Quanto stile hanno i locali vintage di Firenze: vediamoli!

Pubblicato il 28 gennaio 2024

Quanto stile hanno i locali vintage di Firenze: vediamoli!

"Ah, i bei vecchi tempi di una volta..."
Quante volte abbiamo sentito questa affermazione; quante volte magari siamo stati proprio noi a pronunciarla, memori di un passato splendente che ormai non c'è più. 
La nostalgia per gli anni che ci siamo lasciati alle spalle è un fenomeno che prima o poi colpisce tutti. Sarà per la paura del futuro, le incertezze del presente o semplicemente perché eravamo tutti più giovani, rifugiarsi nel passato è un'abitudine estremamente diffusa, tanto che molto spesso questi "viaggi nel tempo" non sono solo mentali, ma anche fisici. No, non abbiamo (ancora) inventato una macchina del tempo, ma stiamo parlando della tendenza sempre più diffusa del vintage.
Il vintage è ormai un vero e proprio stile che abbraccia i settori più disparati: dalla moda alla musica, dal cinema alla letteratura, fino al mondo della ristorazione e in generale dei locali. 
Ma cosa si intende per vintage? Secondo la definizione classica, i prodotti possono essere definiti vintage se risalgono ad almeno due decadi precedenti al periodo contemporaneo. Tutto ciò che fa riferimento al secolo scorso, quindi, oggi può fregiarsi di questa etichetta.
Proprio per questo negli ultimi anni abbiamo assistito ad un proliferare di locali e ristoranti con uno stile rivolto al passato. Che siano gli anni'80 del 900, oppure i '70, i '60 o i '50, lo stile vintage risulta sempre molto apprezzato da moltissime persone, sedotte dal fascino del passato.
E in un tale contesto una città come Firenze non fa eccezione, grazie alla presenza di numerosi locali caratterizzati da atmosfere e offerte retrò.
Partiamo quindi per un affascinante viaggio indietro nel tempo, alla scoperta di quei locali che hanno fatto dello stile vintage un vero e proprio carattere distintivo, in termini di arredamento ma non solo. E tranquilli, non ci sarà bisogno di raggiungere le 88 miglia orarie (a proposito di citazioni vintage).

Atmosfere francesi tra rum e musica dal vivo


Il nostro viaggio nel passato parte da un luogo iconico di Firenze, nel quartiere ottocentesco di Piazza d'Azeglio, a pochi passi dal mercato di Sant'Ambrogio.
Qui, in via Niccolini, troviamo il Bistrot Cafè 19.26.  Nato dalla visione di una famiglia fiorentina, il Cafè 19.26 riprende in tutto e per tutto il fascino e le atmosfere dei bistrot parigini di Montmartre e dei vecchi locali di Firenze Capitale. Una scelta questa, che risulta evidente non appena si mette piede all'interno del locale. Grazie al lavoro del designer toscano Fabio Becattini, al Cafè 19.26 nulla sembra essere lasciato al caso: dalle luci agli oggetti di decoro, fino alla scelta dei materiali, ogni angolo del locale trasuda fascino verso il passato. Grazie alla presenza di elementi di arredo originali, come specchi antichi, mobili in legno, marmo e ferro, il locale riesce pienamente nel suo obiettivo: regalare ai propri clienti un'esperienza unica, in un'atmosfera rivolta al passato, con una grande attenzione verso le materie prime e gli ingredienti proposti. Sì, perché il Cafè 19.26 si rivela essere un locale adatto ad ogni ora della giornata: dalla colazione fino alla sera. Proprio come i bistrot parigini, infatti, ogni momento è quello giusto per gustare le prelibatezze offerte dal locale: primi piatti, insalate, formaggi e dolci, il tutto accompagnato da un'interessante selezione di vini, serviti in una cornice di sicuro impatto. Tra i punti forti del locale, infine, è impossibile dimenticare la grande selezione di oltre 400 etichette di rum, da gustare con un bel sigaro, lasciandosi trasportare dalle note della musica dal vivo che anima il Cafè nelle ore serali. 
Bistrot Cafè 19.26 - Via Giovan Battista Niccolini, 30/R - Tel: 0552346296

