​Le nuove aperture di Milano che abbiamo scoperto nella primavera 2024

Pubblicato il 27 marzo 2024

​Le nuove aperture di Milano che abbiamo scoperto nella primavera 2024

Si sente già quella frizzantezza che è tipica della stagione. Si tratta della primavera, che bellezza! Le prime giornate di sole con ancora però quell’arietta freschina che incitano a tornare all’aperto. I più temerai si tolgono già la giacca. Poi ci sono quelli già in giro con le maniche corte alla sera, ma avranno 20 anni e lì si entra nell’inspiegabile mistero genetico che non fa sentire il fottuto freddo ai giovincelli. Sì, c’è quel pizzico comprensibile di invidia. Insomma, lo scenario è perfetto che tornare a cenare fuori la sera, prolungare la giornata post ufficio con un aperitivo, oppure un pranzo nel weekend. Trova pure il momento che ti è più congeniale, noi andiamo alla scoperta di questi locali, che sono tutte delle nuove o recenti aperture della primavera, per tornare a girare, festeggiando il cambio di stagione.

A Brera

Trattoria del Ciumbia

Il gruppo è quello guidato dal giovane Del Vecchio, lo stesso di Vesta e Fiori Chiari. Ecco, resta proprio nella stessa via la recente Trattoria del Ciumbia, che propone una carta in cui si trovano specialità della cucina milanese, col giusto tocco di originalità. Precisiamo subito, qui riesce l’intento di proporre piatti della tradizione, con rivisitazioni interessanti, che non stravolgono l’idea originale. Un esempio? La Cotoletta alta con l’osso, impanata però con pane grezzo che limita i grassi, ovviamente sempre cotta nel burro chiarificato.
Trattoria del Ciumbia - via Fiori Chiari 32, Milano - tel. 0249596056

Gloria Osteria

C’è già da un po’, precisamente da dicembre dello scorso anno. Ma noi l’abbiamo scoperta, sempre in Brera, in questo inizio di primavera. Location molto instagrammabile, che segna l'ingresso a Milano del rinomato colosso transalpino Big Mamma, con il suo nuovo locale ispirato alla cucina italiana. Gloria Osteria, con il suo irresistibile fascino tutto francese, evoca l'atmosfera dei bistrot parigini di due decenni fa. L'ambiente è elegantemente arredato, con tessuti raffinati e sedute dai toni accoglienti, il tutto esaltato da un gioco di specchi. Lo stile del locale si riflette prima nell'arredamento e poi nei piatti serviti in cucina. La modernità si manifesta nei piatti, apparentemente tradizionali ma reinterpretati e presentati con dovizia di particolari. Tra le proposte per il primo piatto spicca una Cacio e quattro pepi, caratterizzata da un mix di pepe nero di Lampong, pepe verde di Malabar e pepe nero affumicato di Banasura e Timut, che si distingue dalla tradizione. Tra i secondi, da non perdere gli Saltimbocca alla romana, per concludere con una deliziosa Tarte Tatin di mele.
Gloria Osteria - via Tivoli 3, Milano - tel. 344 0739345

In Moscova

Eggs

Da inizio marzo, in via Solferino, ci si può fermare da Eggs, aperto per pranzo e cena, sette giorni su sette. Il piatto forte? Le uova, troppo semplice. Il ristorante arriva a Milano, c’era già a Roma, e propone una varietà di piatti sorprendenti con protagonista le uova. Che ci siano diversi modi di preparare un uovo è affar noto, basti pensare alla storia del cappello dello chef, con tante pieghe quante sono la maniere di cuocere un uovo. L’attenzione anche a Milano resta per i piatti della cucina romana, con “uova di terra e di mare”. Siamo proprio di fianco a Dry, locale simbolo dell’abbinamento pizza più cocktail. E a proposito di drink, anche qui si beve bene, con le creazioni del bartender Gianluca Bocanegra.
Eggs - via Solferino 35, Milano - tel. 0209972435

Cerere

Il nome è un omaggio dalla Dea della Terra e della fertilità. Cerere - Cibo di Terra apre in via della Moscova grazie all’idea di una coppia di soci ma anche coppia nella vita, Giorgia Codato e Mauro Salerno, che seguono il principio della filiera corta. Anzi, cortissima. Frutta e verdura sono raccolti nell’orto, il pesce è pescato solo all’amo e pane e pasta sono fatti in casa. Cosa si mangia? Tagliatelle al ragù, risotto mantecato in crema di scarola, burro acido, aioli e liquirizia. Location di design, per assaggiare un po’ tutto c’è il menu degustazione, a partire da 65 euro.
Cerere - Cibo dalla Terra - via della Moscova 24, Milano - tel. 3534419985 

