Uno Speakeasy nel cuore di Bardolino: Swing, tornano i ruggenti anni '20.

  • RECENSIONE
  • INFO
  • COMMENTI

(Questo evento è passato)

Eccoli i fenomenali anni ’20 americani, l’epoca del proibizionismo e dello swing, appunto, nato dal jazz ma caratterizzato da una sezione ritmica più spinta e un suono più ballabile.
Gli anni del proibizionismo, dei gangster e delle flapper girls, meravigliose donne che portano capelli con il taglio Bob, indossano gonne corte e sono le prime a godere del diritto di voto concesso per la prima volta nel 1920.
Ragazze disinibite che, con abiti corti e sigaretta in mano, sono pronte a conquistare il mondo.
Da questa idea originale nata in una notte insonne dopo un viaggio a New York, Nicola - titolare dello Swing - ha preso spunto per creare un cocktail bar unico nel suo genere, dove ogni dettaglio richiama quel periodo pieno di generosità, ottimismo, arte e follia.

Il menù
Lo Swing propone una vasta scelta di cocktail originali, ricercati e ideati direttamente dai barman del locale. Ben 20 cocktail e una proposta qualitativa composta da 23 gin, 27 whisky, 15 rum; non mancano le bollicine con Franciacorta e Crèmant proposti anche durante l’aperitivo. Dalle 17 alle 21,30 potrete gustare diverse tartine, ottime e abbondanti.
Una ricerca della qualità che non si ferma al prodotto ma che si riscontra anche nel servizio e nella scelta dei bicchieri e dei calici, pensati per abbinarsi perfettamente con i drink.
Un esempio concreto è il bicchiere proposto per la pina colada a forma di ananas o il cocktail ribattezzato “Negroni n°5” che riprende le forme del celeberrimo profumo e che sta riscuotendo sempre più successo, soprattutto tra le donne.

Le serate
Nicola è un appassionato di musica e ha le idee chiare, lo Swing è una garanzia per quanto riguarda swing, blues, jazz, funky, gipsy, folk americano. Qui troverete live music quattro serate a settimana, in un ambiente dove si può ballare unendo il divertimento alla musica di qualità.

La location
Il design interno è studiato e riflette l’idea centrale del locale. I dettagli del bancone con l’ “unghiatura” tipica dello stile retrò, gli strumenti musicali appesi alle pareti (soprattutto fiati), le foto dei gangsters e delle flappers all’entrata: tutto è in linea con il mood twenties che lo Swing vuole trasmettere. Da marzo 2018 il locale si amplierà ulteriormente.

Il consiglio del barman
Il West Winds è il consiglio dal barman, un gin unico per un Negroni speciale. E’ un gin australiano che fonde dolci spezie e ingredienti botanici tra cui ginepro, mirto australiano, buccia di lime e semi di acacia usati tradizionalmente dagli aborigeni. Un vero e proprio viaggio nel bush della terra dei canguri.

Dress code
La clientela della Swing è eterogenea ma selezionata, la fascia d’età va mediamente dai trenta anni in su ma sempre più giovani si interessano alle proposte del locale, apprezzando soprattutto i cocktail innovativi e le serate all’insegna della buona musica live.

Da raccontare
Persino il ghiaccio inserito nei cocktail è particolare: i baristi dello Swing utilizzano una Hoshizaki, macchina giapponese unica nel suo genere in grado di produrre cubetti di ghiaccio pressati e pieni (non cavi, per intenderci) che impiegano molto più tempo per sciogliersi nei cocktail, mantenendoli inalterati ed evitando di annacquarli.

 

  • APERITIVO
  • CONCERTI
  • DOPOCENA

ALTRO SU 2NIGHT

  • NOTIZIE

​I 100 luoghi più belli del mondo

Sono quelli scelti da Time Magazine: dell'Italia fanno parte la Toscana, grazie anche al progetto “Uffizi diffusi”, insieme a Sicilia e Venezia.

×