Dove il sorriso è di casa. Franco Grieco si racconta

Pubblicato il: 27 settembre 2019

Dove il sorriso è di casa. Franco Grieco si racconta

Dal Cappuccino smile al MangioFuori. Quattro chiacchiere con Franco Grieco.

Come nasce il nome “Smile&Coffee”?
Smile &Coffe è il posto perfetto in cui trascorrere un momento di piacere e relax durante la giornata. L’intenzione è stata quella di creare uno spazio che non fosse solo un semplice bar, ma un vero e proprio “angolo di paradiso”, dove ricaricarsi e ripartire col sorriso sulle labbra. Mia moglie incarna perfettamente lo spirito del locale, ha sempre un sorriso per tutti. Il nome lo abbiamo scelto insieme e mi è piaciuto subito.
 

Chi è Franco Grieco e quali sono i punti di forza dello “Smile&Coffe”?
Lo Smile&Coffe è friendly e giovane. Qui regna il sorriso e allo stesso tempo, senza perdere il suo calore, è anche un luogo “tecnologico”. Amiamo la vita e vogliamo trasmettere un clima sereno ai nostri clienti. Inoltre, per noi, la qualità delle materie prime è molto importante così come è importante trovarci in una delle centralissime strade di Bari: via De Rossi. Siamo raggiungibili a piedi dalla stazione o in auto.

Cosa consigli di provare del menu?
Sicuramente consiglio per un buon aperitivo la nostra “sprizzeria”, con oltre 10 referenze diverse, ma in realtà abbiamo pensato un po' a tutti. Se volete abbondare consiglio il “Mangiofuori”. Se preferite invece spiluccare, abbiamo degli ottimi stuzzichini. Se il vostro appetito è maggiore, i nostri clubsandwich o le crepes salate sapranno saziarvi. Non mancano però le insalate, per chi vuole star leggero. Abbiamo pensato anche a vegani e celiaci, siamo attenti ai nostri clienti e sappiamo quanto le intolleranze alimentari siano diffuse e spesso creino difficoltà. Ci sono quindi stuzzichini o cornetti anche per loro. Le crepes dolci sono i nostri punti di forza, ma per iniziare la giornata col sorriso ci pensa il nostro cappuccino smile, fatto con sciroppo cookie all’interno.
 

Vi rivolgete ad un pubblico di clienti particolare?
Non abbiamo preferenze, semplicemente è un locale dall’atmosfera allegra. Lo noti già dalle pareti, dove sono appesi quadretti con aforismi legati al sorriso e al pensiero positivo. Non ci rivolgiamo a nessun pubblico di clienti particolare: abbiamo un menu vasto, dal “Mangiofuori” al finger food e, appunto, cerchiamo di soddisfare ogni tipo di palato. Siamo molto amati in particolare dagli studenti e dai neo laureati però, e ne siamo molto felici.
 

In che senso è un luogo tecnologico?
Mi spiego meglio: oltre ad avere il wi-fi e numerose prese dove poter mettere in carica il cellulare, proprio per premiare i nostri clienti più affezionati abbiamo realizzato un'applicazione gratuita che una volta scaricata consente di cumulare punti e sconti, una sorta di tessera punti virtuale. La card dà diritto anche a dei premi. Siamo tecnologici anche perchè utilizziamo un programma gestionale per il food&beverage innovativo e utile: Foody. 

Ti occupi di tecnologia oltre che di food and beverage?
Si! Accanto a questa attività, ha sicuramente una grande importanza la Nealogic: sono infatti uno sviluppatore di business e software, creo con il mio staff elementi software e siamo da più di 10anni sul mercato. La nostra mission è quella di creare dei prodotti innovativi.

Da qui a 5 anni dove vi vedete?
Per noi è importante crescere insieme. Ora siamo in 20 ma aspiriamo a sederci a tavola alla cena di Natale in 70!
 
 
Via De Rossi n.137
Bari, Italy
telefono 080 880 7571

Foto di Gaga Jovanovic per Smile&Coffee

 
 

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Fabia Tonazzi

Giornalista pubblicista e blogger, appassionata di social media, leader dello yoga della risata, speaker. Solare, socievole, chiacchierona… ”Parla anche con i muri!” Crede che nella vita la passione senza la costanza e l’impegno non porti da nessuna parte. Il mio motto? ”Vivi e lascia vivere ” I miei blog? Tanti quanti sono le mie passioni! La mia citazione preferita? “Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi” B.Brecht

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​I ristoranti migliori dove farsi una scorpacciata di Tartufo Bianco d'Alba

Con i suoi 250 € all’etto di quest'anno si conferma la prelibatezza più costosa in tavola, ma bando alla tirchieria per una volta.

LEGGI.
×