Porta Nuova

Lafa

Cambiamo zona, ci spostiamo nel Certosa District, in via Varesina, da Lafa. Già dal nome si capisce che l’ispirazione qui è molto orientaleggiante, con una cucina araba e mediorientale. Il titolare è Hippolyte Vautrin, già gestore di Røst e Kanpai, in Porta Venezia, qui osa di più, lasciando più spazio alle contaminazioni culinarie tra diverse culture. In cucina gli chef sono Claudio Daviddi e Luna Ferrari, supervisionati da Tommaso Sorgentone, con esperienze da Niko Romito.
Lafa - via Varesina 204, Milano - tel. 3513524160

Osteria La Semivuota

Tovaglie a quadrettoni bianchi e rossi, cucina lombarda e buoni prezzi. L’Osteria La Semivuota inganna, anzi scherza, sin dal nome. In realtà è quasi sempre piena, molto ben frequentata da chi cerca una cucina semplice, senza fronzoli, che preferisce i piatti milanesi, serviti in un ambiante che risulta un po’ vintage, merito anche dei mattoni a vista sui muri, e dell’aria informale. L’intento, in parte riuscito, è quello di creare un’atmosfera della Milano che fu, sia nella sala che nel piatto. Da mangiare ossobuco e gremulada, risotto giallo e polenta concia. Dritto al punto, senza perdersi in inutili dettagli.
Osteria La Semivuota - via Cornalia 4, Milano - tel. 0235950405

Duomo-Sant'Ambrogio

Quintalino

Di Quintalino abbiamo giù detto quasi tutto qui. Nasce dalla convinzione che il fast food possa anche essere di qualità, una sorta di “fast quality food”, sempre per sembrare più internazionali. Il locale milanese fresco di apertura, spin-off del ristorante Quintale della star della macelleria Dario Cecchini, nasce dall’unione dell’esperienza della famiglia de Rosa, e quella internazionale di Francesco Panella, oltre a quella di Alessandro Cattelan, in qualità di direttore creativo del progetto. Tutti protagonisti del cambio di paradigma. Nella nuova location, in via Terraggio 9, nel cuore di Milano, a due passi da Sant’Ambrogio, si mangiano panini ma con ingredienti di altissima qualità. Per fornire una panoramica, il prodotto finale si basa su quattro elementi fondamentali che garantiscono la qualità, mantenendo al contempo elevati standard qualitativi. Partiamo dalla carne, selezionata dalla rinomata macelleria toscana di Dario Cecchini; il pane, invece, è fornito da Antonio Follador, con il suo pretzel bun appositamente creato per questa occasione. Le verdure sono scelte da un fornitore attentamente selezionato, mentre le salse sono preparate in loco, direttamente presso il Quintale. L'hamburger, pur essendo un piatto universalmente conosciuto e amato, assume qui un'eleganza particolare, diventando simbolo dell’italianità. Da provare.
Quintalino - via Terraggio 9, Milano - tel. 3701301181

Rumore

Situato all'interno di Portrait Milano, nell'Ex Seminario Arcivescovile, il nuovo indirizzo si affianca al rinomato concept di Beefbar. Rumore è un cocktail bar con una cucina dallo stile raffinato, curato da Francesco Cione, direttore, e Sossio Del Prete, Bar Manager. Qui è possibile degustare champagne di qualità, cocktail artigianali eccezionali e godere di musica dal vivo o di DJ set durante la serata. La carta offre una varietà di bao, tacos, sandwich e patatine, ideali per un aperitivo o per una cena leggera a qualsiasi ora del giorno. Ha aperto a fine dello scorso anno, ma vale la pena passare a scoprirlo anche in questa primavera, per godersi l’atmosfera dal fascino retrò, facendo un viaggio a ridosso degli anni ’20, fino agli anni ’60. Senza tempo.
Rumore - corso Venezia 11, Milano - tel. 0286882332 

Foto di copertina dalla pagina Fb di Lafa

  • NUOVE APERTURE

scritto da:

Fabrizio Arnhold

Il trucco per un buon aperitivo o una cena perfetta? Scegliere il posto giusto. Vi racconterò i miei locali preferiti, ma sempre con spirito critico, senza mai dimenticare che a Milano c’è tutto quello di cui si ha bisogno. Basta saper scegliere.

POTREBBE INTERESSARTI:

​I cinque cocktail più sexy nella storia della mixology, a partire dal loro nome

Eh sì, ogni drink racconta una vicenda, una storia che il proprio nome incarna, chiarisce o suggerisce…

LEGGI.
×