Quella di Giovanni te la cucini a casa. Mangiarsi un piatto di pasta fresca a Roma

Pubblicato il: 23 novembre 2019

Quella di Giovanni te la cucini a casa. Mangiarsi un piatto di pasta fresca a Roma

"M’hai provocato e mò te magno!" diceva Alberto Sordi in un celebre film. E aveva ragione, di provocazione di questo tipo Roma ne è piena. La tradizione della pasta qui è storia, profumo, è ragione di vita. Un bel piatto di pasta è quanto di più facile si possa trovare nella Capitale, ma non sempre le aspettative vengono mantenute. In questi locali invece si può mangiare pasta fresca di qualità mantecata con prodotti eccellenti della tradizione italiana. E quella di Giovanni oggi la lasciamo in frigo.

Al Celio


La storia della cucina è fatta di sapori, di ricette e di passione. E all’Hostaria da Isidoro, a due passi dal Colosseo, c’è tutto questo. A distanza di sessant’anni, l’atmosfera non è mutata. La pasta fresca è la linfa vitale di questa osteria, che non ha mai smesso di proporre la cucina storica senza orpelli o fronzoli. Da sballo i pici all’amatriciana con guanciale di Amatrice e pecorino romano dop e gli intramontabili tonnarelli cacio e pepe. Ma l’asticella sale ancora con i ravioli verdi ripieni di burrata e cipolla rossa su crema di pachino e i ravioli di cernia con bottarga e salsa di limone e basilico. Poi il rapporto fra qualità e prezzo è molto interessante.
Via San Giovanni in Laterano 59A, tel. 06 700 8266

A Prati


Dove c’è famiglia c’è pasta. E chissà quanta ne ha cucinata Enrica Sutrini, detta Zia Rilla, una delle grandi donne del panorama culinario romano. Zia Rilla è trattoria, bistrot e soprattutto laboratorio di pasta artigianale (che vende anche al pubblico). Fettuccine, tortellini, tagliatelle, ravioli: la pasta è un connubio perfetto di anema e core e gli abbinamenti del menu ne esaltano ancor di più le caratteristiche primordiali. Sui primi, Zia Rilla se la gioca con tutti: pansotti genovesi con salsa di noci, ravioli di ricotta e porcini con fonduta di parmigiano, fettuccine al ragù, gnocchi alla sorrentina. Questi sono solo 4 dei 19 primi del ristorante: un unicum nel panorama romano.
Via Famagosta 18, tel. 06 9489 0418

A Piazza di Spagna


Se cerchi una location all’avanguardia in cui sederti e mangiare un buon piatto di pasta, non andare al Pastificio Guerra. I motivi sono due: il pastificio ha solo dei piccoli appoggi all’interno del locale e la pasta non è solamente buona, di più. Ogni giorno, decine di romani e di turisti si affollano all’ingresso del pastificio e attendono con ansia il loro turno. I piatti variano a seconda del gusto o della stagionalità: fettuccine, tonnarelli, rigatoni, ravioli… Qui se magna e se ammira il panorama. Via della Croce infatti è una traversa di Piazza di Spagna, una delle piazze più belle del mondo. Ogni forchettata è un angolo di paradiso.
Via della Croce 8, tel. 06 679 3102

A Termini


Roma è così incredibile che per mangiare un piatto di pasta fresca fatta in casa, non si deve neanche uscire dalla stazione. A Termini infatti, al Mercato Centrale, c’è la bottega del maestro Egidio Michelis. La sua famiglia produce pasta da 100 anni, quando Mario aprì una piccolo laboratorio a Mondovì. Qui c’è un rispetto assoluto per la materia prima e per la sua conservazione, per i ripieni vengono utilizzate soltanto uovo di galline allevate a terra e prodotti di alta gastronomia. La qualità è al centro e anche un semplice pacchero con pomodoro, basilico e burrata sa toccare le corde più profonde dell'anima. Oltre ai piatti del giorno (che variano sempre) si può comprare la pasta, una delle più buone di Roma.
Via Giovanni Giolitti 36, tel. 06 46202900

A Campo de’ Fiori


Fettuccine, strozzapreti, tagliolini, gnocchi, sciavatelli. Qui all’Osteria da Fortunata la pasta fatta in casa è delizia allo stato puro, è un piacere senza fine. Siamo in un locale che ha fatto la storia di questo quartiere e che ha fatto della semplicità il suo punto di forza. Qui non ci sono contaminazioni o abbinamenti da cucina stellata, c’è solo un grandissimo rispetto per la storia culinaria di Roma e per le ricette tramandate nel corso dei secoli. La location è volutamente spartana e ci trasmette il calore della cucina di un tempo, quella che ci ha reso famosi nel mondo.
Via del Pellegrino 11/12, tel.06 60667391

Foto di copertina dalla pagina Facebook di Osteria Trattoria da Fortunata

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Angelo Dino Surano

Giornalista, addetto stampa, web copywriter, social media manager e sognatore dal 1983. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Vin brulé, brezel e frittelle di mele come non ci fosse un domani: i mercatini di Natale più belli (e famosi) d'Europa

Quello che entusiasma di più dei mercatini di Natale è il cibo, che siate in mood natalizio o di umore nero, poco importa.

LEGGI.
×