Una famiglia allargata all'insegna del buon gusto


Rimaniamo in zona Sant'Ambrogio e facciamo pochi passi per arrivare in piazza Ghiberti, pronti a farci stupire dalla seconda tappa del nostro viaggio, il Gilda Bistrot
Da Gilda Bistrot le parole d'ordine sono poche e semplici: convivialità, famiglia e cura del dettaglio. In una location di sicuro impatto, con porcellane d'epoca, pezzi di arredo originali e un'atmosfera soft, Gilda Bistrot restituisce già dopo il primo sguardo una sensazione di relax e benessere, tanto da far sentire subito i propri clienti parte di una famiglia allargata. Una sensazione questa, che nasce dall'impegno e dalla dedizione di Gilda Nocentini, che nel 2000 assieme al figlio ha deciso di intraprendere questa avventura con lo scopo di realizzare un piccolo bistrot nel quale tutti potessero sentirsi a proprio agio. Un obiettivo pienamente raggiunto anche grazie al numero limitato di coperti, che permette di mantenere un rapporto diretto con i clienti, favorendo la socializzazione tra gli stessi. 
E in un tale contesto, l'offerta gastronomica non potrebbe essere da meno, grazie ad una serie di proposte culinarie che partono dalla Toscana, per poi muoversi in tutte le città d'Italia. La presenza a pochi passi del Mercato di Sant’Ambrogio, inoltre, si rivela estremamente utile nella ricerca delle materie prime, realizzando così piatti sempre diversi in base alla disponibilità degli ingredienti. 
Dalla colazione al pranzo, con primi di pasta fresca, carni selezionate e pesce, Gilda Bistrot sarà in grado di soddisfare anche i palati più esigenti, con uno stile inconfondibile e un'attenzione ai dettagli difficile da trovare altrove. 
Gilda Bistrot - Piazza Lorenzo Ghiberti, 40r - Tel: 0552343885

Il salotto letterario aperto a tutti


Passiamo ora ad un locale che dal 2007 è diventato uno dei punti di riferimento per gli amanti della letteratura immersi in un'atmosfera rivolta al passato. Stiamo parlando ovviamente de La Cité, libreria/caffè in Borgo San. Frediano. 
Parlare de La Cité significa parlare di un locale in cui l'arte e la cultura rivestono un ruolo di primo piano. A differenza delle grandi librerie commerciali, infatti, La Cité si propone come un luogo dedicato alla ricerca e al dibattito, nel quale ognuno può sentirsi libero di esprimere le proprie opinioni. Seduti su un divanetto degli anni '60 o '70, è possibile imbattersi in una clientela molto eterogenea: studenti, aspiranti scrittori, residenti del quartiere o turisti alla ricerca di qualcosa di diverso. A La Cité c'è posto per tutti, un luogo di socializzazione unico nel suo genere, che alla passione per la cultura abbina il piacere dello stare insieme sorseggiando un drink, in una comunione perfetta tra il leggere e l'assaporare. Due azioni di ri-sensibilizzazione vitale e materiale, quantomai necessarie al giorno d'oggi nella nostra frenetica società. 
La Cité - Borgo S. Frediano, 20/R - Tel: 3499011105     

Si fa presto a dire cocktail


Sono tanti i locali che si vantano della qualità dei propri drink, sono pochi però quelli che riescono a restituire al cliente un'esperienza sensoriale a 360°. È il caso questo del Mayday Club, in via Dante Alighieri. In una location estremamente curata, tra vecchie radio e telegrafi, il locale nato nel 2001 da un'idea di Marco Arduino, accompagna i clienti in un viaggio fatto di sapori, profumi e atmosfere vintage.
L'offerta è di altissima qualità, rendendo il Mayday un locale esclusivo con proposte in grado di sorprendere. Non a caso la scelta delle materie prime è effettuata con grande cura, ricercando ingredienti naturali e poco commerciali, spesso provenienti da aziende agricole del territorio. Questa attenzione maniacale nella ricerca della qualità ha reso il Mayday Club una tappa irrinunciabile per chi ama sorseggiare un cocktail unico, in una cornice dal fascino assicurato.
Mayday Club - Via Dante Alighieri, 16/r - Tel: 0552381290

