Attorno al rinnovato hotel Villa Sara, immerso tra le verdeggianti campagne lagunari di Favaro Veneto, alle porte di Mestre, c’è il suo vero grande tesoro: un parco con piscina che teme ben pochi avversari nel raggio di molti chilometri. Villa Sara è una vera e propria oasi di relax, divertimento e oggi anche di gusto: la nuova giovane gestione che ha preso in mano la struttura nell’ultimo anno e mezzo ha saputo invertire la rotta, restituendo a questo posto storico il lustro che meritava, e rivoluzionandone la proposta – specie quella enogastronomica – con una serie di novità semplicemente irresistibili.


Spezzare una lunga ed afosa giornata di lavoro godendoci una saporita poke in mezzo alla campagna. Restare comodi al proprio ombrellone, tra un tuffo in piscina ed una meritata siesta, aspettando che il cameriere ci porti la godereccia poke tartare che abbiamo appena ordinato da remoto. Organizzare un gioviale apericena con gli amici, dove mentre il sole tramonta ad ovest, un fiume di cocktail viene accompagnato da poke bowl a fantasia. La prima grande novità del nuovo corso di Villa Sara, a Favaro Veneto, è il pokebar. Forte di un menù ricco di proposte classiche ed inedite, e di una ragguardevole disponibilità di materie prime con cui il poke chef può sbizzarrirsi, il pokebar di Villa Sara propone qualcosa di totalmente unico nel panorama dell’entroterra lagunare: la possibilità di mangiare poke (non solo a base di pesce fresco ma anche, per esempio, di tartare di manzo) all’aria aperta, fra campagna, natura e piscina. Tutti i giorni della settimana, a pranzo, come a cena o… Per merenda, perché no!

 
La seconda novità è senz’altro la pizzeria. Non una pizzeria qualsiasi, però, attenzione. Accanto al forno a legna (oggigiorno un plus sempre meno scontato) ed alla lunga lievitazione degli impasti usati (garanzia di alta digeribilità), la pizzeria di Villa Sara punta decisa su qualità e varietà di tutti gli ingredienti. Nel menù, infatti, non troverai dozzine e dozzine di proposte, perlopiù varianti minimali della Margherita; bensì una contenuta selezione di pizze ben distinte fra loro, ognuna caratterizzata dall’unicità della sua formula di sapore e quindi delle materie prime con cui è guarnita. Alcune specialità del pizzaiolo sono davvero incredibili: c’è persino la pizza con la lavanda! Ciliegina sulla torta, le birre in abbinamento: in primis la BAV del premiato Birrificio Veneziano. Una chicca assoluta.


La piscina non è certo una novità, in sé e per sé: Villa Sara era da anni già famosa per la sua area piscina così grande, tranquilla e confortevole. Una delle migliori in tutto l’entroterra veneziano. Oggi il bello è che questa struttura è aperta anche al pubblico, tutti i giorni: puoi venire qui e affittarti il tuo ombrellone in giornata, per una domenica diversa dal solito, in cui evitarti le code e la confusione tipiche della spiaggia durante la primavera-estate. La differenza, poi, la fanno tutti i servizi aggiuntivi: il moderno cocktail bar in mezzo al parco (dove gustare non solo premium drink ma anche estratti, centrifughe e svariate bevande top); la già citata possibilità di ordinarsi bibite, poke, gelati e leccornie varie restando spaparanzati sul lettino; la presenza di un’ottima pizzeria e di un ristorantino bistrot con cucina dove prolungare la giornata, coronandola con una signora cena.
 


Proprio la cucina fusion è l’ultima graditissima novità di Villa Sara, che completa così una proposta anzitutto imperniata sul fresco e moderno pokebar e sull’ottima pizzeria. Il ristorantino d’atmosfera ricavato nella dependance dell’albergo propone piatti italiani reinterpretati in chiave orientale, con un menù stagionale che valorizza i prodotti tipici del territorio ma anche moderne tendenze enogastronomiche internazionali. Il tutto innaffiato con una contenuta ma ricercata selezione di bianchi, rossi e – ça va sans dire – fresche bollicine!

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×