da poco, poi, hanno risistemato la scorciatoia in mezzo alla boscaglia per arrivare alla fermata. Quanta ansia attraversarla da soli di notte?
Fino a venerdì 25 settembre l’evento di punta rimane lo Strictly, protrattosi per tutta l'estate, con i suoi cocktail e dj set nella Baia Lounge. Ma la baia val la pena di esser frequentata anche dopo la sua ultima data. Ci si può mangiare una pizza o una grigliata in compagnia, ascoltare concerti o partecipare a uno degli eventi; dal 19 settembre al 13 ottobre, ad esempio, si tiene la Festa della Birra. I pet lovers ci trovano sempre un sacco di gatti (ciccioni).
Baia del Forte, Via Forte Marghera 30a, Venezia 

A Marghera

Da alternativi - nel club 

Argo 16 è un ambiente polifunzionale gestito dall’Associazione Spazio Aereo, all’interno di un ex magazzino di 420 quadri al Vega. Oggi è soprattutto uno spazio culturale e aggregativo indipendente dove si tengono eventi di varia entità, generalmente, mai commerciali. Per quanto riguarda la musica, il club aggrega appassionati di soul, blues ma anche folck rock, elettronica e techno. Ad oggi, è davvero una delle pochissime realtà interessanti e non commerciali del panorama notturno veneziano/mestrino. 
Il 5 ottobre serata techno-electro organizzata da Pulse, DNFU, Crispy e Onde Delta, mentre il 27 ottobre, all’interno della rassegna Musica al Largo, saranno ospitati Elliott Sharp, Tectonics ft,  Eric Mingus. Non sto qui a farti l'elenco di tutti gli eventi fino a Natale (sono davvero tanti e molto vari). Ti conviene dare un occhio alla pagina Facebook. 
Argo 16, Via delle Industrie 27/5, Venezia 

Foto di copertina dalla pagina Facebook di Chet Bar

  • TRIBÙ DELLA NOTTE

scritto da:

Alice Chiarot

Veneziana doc, chiaccherona e dalla risata facile, appassionata di pallavolo e dello sport. Mi piace cucinare dolci, non potrei mai rinunciare al caffè, una buona parmigiana di melanzane e agli spaghetti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Panettoni artigianali da menzione d'onore per questo Natale 2019

Il dolce di Natale per antonomasia, con o senza canditi, alto o basso, con cioccolato, fichi. Quelli che hanno trionfato a Re Panettone 2019.

LEGGI.
×