Gli anni ruggenti del rock


Quando si parla di vintage, la mente viaggia subito ad un passato molto lontano, quasi sempre intorno agli anni '50 del 900. Ma il vintage può essere molto più di questo e può riportarci anche in anni non troppo lontani nel tempo, ma non per questo meno affascinanti, come gli anni '70 e '80. Un obiettivo questo, ampiamente raggiunto dal Virgin Rock Pub, in via dell'Agnolo. 
Il Virgin Rock Pub rappresenta la scelta giusta per i veri amanti del rock, grazie ad un'atmosfera totalmente dedicata a questo genere musicale. Tra chitarre elettriche appese alle pareti, foto di album musicali e di rockstar che hanno fatto la storia, ogni drink avrà un sapore speciale, regalando ai clienti quella scarica di adrenalina tipica del rock di quegli anni. Tra una birra e un cocktail il Virgin Rock garantisce un viaggio nel tempo che farà tornare tutti un po' più giovani, tra un brindisi con gli amici e tanta buona musica.   
Virgin Rock Pub - Via dell'Agnolo, 78/R - Tel: 3480991989

Rarità vintage e birre locali


La musica è ancora protagonista nella prossima tappa del nostro itinerario tra i locali con un'anima vintage per le strade di Firenze. Siamo in piazza San. Giovanni, un luogo che non ha bisogno di presentazioni dove, ai piedi del campanile di Giotto e della Cupola del Brunelleschi, troviamo il Move On.
Protagonisti assoluti del locale sono i dischi in vinile, uno degli oggetti da sempre collegati al mondo del vintage. Al Move On, infatti, è possibile scegliere tra una delle più grandi raccolte di dischi in vinile della città, accompagnati da una selezione di birre tradizionali italiane di grande qualità. Il negozio di dischi propone un ampio catalogo che comprende album nuovi, ma anche vere e proprie rarità vintage difficili da trovare, rendendo così il Move On un locale nel quale l'ascolto della buona musica è indissolubilmente legato al piacere del palato. 
Move On - Piazza di San Giovanni, 1/R - Tel: 055219251 

Cocktail su misura in un passato lontano


Il nostro viaggio a spasso nel tempo ci riporta da dove siamo partiti, nel quartiere di Sant'Ambrogio, meta tra le più gettonate dal popolo della notte. Ed è qui che effettuiamo il salto nel passato più lungo di tutti, arrivando fino agli anni '20, grazie al Bitter Bar
Frutto della visione innovativa e della passione di Mehran Lashgari, barista iraniano trapiantato a Firenze, il Bitter Bar riesce a fondere perfettamente l'arte della mixology ad un'atmosfera con una forte identità. La location ispirata agli anni Venti, infatti, garantisce un vero e proprio viaggio nel passato, riportandoci in un mondo di cui abbiamo sentito parlare nei libri di storia. L'altra caratteristica principale del Bitter Bar sono ovviamente i cocktail, ideati al momento, ascoltando le preferenze e i gusti dei clienti, trasformando così una serata con gli amici in un'esperienza unica nel suo genere. 
Bitter Bar - Via di Mezzo, 28/30r - Tel: 3806461020



Le foto sono prese dai canali social dei locali citati
Foto copertina di Bistrot Cafè 19.26.  

  • LOCALI PARTICOLARI

scritto da:

Enrico Aprile

Napoletano trapiantato da venti anni a Firenze, sempre a spasso per le strade della città, attraversate in lungo e largo. Come tanti studenti durante gli anni dell'Università, ho lavorato in numerosi ristoranti e bar, imparando a conoscere un po' dei segreti del mondo della ristorazione. Unire queste esperienze al desiderio di raccontare storie è l'obiettivo della mia avventura in 2Night

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Ecco quali sono le migliori birre dell’anno 2024 premiate a Rimini

Nell’ambito del concorso brassicolo più longevo e atteso in Italia organizzato da Unionbirra.

LEGGI.
×